José Reinaldo de Lima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Reinaldo)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Reinaldo" rimanda qui. Se stai cercando il calciatore brasiliano nato nel 1976, vedi Reinaldo Rosa dos Santos.
Reinaldo
WC78 BRA-ITA.jpg
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 172 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1988
Carriera
Squadre di club1
1973-1985 Atlético Mineiro 575 (255)
1985 Palmeiras ? (?)
1986 Rio Negro ? (?)
1986 Cruzeiro 2 (0)
1987 Häcken ? (?)
1988 Telstar ? (?)
Nazionale
1975-1985 Brasile Brasile 29 (11)[1]
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo Copa América 1975
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Argentina 1978
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

José Reinaldo de Lima detto Reinaldo (Ponte Nova, 11 gennaio 1957) è un ex calciatore e politico brasiliano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordì come calciatore professionista il 28 gennaio 1973, a poco più di 16 anni, nelle file dell'Atletico Mineiro in occasione della partita contro il Valério[2]. Ma l'anno dopo, durante l'incontro contro il Ceará, si infortunò seriamente al ginocchio; e questo fu solo il primo di una lunga serie di problemi al ginocchio, che lo accompagneranno nel corso di tutta la carriera.

Nel 1976, con l'Atletico, con il quale giocò complessivamente 475 partite segnando 255 reti per una media di poco più di un gol ogni due partite, conquistò il primo Campionato Mineiro (in tutto ne vinse 6 tra il 1976 e il 1985), e nel 1985 venne ingaggiato dal Palmeiras.

Chiuse la propria attività agonistica nel 1988, dopo avere passato una stagione nel campionato svedese, ed una nel campionato olandese.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò nella nazionale brasiliana il 30 luglio 1975 a Caracas per l'incontro, vinto 4-0, contro il Venezuela, valevole per la Copa America, e venne convocato come centravanti titolare ai Mondiali in Argentina 1978, anche se giocò solo tre partite.

In tutto vestì la maglia della nazionale per 37 volte segnando 14 reti tra il 1975 e il 1985[3].

La vita politica[modifica | modifica wikitesto]

I primi segni della passione per la politica li diede già durante la vita di calciatore. Infatti, ad ogni gol segnato alzava il pugno destro a imitazione del gesto di protesta del movimento degli afro-americani dei Black Panthers. Queste azioni lo resero però inviso ai militari, che governavano il Brasile tra la metà degli anni sessanta e il 1985, tanto che, a causa di un'intervista rilasciata durante il Mondiale 1978, nella quale auspicava un ritorno della democrazia nel proprio paese, gli stessi militari intervennero per farlo sostituire dall'altro centravanti Roberto Dinamite[4].

Dopo il ritorno alla democrazia entrò attivamente in politica tra le file del Partito dei lavoratori dell'ex presidente Lula, e nel 1990 venne eletto deputato. Nel 2005 ottenne l'elezione alla carica di consigliere comunale a Belo Horizonte, e attualmente svolge anche l'attività di editorialista per il giornale O Tempo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Atlético Mineiro: 1976, 1978, 1979, 1980, 1981, 1982, 1983, 1985

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1977, 1983

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 37 (14) se si considerano anche le amichevoli non ufficiali disputate dalla Nazionale maggiore brasiliana.
  2. ^ Dal sito web del quotidiano brasiliano O Tempo dell'11 febbraio 2008
  3. ^ Dalla scheda "Reinaldo (ex-centroavante do Galo)" del 3 aprile 2008 sul sito web www.miltonneves.com
  4. ^ Dall'articolo del 24 giugno 2008 "Reinaldo, il rivoluzionario di Belo Horizonte" dal sito web www.mondocalcio

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN66418152 · LCCN: (ENnr2004014487