Túlio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio di persona maschile, vedi Tullio.
Túlio
Tulio no Itumbiara.JPG
Túlio con la maglia dell'Itumbiara, nel 2009.
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 175[1] cm
Peso 70[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Taboão da Serra
Ritirato 2014
Carriera
Squadre di club1
1987-1992Goiás88 (48)
1992-1993Sion11 (3)
1994-1996Botafogo73 (55)
1997Corinthians33 (14)
1997Vitória24 (9)
1998Fluminense22 (10)
1998Botafogo24 (10)
1999-2001Vila Nova21 (27)
2000São Caetano23 (30)
2000Botafogo14 (4)
2001-2002Santa Cruz7 (1)
2001-2002Újpest10 (4)
2002-2003Brasiliense21 (11)
2003Atl. Goianiense1 (3)
2003Tupy-ES2 (5)
2004Wilstermann16 (24)
2004Anapolina9 (1)
2004Volta Redonda16 (12)
2005Juventude11 (2)
2005Al-Shabab0 (0)
2005-2006Volta Redonda18 (20)
2006Fast Clube10 (10)
2006Canedense23 (25)
2006Itauçuense7 (7)
2007-2008Vila Nova37 (24)
2009Itumbiara22 (14)
2009Goiânia10 (5)
2009-2011Botafogo-DF5 (1)
2011Barras6 (4)
2011Canedense1 (0)
2011Bonsucesso9 (3)
2011CSE3 (4)
2011Tanabi5 (1)
2012Botafogo0 (0)
Nazionale
1990-1995 Brasile Brasile 14 (10)[2]
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Uruguay 1995
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

«Quando Túlio è in campo, non esiste gol banale.»

(Armando Nogueira[3])

Túlio Humberto Pereira Costa, detto Túlio Maravilha o solo Túlio (Goiânia, 2 giugno 1969), è un ex calciatore e politico brasiliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2008 è stato eletto aldermanno nella capitale dello Stato di Goiás, Goiânia, per il Partito del Movimento Democratico Brasiliano,[4] con 10.401 voti.[5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato come attaccante[6] per molte squadre di club brasiliane e ha avuto anche una carriera di breve durata in squadre europee giocando nel Sion e nell'Újpest dimostrando un'abilità realizzativa fuori dal comune che gli ha permesso di realizzare moltissime reti.[7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la carriera nel Goiás, diventando capocannoniere del Campionato Statale giovanile 1987 con 22 gol. Fu promosso in prima squadra da Luiz Felipe Scolari; diventato professionista, fu capocannoniere del Campeonato Goiano 1991 e del Campeonato Brasileiro Série A 1989. Giocò poi nel Sion, in Svizzera, prima di approdare al Botafogo nel 1994; lì ricevette dai tifosi il soprannome di "Túlio Maravilha" quando segnò 3 gol contro l'América. Fu nuovamente capocannoniere sia del campionato statale e nazionale nel 1994 e nel 1995; passato al Corinthians, vi rimase per sei mesi. Giocò poi nel Vitória di Bahia, e tornò al Botafogo nel 1998 formando un duo d'attacco con Bebeto e vincendo il Torneio Rio-São Paulo.

Dopo l'esperienza con il Fogão giocò in diversi club, come il Fluminense e il Cruzeiro nel 1999 ed il São Caetano nel 2000; dopo aver giocato con il Santa Cruz tornò nello stato di Goiás, stavolta nel Vila Nova prima di trasferirsi nuovamente in Europa, agli ungheresi dell'Újpest. Poco tempo dopo tornò in Brasile, per giocare nella squadra della capitale, la Brasiliense. Successivamente giocò nel Tupy e nell'Atlético Goianiense, e per i boliviani del Jorge Wilstermann.

Túlio con Denílson.

Tornato per la terza volta nella sua carriera in Brasile, giocò nell'Anapolina e con la Juventude. Successivamente, passò all'Al-Shabab, squadra dell'Arabia Saudita, giocandovi però per un periodo molto breve.

Negli anni successivi ha giocato nelle serie inferiori del campionato brasiliano, e secondo i suoi conteggi, nel 2014 ha raggiunto il traguardo di mille gol all'età di 44 anni. Questo numero è stato tuttavia raggiunto solo contando gli obiettivi nelle amichevoli, nelle partite commemorative e nel calcio dilettantistico.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel Brasile Túlio Costa conta 15 presenze e 13 gol realizzati;[8] è stato incluso nella lista dei convocati per la Copa América 1995, durante la quale segnò un famoso gol viziato da un tocco di mano all'Argentina[9] e sbagliò il rigore decisivo nella finale contro l'Uruguay.[9]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

Goiás: 1989, 1990, 1991
Botafogo:1998
São Caetano: 2000
Volta Redonda: 2005
Itauçuense: 2006

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Botafogo: 1995
Brasiliense: 2002
Újpest: 2001-2002

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Botafogo: 1996
Cruzeiro: 1998

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1989
1989 (11 gol), 1994 (19 gol), 1995 (23 gol)
2008 (24 gol)
2002 (11 gol), 2007 (27 gol)
1994 (14 gol), 1995 (27 gol), 2005 (12 gol)
1991 (18 gol), 2001 (16 gol), 2008 (14 gol)
2006 (7 gol)
2000 (18 gol)
2009 (7 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (PT) Túlio (Túlio Humberto Pereira da Costa), su futpedia.globo.com. URL consultato il 17 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2009).
  2. ^ 15 (13) se si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate dalla Nazionale maggiore brasiliana.
  3. ^ (PT) Sito del giocatore, su tuliomaravilha.com.br. URL consultato il 20 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2008).
  4. ^ (PT) Túlio Maravilha é eleito vereador em Goiânia, in terra.com.br, 5 ottobre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  5. ^ (PT) Atacante Túlio Maravilha é eleito vereador em Goiânia, in O Globo Online, 6 ottobre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2008).
  6. ^ (EN) Sambafoot - Túlio Maravilha, su en.sambafoot.com. URL consultato il 17 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2009).
  7. ^ (PT) Túlio Maravilha faz gol mais rápido da carreira, e Botafogo-DF sobe de divisão, in Globoesporte.com, 11 ottobre 2009. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  8. ^ (PT) Lista di gol tratta dal sito ufficiale, su tuliomaravilha.com.br. URL consultato il 20 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2008).
  9. ^ a b Brasile, ai rigori si può piangere, in La Repubblica, 24 luglio 1995, p. 38. URL consultato il 20 dicembre 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Túlio, su national-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Túlio, su transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • (PT) Lista dei gol, su people.ufpr.br.