Oxford Street

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 51°30′49″N 0°09′20″W / 51.513611°N 0.155556°W51.513611; -0.155556

Oxford Street con Selfridges sullo sfondo.

Oxford Street è una strada di Londra, ubicata nella Città di Westminster.

Con i suoi oltre trecento punti vendita, si tratta di una delle più famose e attive strade commerciali del mondo. Ad ogni ora freme infatti di attività ed è sconsigliabile raggiungere la zona con auto e mezzi pubblici come gli autobus, mentre la metropolitana offre numerose linee e ben quattro stazioni lungo il percorso.

La strata è interrotta circa a metà da Oxford Circus, dalla quale si dirama Regent Street a nord e a sud. Altra importante traversa è New Bond Street, sede dei negozi di fascia più alta della capitale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Oxford Street nel 1875, prima della costruzione dei grandi magazzini Selfridges che sostituiranno i palazzi a destra

Il tracciato rettilineo di Oxford Street è lungo 2.5 km e collega Marble Arch a Tottenham Court Road passando per Oxford Circus. Proseguendo verso est, la strada diventa New Oxford Street fino a quando non incrocia High Holborn. Ad ovest di Marble Arch, invece, diventa Bayswater Road, poi Notting Hill Gate e Holland Park Avenue fino alla Shepherd's Bush Roundabout, dopo la quale diviene Uxbridge Road.

Numerose sono le strade che intersecano Oxford Street: per citare le più importanti, Park Lane, New Bond Street e Regent Street.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il tracciato di Oxford Street ricalca quello dell'antico tratto urbano della via Trinobantina, strada romana che collegava l'Hampshire con Colchester: si trattava di uno dei principali assi viari dell'antica Britannia.

Tra il XII ed il XVIII secolo la strada era conosciuta come «Tyburn Road» (toponimo che si riferisce al fiume Tyburn che anticamente vi scorreva a sud), Uxbridge Road (nome tuttora in uso nel tratto fra Shepherd's Bush e Uxbridge), Worcester Road e Oxford Road.[1] In quest'epoca, era principalmente nota poiché era l'ultimo tratto di strada percorso dai detenuti della prigione di Newgate, prima di essere decapitato ai patiboli di Tyburn (ubicati presso Marble Arch). Fu solo nel 1792 che la via assunse il nome di Oxford Street, con cui è tuttora nota.[2]

La strada nel 1961

Il nome probabilmente deriva dal conte di Oxford, che nel tardo Settecento acquistò gran parte dei campi circostanti; questi ultimi nel tempo si svilupparono, ospitando dapprima mascherate ed eventi e poi, nell'Ottocento, i primi negozi.

Oxford Street subì pesanti bombardamenti durante la seconda guerra mondiale. Tristemente noto è quello avvenuto nella notte fra il 17 ed il 18 settembre 1940, che coinvolse anche grandi punti vendita come John Lewis, Selfridges, Peter Robinson e Bourne & Hollingsworth.[3]

Shopping[modifica | modifica wikitesto]

Oxford Street si attesta come la passeggiata commerciale più lunga della capitale, con numerosissimi punti vendita di vari tipi di merce.

Numerose sono le aziende che hanno eletto la strada come sede del proprio flagship store:

  • Debenhams, catena di grande distribuzione organizzata britannica prima nota come «Marshall & Snelgrove». Il primo punto vendita era ubicato presso l'incrocio con Wigmore Street.
  • HMV. La catena di negozi musicali ha aperto il suo primo negozio proprio in questa strada, al civico n. 150; attualmente lo store di HMV sta al n. 363, mentre la sede originaria (grande 5,000 m2) è stata chiusa.
  • House of Fraser, catena di grande distribuzione, è stato il primo negozio a collegare ogni piano con l'ausilio di scale mobili.
  • John Lewis. La sede di Oxford Street, riqualificata nel 2009, ha sei piani ed un supermercato Waitrose al pianterreno.
  • Marks & Spencer ha aperto a Oxford Street (angolo Orchard Street) il suo punto vendita più grande, di 16,000 m2.
  • Selfridges, il grande magazzino più grande di tutto il Regno Unito dopo Harrods, si è insediato proprio a Oxford Street.
  • Topshop.

Luci e decorazioni natalizie[modifica | modifica wikitesto]

Oxford Street nel 2005

Ogni anno, durante il periodo natalizio, Oxford Street viene rifinita con luci e decorazioni sul tema del Natale. Questa celebrazione è cominciata nel 1959 e si ispira a quella della vicina Regent Street, che però la tira avanti dal 1954. Purtroppo, nel 1967 le luci smisero di essere appese poiché un periodo di recessione colpì la città di Londra e l'organizzazione riprese solo nel 1978, oltre un decennio più tardi.

Dal 1981 una celebrità accende le luci intorno alla metà-fine del mese di novembre. L'elenco delle star che hanno illuminato Oxford Street è disponibile di seguito:

Monumenti classificati[modifica | modifica wikitesto]

Il No. 147 di Oxford Street venne costruito nel 1897 ed è monumento classificato di grado II dal 2009.

Numerosissimi sono gli edifici di Oxford Street protetti in quanto monumenti classificati di grado II; fra questi, vi sono anche le quattro facciate di Oxford Circus.[24][25]

Numero civico Grado Classificato dal Descrizione
6 II 1987 The Tottenham
34 & 36 II 1987 Costruiti nel 1912[26]
35 II 2009 Costruito per gli orefici Richards & Co. nel 1909.[27]
105–109 II 1986 Costruito nel 1887 circa per il cappellaio Henry Heath.[28]
133–135 II 2009 Pembroke House, costruita nel 1911[29]
147 II 2009 Costruito nel 1897 per il chimico John Robbins.[30]
156–162 II 1975 Costruito nel 1906–08; uno dei primi esempi di edifici realizzati in acciaio.[31]
164–182 II 1973[32]
173 II 2009 Il Pantheon, oggi sede di Marks and Spencer
219 II 2001[33]
313 II 1975 Costruito nel 1870–1880 circa[34]
360–366 II 1987[35]
368–370 II 2008 Costruzione di inizio Novecento, con la facciata realizzata negli anni trenta[36]

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Oxford Street viene citata in molte opere di Charles Dickens. In Racconto di due città, sebbene sotto le vesti di «Oxford Road», la strada viene descritta come «povera di edifici», malgrado lo sviluppo urbanistico della zona fosse in uno stadio avanzato già alla fine del Settecento. Viene fatta menzione di Oxford Street anche in Sketches by Boz e Casa Desolata.[37]

La strada è anche un "terreno" dell'edizione britannica del gioco da tavolo Monopoly, dove insieme a Regent Street e Bond Street forma il set verde; questi toponimi sono stati raggruppatti in quanto rappresentano principali strade dello shopping londinese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oxford Street: The Development of the Frontage, in Survey of London: volume 40: The Grosvenor Estate in Mayfair, Part 2 (The Buildings) (1980), pp. 171–173, da British History Online
  2. ^ Tottenham Court Road in Old and New London: Volume 4 (1878), pp. 467–480, da British History Online
  3. ^ The Blitz: Oxford Street's store wars, BBC News, 6 settembre 2010. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Jo Swinnerton, The London Companion, Robson Books, 2004, p. 24, ISBN 978-1-86105-799-0.
  5. ^ David Sinclair, Wannabe: how the Spice Girls reinvented pop fame, Omnibus Press, 2004, p. 90, ISBN 978-0-7119-8643-5.
    «They [the Spice Girls] were an obvious choice, for example, to switch on the Oxford Street Christmas Lights in November 1996, a commitment which they took conspicuous delight in fulfilling.».
  6. ^ Mike McGeever, Peter Andre's got the 'Time', in Billboard, 20 dicembre 1997, p. 18. URL consultato il 28 novembre 2010.
    «Andre has become a familiar face in Britain, where he was the celebrity chosen for the high-level media of switching on the Christmas lights Nov. 7 on London's Oxford Street.».
  7. ^ Boyzone star gets in Christmas spirit, BBC, 19 novembre 1999.
  8. ^ Charlotte lighting up London, charlottechurch.net, 21 novembre 2000.
  9. ^ Claire Hu, Seven light up Oxford St heavens, su Evening Standard, 1º novembre 2001. URL consultato il 28 novembre 2010.
  10. ^ Enrique Turns It On For London Shoppers, Sky News, 21 novembre 2003. URL consultato il 28 novembre 2010.
  11. ^ Enrique the Christmas hero, su Mirror, 28 ottobre 2003. URL consultato il 28 novembre 2010.
  12. ^ Festive switch-on for Potter star, BBC, 16 novembre 2004.
  13. ^ Westlife switch on festive lights, BBC, 15 novembre 2005.
  14. ^ Westlife switch on London's Christmas lights, RTÉ Ten, 16 novembre 2005. URL consultato il 28 novembre 2010.
  15. ^ Energy row over Christmas lights, BBC, 9 novembre 2006.
  16. ^ Leona to turn on Christmas lights, BBC, 29 ottobre 2007.
  17. ^ Sri Carmichael, Thousands see Oxford Street lit up by spirit of Christmas, su Evening Standard, 8 novembre 2007. URL consultato il 28 novembre 2010.
  18. ^ Diana Pilkington, Christmas crackers: Sugababes light up West End as X Factor finalists sing for screaming crowds (Londra), Daily Mail, 13 novembre 2008. URL consultato il 28 novembre 2010.
  19. ^ Sugababes switch on Oxford Street Christmas lights, in The Telegraph (Londra), 13 novembre 2008. URL consultato il 28 novembre 2010.
  20. ^ Jim Carrey switches on Oxford Street Christmas lights (Londra), The Telegraph, 3 novembre 2009. URL consultato il 28 novembre 2010.
  21. ^ Actor Carrey switches on lights, BBC News, 4 novembre 2009. URL consultato il 28 novembre 2010.
  22. ^ Rihanna lights up Westfield, London Evening Standard, 5 novembre 2010. URL consultato il 28 novembre 2010.
  23. ^ (EN) Oxford Street Christmas Lights, in Time Out, 12 ottobre 2015. URL consultato il 6 novembre 2015.
  24. ^ Listed Buildings in Westminster, Greater London, England, British Listed Buildings. URL consultato l'8 luglio 2015.
  25. ^ Listed buildings, Westminster City Council. URL consultato l'8 luglio 2015.
  26. ^ (EN) 34 and 36, Oxford Street W1, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato il 9 luglio 2015.
  27. ^ (EN) 35, Oxford Street, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato il 9 luglio 2015.
  28. ^ 105–109, Oxford Street W1, British Listed Buildings. URL consultato l'8 luglio 2015.
  29. ^ 133–135, Oxford Street, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato l'8 luglio 2015.
  30. ^ 147, Oxford Street, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato l'8 luglio 2015.
  31. ^ 156–162, Oxford Street W1, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato l'8 luglio 2015.
  32. ^ 164–182, Oxford Street W1, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato l'8 luglio 2015.
  33. ^ 219, Oxford Street, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato il 9 luglio 2015.
  34. ^ 313, Oxford Street, W1 – Westminster, British Listed Buildings. URL consultato il 9 luglio 2015.
  35. ^ 360–366, Oxford Street W1, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato il 9 luglio 2015.
  36. ^ 368–370, Oxford Street, Westminster, British Listed Buildings. URL consultato il 9 luglio 2015.
  37. ^ Hayward 2013, p. 120.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Londra Portale Londra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Londra