Fortnum & Mason

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fortnum & Mason
Logo
Fortnum Mason 2450.JPG
Facciata del Fortnum & Mason
StatoRegno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Fondazione1707
Fondata da
  • Charles Fortnum
  • Hugh Mason
Sede principaleLondra
Settorebeni di lusso
Sito webwww.fortnumandmason.com/

Fortnum & Mason è un grande magazzino di Londra (181 Piccadilly), fondato nel 1707 da William Fortnum. È di proprietà di Wittington Investments di cui è una consociata, tra le altre, di Primark e Associated British Foods.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

William Fortnum era un servo nella casa della regina Anna di Gran Bretagna[1] e iniziò a guadagnare la sua fortuna vendendo dei mozziconi di candela bruciati che raccoglieva nel palazzo reale. Quando ebbe abbastanza soldi, fondò un negozio di alimenti e persuase il suo amico Hugh Mason a unirsi a lui. Due generazioni dopo, il nipote Charles Fortnum riuscì a stabilirsi nelle attuali area di Piccadilly.

Nell'era vittoriana, Fortnum & Mason divenne sempre più famoso per le sue prelibatezze culinarie fra cui le uova alla scozzese che risultano inventate nel grande magazzino nel 1738.[2] Nel 1886, Fortnum & Mason vendette i primi baked beans in Inghilterra.[3] Durante il periodo tra le due guerre, Fortnum & Mason ampliò la sua gamma di prodotti spaziando dall'abbigliamento alle attrezzature per il tennis, ai profumi e agli utensili da cucina. Nel 1931 fu aperta una filiale a Madison Avenue, a New York,[4] mentre nel 2004 ne furono inaugurate due in Giappone.[5] Oggi la gamma di prodotti Fortnum & Mason è specializzata in articoli di lusso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Business & Finance: Fortnum & Mason Abroad, su content.time.com. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  2. ^ Sonia Peronaci, La mia cucina, Rizzoli, 2016, p. 269.
  3. ^ (EN) Is the world ready for Fortnum & Mason's gourmet baked beans?, su telegraph.co.uk. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  4. ^ (EN) Champions of Design: Fortnum & Mason, su campaignlive.co.uk. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  5. ^ (EN) Fortnum & Mason plans Tokyo store, su news.bbc.co.uk. URL consultato il 19 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN156131006 · LCCN (ENn2002018942 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002018942