Blue (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Blue
Blue (6100521867).jpg
I Blue in concerto a Manchester nel 2011
Paese d'origineInghilterra Inghilterra
GenerePop[1]
Teen pop[1]
Periodo di attività musicale2001 – 2005
2011 – in attività
EtichettaInnocent Records
Island Records
Sony Music
Album pubblicati13
Studio5
Live2
Raccolte6
Sito ufficiale

I Blue sono una boy band britannica, composta da quattro elementi: Duncan James, Lee Ryan, Simon Webbe e Antony Costa.

La band è stata attiva tra il 2001 ed il 2005, e dopo alcuni anni di pausa, è tornata nel 2011 con la partecipazione all'Eurovision Song Contest e la successiva pubblicazione del nuovo album Roulette. Nel 2015 pubblicano il nuovo album di inediti Colours[2].

Sebbene il successo dei Blue sia stato consistente soltanto nella prima fase della loro carriera, dal 2001 al 2015 hanno comunque venduto più di 15 milioni di copie in tutto il mondo[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

2001-2005: il successo dei primi anni e la pausa[modifica | modifica wikitesto]

I Blue iniziano la loro carriera nel 2001 con la pubblicazione dell'album All Rise ed ottengono un notevole successo in soli tre anni e mezzo, vendendo più di 15 milioni di copie, vincendo due BRIT Awards[4][5] e collocando i loro album e singoli nelle migliori posizioni delle classifiche inglesi e straniere. Il loro primo singolo è stato All Rise, seguito da Too Close, If You Come Back e Fly By II.

Nel 2002 esce il secondo album One Love, contenente una partecipazione di Elton John, con il quale hanno inciso una seconda versione di Sorry Seems to Be the Hardest Word; l'album contiene anche i singoli di successo U Make Me Wanna e One Love.

La band in concerto durante il Greatest Hits Tour nel 2005

Nel 2003, il gruppo pubblica il terzo album, Guilty, contenente 3 singoli: Guilty, Bubblin' e Breathe Easy. Quest'ultimo verrà successivamente adattato in italiano da Tiziano Ferro e inciso con il titolo A chi mi dice[6].

Nel 2004 i Blue pubblicano Best of Blue con i loro brani più famosi, dal quale viene estratto il singolo inedito Curtain Falls. Nel 2005 i Blue tornano con una versione italiana di Only Words I Know, e pubblicano 4ever Blue, in versione standard in alcuni paesi, e in un'edizione limitata riservata ai fans italiani.

In seguito ci sono state molte voci sul futuro della band: prima dell'uscita della raccolta si è detto che si sarebbero sciolti subito dopo, mentre dopo l'uscita di 4ever Blue si pensava che il gruppo sarebbe tornato in studio di registrazione. Ma con l'uscita dell'album da solista di Lee Ryan, Sanctuary di Simon Webbe, Future Past di Duncan James e Heart Full of Soul di Antony Costa, la possibilità di una loro riunione sembrava allontanarsi. Non è mai stato annunciato uno scioglimento definitivo: i Blue lo hanno definito una "pausa di riflessione"[7].

2011-2013: la riunione del gruppo con la partecipazione all'Eurovision e Roulette[modifica | modifica wikitesto]

La loro riunione viene ufficializzata nel 2011: la BBC li sceglie per rappresentare il Regno Unito all'Eurovision Song Contest 2011, al quale parteciperanno con il brano I Can, che è stato presentato l'11 marzo nel programma The Graham Norton Show.[8] Il gruppo finisce undicesimo[9] (quinto per il televoto ma solo ventiduesimo per le giurie[10]). Nel 2011, quando si sono riuniti per rappresentare il Regno Unito all'Eurovision Song Contest, hanno iniziato a lavorare al loro nuovo album, il quarto in studio. Durante un tour promozionale in Cina hanno presentato in anteprima l'inedito Hurt Lovers e in un'intervista Simon Webbe affermava: “C'è voluto un anno ed è stato un processo lungo ma pensiamo che sia l'album più forte di tutti. Il primo singolo sarà pubblicato in ottobre ed il disco seguirà nel 2013. Abbiamo già una collaborazione e stiamo cercando di aggiungerne una o due”. Duncan James ha aggiunto: “Gireremo il video per il singolo all'inizio del prossimo mese". Per festeggiare il loro rientro sulla scena musicale hanno posato senza veli per un servizio fotografico del tabloid gay Attitude.[11]

I Blue in Italia nel 2013

Il 4 gennaio 2013 esce Hurt Lovers, primo singolo del nuovo album[12], che include anche il singolo I Can presentato all'Eurovision song contest. Il nuovo album, intitolato Roulette è composto da 13 tracce, esce il 25 gennaio in Germania e altri paesi europei[13], mentre sarà disponibile in Sud Africa e Sud America dal successivo 23 febbraio. In Italia l'album è disponibile su iTunes dal 1º febbraio.

Il 2013 è un anno ricco di impegni per i ragazzi, infatti oltre al tour mondiale che porta il nome del nuovo album e li vede impegnati fino a dicembre, si uniscono al cast del reality The Big Reunion, dove sei band del passato si riuniscono per poi partire in tour per tutto il Regno Unito e l'Irlanda fino a maggio. A giugno la boyband torna in Italia con una data a Milano e l'altra a Roma, e dopo aver riscosso un notevole successo e i sold out dei concerti, torna ad agosto e partecipa a due date della manifestazione Festival Show, rispettivamente il 16 a Jesolo Lido (Ve) e il 23 a Mestre (Ve)[14]. Sempre nel 2013, i ragazzi tornano in Italia con il loro tour europeo con tre concerti rispettivamente a Milano, Roma e San Biagio di Callalta. Al termine, partecipano come guest star al tour della band scozzese Wet Wet Wet[15] e incidono una cover della canzone natalizia I Wish It Could Be Christmas Everyday con tutto il cast di The Big Reunion per raccogliere fondi per alcune associazioni di beneficenza inglesi[16][17].

2015-2019: progetti televisivi e il nuovo album, Colours[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi mesi del 2015, i Blue sono i protagonisti di un nuovo reality show britannico intitolato Blue Go Mad in Ibizia. La prima puntata viene trasmessa il 6 gennaio 2015 sull'emittente televisiva britannica ITV2[18]. Lo scopo dei quattro cantanti è quello di gestire un bar su una spiaggia dell'isola di Ibiza[19].

Il 6 marzo 2015, il gruppo ritorna sulla scena musicale con la pubblicazione di un nuovo album intitolato Colours, primo disco della band pubblicato sotto la Sony Music. Il primo singolo estratto dall'album, King of the World, viene presentato in anteprima durante un programma dell'emittente radiofonica inglese BBC Radio 2 il 20 gennaio 2015[20]. A causa dell'insuccesso delle vendite del nuovo album (nel Regno Unito, solo 4000 copie vendute nella prima settimana[21]), il gruppo è costretto ad annullare il contratto con l'etichetta discografica[22][23].

I Blue in concerto nel 2019

Per promuovere il nuovo album i Blue organizzano un tour europeo intitolato Colours of Blue Tour 2015; tuttavia, a causa di un'operazione alle corde vocali cui si è dovuto sottoporre Lee Ryan nel mese di agosto, i cantanti cancellano tutte le date del tour affermando che ritorneranno sul palco nel 2016.[24][25] Dopo di che, la band si esibisce in concerto per i successivi due anni, alternandosi con i progetti solisti e senza pubblicare nuovo materiale musicale, risultando nuovamente in stato di pausa.

2021-in corso: il 20º anniversario della band[modifica | modifica wikitesto]

Già a fine 2020 il componente Duncan James aveva annunciato sul periodico The Sun la reunion del gruppo per il 2021 con un tour celebrativo in occasione del ventennale della band.[26] Prima della sua ufficializzazione, i Blue pubblicano nell'estate 2021 una nuova versione riregistrata del brano The Gift, dal titolo The Gift (20th Anniversary), contenuto nella nuova raccolta simbolica dei Blue Royal: The First Twenty Years, in uscita a luglio.[27] Il 30 novembre successivo il gruppo concretizza la notizia del tour celebrativo, che partirà nel 2022 e che vedrà anche la partecipazione delle Atomic Kitten.[28]

Intervistati su This Morning, i componenti del gruppo confermano inoltre di essere tornati in studio di registrazione.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 – Guilty Live Tour / One Love Live Tour
  • 2013 – The Roulette Tour

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo Classifiche
UK[29] IR[30] FR SE NO DE[31] AT[32] AU[33] NZ[34] BE[35] NL[36] FI CH[37] Nel mondo
2001 All Rise 4 15 19 3 23
2001 Too Close 1 17 66 5
2001 If You Come Back 1 13 48 19 29
2002 Fly By II 6 16 45 26 39
2002 One Love 3 4 54 36 32
2002 Sorry Seems to Be the Hardest Word
(featuring Elton John)
1 3 3 43 1 5
2003 U Make Me Wanna 4 5 50 6 10 N/R 20 14 28 9 15
2003 Guilty 2 4 37 16 19 20 29 14 19 17 22 11
2003 Signed, Sealed, Derivered I'm Yours
(featuring Stevie Wonder and Angie Stone)
11 17 36 29 31 22 38 11 53 29
2004 Breathe Easy 4 4 17 7 7 N/R 29 28 13 8 36
2004 Bubblin' 9 21 11 27 N/R 34 21 8 26
2004 You & Me Bubblin' 14 N/R
2004 Curtain Falls 4 10 18 8 16 N/R 20 13 14
2004 A chi mi dice 15 N/R
2005 Get Down on It
(featuring Lil Kim)
47 29 41 N/R 24 16 35
2005 Only Words I Know 55 N/R
2011 I Can 16 8 22 8
2013 Hurt Lovers 70 7 27
2013 Without You 44
2013 Break My Heart
2014 Broken/Ayo
2015 King of The World
2015 Nothing Like You

Tour[modifica | modifica wikitesto]

  • One Love Tour (2002-2003)
  • Guilty Tour (2003-2004)
  • Greatest Hits Tour (2004-2005)
  • I Can Concerts (2011-2012)
  • Roulette Tour (2013)
  • Colours of Blue Tour (2015)
  • Blue Live (2016-2017)
  • 20th Anniversary Heart & Soul Tour (2022)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Blue, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ Blue story, su Blue Italia.
  3. ^ Blue, anche Lee Ryan dichiara banca rotta, su Rockol, 18 maggio 2015.
  4. ^ (EN) Brits Awards 2002 - Winners, su The Brit Awards.
  5. ^ (EN) Brits Awards 2003 - Winners, su The Brit Awards.
  6. ^ Tiziano Ferro firma la versione italiana di 'Breathe Easy' dei Blue, su Rockol, 19 marzo 2004.
  7. ^ I blue si separano? Intanto confermano la pausa di un anno, su Rockol, 28 novembre 2004.
  8. ^ (EN) BBC One - The Graham Norton Show, Series 8, Episode 19, su BBC.
  9. ^ (EN) Eurovision Song Contest 2011 Final, su Eurovision.
  10. ^ (EN) EBU reveals split televoting and jury results, su Eurovision, 26 maggio 2011.
  11. ^ (EN) UK Boyband Blue Go Naked For Attitude Magazine [Just Because] - Socialite Life, su Socialite Life, 5 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2012).
  12. ^ Blue "Hurt Lovers" disponibile su itunes e nuovo brano "Risk it all", su Team World, 4 gennaio 2013.
  13. ^ (DE) Blue werden am 25. Januar neues Album "Roulette" veröffentlichen, su Universal Music, 3 gennaio 2013.
  14. ^ Blue in Italia live a Jesolo e Venezia ad agosto per Festival Show, su Team World, 25 luglio 2013.
  15. ^ (EN) Wet Wet Wet with special guests Blue, su Metro Radio Arena.
  16. ^ (EN) 'The Big Reunion' Stars Announce Christmas Single 'I Wish It Could Be Christmas Everyday', su HuffPost, 24 ottobre 2015.
  17. ^ (EN) The Big Reunion Stars Unveil Christmas Single 'I Wish It Could Be Christmas Everyday' (VIDEO), su HuffPost, 3 dicembre 2015.
  18. ^ (EN) Blue Go Mad in Ibiza, su ITV, 6 gennaio 2015.
  19. ^ Da popstar a baristi - I Blue cercano il rilancio con un reality show in cui devono gestire un locale a Ibiza, su Lettera Donna, 7 gennaio 2015. URL consultato l'8 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  20. ^ Blue, fuori a marzo il nuovo album 'Colours'. Subito il primo singolo - Ascolta, su Rockol, 20 gennaio 2015.
  21. ^ (EN) Blue dropped by record label less than a year after they're signed, su Daily Mirror, 8 aprile 2015.
  22. ^ (EN) A reason to feel Blue: Boyband dropped by record label after chart flop, su The Daily Star, 8 aprile 2015.
  23. ^ I Blue falliscono, bancarotta anche per Lee Ryan, su All Songs.
  24. ^ Blue tour 2015, un concerto a Milano l’11 ottobre, su Outune, 11 febbraio 2015. URL consultato il 9 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2015).
  25. ^ Blue, Lee Ryan ha una ciste alle corde vocali: rimandato il tour europeo, su Sound Blog, 11 agosto 2015.
  26. ^ (EN) ALL RISE FOR BLUE RETURN Blue plan to reunite for 20th-anniversary comeback tour next year, su thesun.co.uk, 12 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2021.
  27. ^ Blue - The Gift (20th Anniversary) [Official Lyric Video - English], su youtube.com, 23 giugno 2021. URL consultato il 29 dicembre 2021.
  28. ^ @officialblue, Here we go! We are very pleased to announce our twentieth anniversary ‘Heart & Soul Tour 2022’. Tickets on sale this Friday!, su Instagram, 30 novembre 2021. URL consultato il 29 dicembre 2021.
  29. ^ (EN) Blue, su Official Charts.
  30. ^ (EN) Blue, su irishcharts.com.
  31. ^ (DE) Blue, su MusicLine.de. URL consultato il 7 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2012).
  32. ^ (DE) Blue, su austriancharts.at.
  33. ^ (EN) Blue, su australian-charts.com.
  34. ^ (EN) Blue, su Charts. URL consultato il 7 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2012).
  35. ^ (EN) Blue, su Ultra Top.
  36. ^ (NL) Blue, su Dutch Charts.
  37. ^ (DE) Blue, su swisscharts.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN399144782726176410432 · ISNI (EN0000 0001 0066 3072 · GND (DE10308419-8 · WorldCat Identities (ENviaf-149722612
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica