Stazione di Londra Waterloo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Londra Waterloo
stazione ferroviaria
Waterloo station.JPG
Localizzazione
StatoInghilterra Inghilterra
LocalitàWaterloo, LB Lambeth
Coordinate51°30′11.8″N 0°06′48.6″W / 51.503278°N 0.1135°W51.503278; -0.1135Coordinate: 51°30′11.8″N 0°06′48.6″W / 51.503278°N 0.1135°W51.503278; -0.1135
LineeSouth Western Main Line
Caratteristiche
TipoStazione di superficie, di testa
Stato attualeIn uso
Attivazione1848
Binari24
InterscambiLondra Waterloo East, metropolitana (stazioni di Waterloo, Embankment e Southwark), linee di superficie, London River Services (molo di Waterloo Millennium)
Statistiche passeggeri
all'anno94,355 milioni (2017-18)[1]

La stazione di Londra Waterloo è una delle principali stazioni ferroviarie della capitale britannica, la prima del Regno Unito per flusso di passeggeri e una delle prime venti d'Europa. La stazione si trova nella zona di Waterloo, nel borgo londinese di Lambeth.

La stazione è stata aperta nel 1848 dalla London and South Western Railway e sostituiva la precedente stazione di Nine Elms, essendo più vicina al West End di Londra. Non è stata progettata per essere capolinea dal momento che le intenzioni originarie erano quelle di far continuare la linea in direzione della Città di Londra e, conseguentemente, la stazione si è sviluppata in modo disordinato. È stata quindi ricostruita all'inizio del XX secolo, inaugurata nel 1922, e il nuovo edificio includeva un Arco della Vittoria sopra l'ingresso principale, che commemorava i caduti della prima guerra mondiale. Waterloo è stata l'ultima delle principali stazioni londinesi a essere servita da treni a vapore, che hanno smesso di transitare da qui dal 1967. La stazione è stato il capolinea dei treni internazionali di Eurostar dal 1994 al 2007, anno in cui sono stati trasferiti a St. Pancras International.

Con oltre 94 300 milioni di passeggeri all'anno, Waterloo è la stazione britannica con il maggior numero di passeggeri. È, inoltre, la stazione più grande del Regno Unito in termini di superficie e quella con il più alto numero di binari, ventiquattro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Panorama della stazione
Facciata dell'ingresso
Facciata principale storica

La stazione venne aperta l'11 luglio 1848, e la prima intenzione fu quella di farne una stazione passante da riallacciare alla rete settentrionale londinese.

Con l'apertura dell'Eurotunnel fra Calais e Folkestone (1994), la stazione è diventata il punto di ricezione britannico per il traffico ferroviario proveniente dall'Europa continentale. Questo fino al 2007 quando le linee Eurostar furono trasferite alla stazione St. Pancras International.

Simbolo[modifica | modifica wikitesto]

Molte grandi stazioni di Londra possiedono un simbolo, compreso in un cerchio, che rimanda più o meno al nome dello scalo stesso: quello di Waterloo rappresenta una grande W con sopra una miniatura stilizzata di un leone (disegno bianco in campo amaranto).

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

Londra Waterloo è una stazione di testa che ha una struttura il cui parco binari si apre a "ventaglio" nell'attestarsi al fabbricato viaggiatori, coperto da pensiline. Lo scalo è composto da 25 binari, ma solo 20 sono attualmente utilizzati; gli altri, anteriormente usati dall'Eurostar, sono in disuso.

Di fronte all'ingresso si trova la London Waterloo East, attigua stazione sulla linea che dal sud est inglese si attesta a Charing Cross. È considerabile come parte della stessa stazione Waterloo e conta 2 binari di servizio.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

Waterloo è la stazione ferroviaria con il maggior numero di passeggeri all'anno, con poco meno di 100 milioni di entrate e uscite nel biennio 2015-2016[2]; nel 2013, è risultata essere la novantunesima stazione con più passeggeri al mondo[3]. La stazione è servita da treni suburbani, regionali e nazionali gestiti da South Western Railway[4]; questi servizi, collegano Londra con le contee dell'Inghilterra sudoccidentale, tra cui il Surrey, l'Hampshire, il Dorset e il Berkshire.

South Western Railway, nel 2017, ha erogato un servizio di circa 1 600 treni al giorno, utilizzato da oltre 651 000 passeggeri, diventando uno dei servizi pendolari più utilizzato d'Europa[5].

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione consente l'interscambio con varie fermate della metropolitana: Southwark (sulla linea Jubilee), Waterloo (sulle linee Bakerloo, Jubilee, Northern e Waterloo & City) ed Embankment (sulle linee Bakerloo, Circle, District e Northern)[6].

È permesso, inoltre, l'interscambio con la stazione di Waterloo East, situata sulla South Eastern Main Line, a ridosso dello scalo[6].

Nelle vicinanze della stazione effettuano fermata numerose linee urbane automobilistiche, gestite da London Buses[7][8].

Dal Waterloo Millennium Pier, infine, è possibile fruire dei servizi fluviali di Londra gestiti da TfL.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Estimates of station usage, su dataportal.orr.gov.uk. URL consultato l'11 gennaio 2020.
  2. ^ Template:Cite magazine
  3. ^ More Countries Join the New List of 100 Busiest Train Stations, Japan Still Claims 82 of Them, su en.rocketnews24.com, 2 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2014).
  4. ^ London Waterloo, South Western Railway. URL consultato il 20 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2017).
  5. ^ Anger over Waterloo station reopening delays 'mess', in BBC News, 29 agosto 2017. URL consultato il 29 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2017).
  6. ^ a b (EN) Out-of-Station Interchanges (XLSX), su Transport for London. URL consultato il 13 novembre 2018.
  7. ^ (EN) Buses from Waterloo (PDF), su Transport for London. URL consultato il 4 gennaio 2020.
  8. ^ (EN) Night buses from Waterloo (PDF), su Transport for London. URL consultato il 4 gennaio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Treni della South West a Londra

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]