Richard Branson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Richard Branson nel 2015.

Sir Richard Charles Nicholas Branson (Londra, 18 luglio 1950) è un imprenditore britannico, fondatore del Virgin Group, il quale comprende oltre 400 società. Secondo la rivista Forbes nel 2020 il suo patrimonio ammonta a circa 4,3 miliardi di dollari.[1] L'11 luglio 2021 Branson ha preso parte ad un test flight della sua compagnia Virgin Galactic, divenendo così il primo turista spaziale a volare con una propria azienda spaziale.[2].

Firma di Richard Branson

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sotto il suo marchio, "Virgin", appaiono numerose attività tra cui compagnie aeree, carte di credito, assicurazioni pensionistiche, autonoleggi e la Virgin Galactic. Ha intentato e vinto una causa legale contro la compagnia aerea di bandiera inglese, in merito ai famosi dirty tricks.[Si riferisce a questo, ma non è spiegato: https://en.wikipedia.org/wiki/Dirty_Tricks_(scandal)]

Durante il GP di F1 a Melbourne del 2009 le due monoposto Brawn GP hanno sfoggiato il marchio Virgin sulla loro carrozzeria, continuando per la maggior parte della stagione. Visti gli strepitosi titoli Piloti e Costruttori 2009 della neonata scuderia, Branson ha dichiarato di essere pronto a rinnovare la collaborazione. In seguito però, la Virgin è diventata sponsor della neonata Manor. Successivamente Branson ha acquisito del tutto il team Manor che è diventato Virgin Racing. Nella stagione 2010 i piloti del team sono stati Timo Glock e Lucas Di Grassi.

Nel novembre 2010 fu confermata la cessione di una quota azionaria della scuderia alla casa automobilistica russa Marussia Motors, in seguito al quale la scuderia cambiò nome in Marussia Virgin Racing[3]. Nella stagione 2011 la Marussia Virgin Racing corse con la nuova vettura Virgin MVR-02 e con i piloti Timo Glock e Jérôme d'Ambrosio.

Il 17 ottobre 2011 ha inaugurato nel deserto del Nuovo Messico, negli Stati Uniti, lo "Spaceport America", il primo aeroporto spaziale della storia, firmato dall'architetto britannico Norman Foster. La prima navetta, la cui entrata in servizio era prevista per il 2012-2013, è chiamata "SpaceShipTwo" e il suo obiettivo consisteva nel portare i primi turisti nello spazio ad un prezzo medio di 200.000 dollari.

Il 31 ottobre 2014 l'aeronave SpaceShipTwo è esplosa in volo sopra il Deserto del Mojave poco dopo essere stata sganciata dall'aereo madre; il fatto è accaduto pochi secondi dopo l'accensione dei propri propulsori, causando la morte del copilota e il ferimento grave del pilota. Il 13 dicembre 2018 l'aeronave SpaceShipTwo ha superato la fatidica quota di 100 km che per convenzione segna il confine fra l’atmosfera terrestre e lo spazio.

Nel 2019 è il finanziatore del progetto di un ristorante subacqueo a Portofino, che sarebbe il primo in Italia.[4]

L'11 Luglio 2021, Branson ha viaggiato come passeggero a bordo della Virgin Galactic Unity 22, l'ultimo test di volo per la sua compagnia, la Virgin Galactic. La missione è durata approssimatamente un'ora, raggiungendo la quota massima di altitudine di 86.1 km.

Impegno sociale e umanitario[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 Virgin Group, tramite la Virgin Foundation, lancia un progetto dedicato alla beneficenza, sotto il nome di "Virgin Unite". Tra le donazioni vi sono anche quella fatta alla Wikimedia Foundation e quelle atte a combattere l'AIDS nell'Africa sub-sahariana[5]. Nel 2009 aderisce al progetto per la realizzazione del film "Soldiers of Peace"[6][7] che coinvolge 14 Paesi nel mondo nella realizzazione di una pace globale.

Nel 2011 lancia il progetto "Virgin Oceanic".[8][9] Col suo "Deepflight Challenger" cercherà di esplorare cinque delle fosse oceaniche più profonde, cominciando dalla Fossa delle Marianne. In un'intervista concessa alla CNN si è dichiarato ateo[10].

Amico personale di Barack Obama, nel febbraio 2017 sono stati visti assieme in vacanza in una gara di kitesurf.[11]

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel [1995 appare come guest star nel ventunesimo episodio della quinta stagione di Baywatch, I fuggiaschi. Tra gli altri suoi camei, nel 1999 compare come venditore di souvenir nel ventitreesimo episodio della quarta stagione di Friends, Il matrimonio di Ross (1ª parte)). mentre nel 2006 compare fugacemente nel film Casino Royale.

Nella stagione 2004-2005 produce e interpreta per la Fox la serie Richard Branson, il miliardario ribelle (The rebel billionaire: Branson's quest for the best), reality che garantisce al vincitore un premio da un milione di euro da investire in attività manageriali; per l'edizione italiana è doppiato da Massimo Lodolo.

Nel 2017 compare nel documentario televisivo The Story of Diana per il ventennale della morte di Diana Spencer.

La sua versione animata compare nel quindicesimo episodio della ventiseiesima stagione della serie animata I Simpson , Guida per una principessa.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
«Per i servizi all'imprenditoria.»
— 30 dicembre 1999[12][13][14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Richard Branson, su forbes.com, aprile 2020.
  2. ^ (EN) Everything you need to know about Richard Branson going to space, su CNN. URL consultato l'11 luglio 2021.
  3. ^ Virgin conferma l'accordo con Marussia Motors, su gpupdate.net. URL consultato l'11 novembre 2010.
  4. ^ A Portofino il primo ristorante subacqueo d’Italia! Toninelli e Toti uniti sull’opera, su ligurianautica.com.
  5. ^ Virgin Unite - founded by Richard Branson and the Virgin Group
  6. ^ Sir Richard Branson - The Cast - Soldiers of Peace Archiviato l'8 agosto 2009 in Internet Archive.
  7. ^ Soldati di Pace (Soldiers of Peace), su soldatidipace.blogspot.com. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2019).
  8. ^ Branson alla scoperta degli abissi
  9. ^ Virgin Oceanic
  10. ^ Photos: Famous atheists and their beliefs, CNN, 25 maggio 2013
  11. ^ Barack Obama fa kitesurf alle Isole Vergini: il video della sfida con Richard Branson - Radio Deejay, su www.deejay.it. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  12. ^ (EN) New Years Honours List — United Kingdom, in The London Gazette, n. 55710, 30 dicembre 1999, p. 1. URL consultato il 9 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2013).
  13. ^ (EN) New Years Honours, su bbc.co.uk, 31 dicembre 1999. URL consultato il 9 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2007).
  14. ^ (EN) Virgin tycoon is knighted, su bbc.co.uk, 30 marzo 2000. URL consultato il 9 novembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84074806 · ISNI (EN0000 0001 1161 6407 · SBN IT\ICCU\PUVV\219754 · LCCN (ENn87888343 · GND (DE11886971X · BNF (FRcb13335135v (data) · BNE (ESXX4699560 (data) · NDL (ENJA00620419 · WorldCat Identities (ENlccn-n87888343
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie