Ortheziidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ortezie
Orthezia urticae from CSIRO.jpg
Orthezia urticae
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Paraneoptera
Sezione Rhynchotoidea
Ordine Rhynchota
Sottordine Homoptera
Sezione Sternorrhyncha
Superfamiglia Coccoidea
Famiglia Ortheziidae
Green, 1896
Generi

Le Ortezie (Ortheziidae Green, 1896) sono una famiglia di insetti appartenente all'ordine dei Rincoti Omotteri, superfamiglia Coccoidea. Rappresentano una delle famiglie più primitive di cocciniglie, comparse sulla Terra nel Cretacico.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le Ortezie presentano caratteri tipicamente primitivi, nell'ambito delle Cocciniglie, che si manifestano nel basso grado di involuzione secondaria delle femmine, nella presenza degli occhi composti e nella presenza di spiracoli tracheali anche nell'addome. L'elemento morfologico di maggiore evidenza è tuttavia il caratteristico ovisacco dalla forma cilindrica regolare.

I maschi sono provvisti di occhi sfaccettati e due ocelli ed hanno antenne moniliformi composte da 9 articoli. L'estremità posteriore dell'addome si prolunga con un ciuffo di filamenti di cera.

Le femmine sono neoteniche ma hanno un basso grado di involuzione e sono mobili. Il capo porta antenne ben evidenti e apparato boccale con rostro di due segmenti. Le zampe sono ben sviluppate e funzionali, sporgenti dal corpo, con fusione del femore e del trocantere e, in alcuni generi, della tibia con il tarso. L'addome presenta l'apertura anale circondata da un anello di sei setole; questo carattere contraddistingue le Ortezie dai Margarodidi che, invece, ne sono privi.

L'intero corpo della femmina è rivestito simmetricamente da placche di cera bianca, che si orientano radialmente sul dorso e ai lati, prolungandosi posteriormente. Nelle femmine adulte, le placche posteriori si prolungano notevolmente formando una vistosa struttura cilindrica, più o meno fortemente solcata, detta ovisacco.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Generi compresi nella famiglia:

Maschio di Orthezia insignis.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ermenegildo Tremblay. Entomologia applicata. Volume II Parte I. 1a ed. Napoli, Liguori Editore, 1981. ISBN 978-88-207-1025-5.
  • Aldo Pollini. Manuale di entomologia applicata. Bologna, Edagricole, 2002. ISBN 88-506-3954-6.
  • Antonio Servadei, Sergio Zangheri, Luigi Masutti. Entomologia generale ed applicata. Padova, CEDAM, 1972.
  • Ângelo Moreira da Costa Lima. XXIII. Homópteros in Insetos do Brasil. Tomo 2. Escola Nacional de Agronomia, 1940. (in portoghese).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi