Cera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cera (disambigua).
Cera
Cera fusa di una candela.
Cera fusa di una candela.
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,95[1]
Solubilità in acqua insolubile
Temperatura di fusione (K) 318,15 (45 °C)

Con il termine cera ci si riferisce solitamente alla sostanza secreta dalle api e usata da queste per la costruzione dei favi, ovvero alla cera d'api, e in generale a simili miscele di esteri di acidi grassi con alcoli grassi. Il termine è generico e sommariamente indica esteri e miscele di esteri non gliceridi a massa molecolare relativamente alta; può allargarsi a materiali affini di differente natura.

Più generalmente, con cera si indica una sostanza dalle seguenti proprietà:

Questi aspetti da soli non permettono di distinguere univocamente le cere da grassi oli e simili; la trilaurina o gliceril tridodecanoato, un grasso, ad esempio fonde a 46 °C e rispetta tutte le altre caratteristiche date.

Le cere possono essere naturali o artificiali e tra le più comuni si annoverano la cera d'api, cera di carnauba (cera vegetale) e paraffina (cera minerale, una miscela di idrocarburi semisolidi). Sono cere naturali anche altre sostanze oleose secreta all'interno di alcune cavità animali, ad esempio l'orecchio o il capo di alcuni cetacei. Certi materiali sintetici che presentano le proprietà elencate sopra sono spesso chiamati cere.

Dal punto di vista chimico, le cere in senso stretto sono miscele di esteri, alcoli, acidi saturi con catena da 14 a 30 atomi di carbonio. Una cera si differenzia da grassi a consistenza simile come stearine e palmitine perché può essere in primis un monoestere di alcoli ad alto peso molecolare (alcoli grassi come il cetilico) con acidi grassi, o ad esempio di glicole etilenico con due acidi grassi; i grassi o lipidi sono invece esteri della glicerina con tre acidi grassi. Altri alcoli possono prendere il posto del glicole etilenico e per lo più si incontrano cere derivanti dall'esterificazione di un alcool monofunzionale a lunga catena. Le loro caratteristiche apolari e la loro estrema malleabilità le rendono un materiale molto usato nelle attività umane. Hanno una funzione biologica diversificata e se secrete impediscono la perdita di acqua per traspirazione.

Viene chiamato cera per incisioni un materiale costituito da un impasto di bitume, cera d'api e mastice in gocce. Esso viene steso su una lastra o matrice, riscaldato leggermente onde ottenere uno strato uniforme e sottilissimo, quindi annerito col nerofumo di una candela per poter poi essere inciso.

Tipi di cera[modifica | modifica wikitesto]

Cere di origine animale[modifica | modifica wikitesto]

Cere vegetali[modifica | modifica wikitesto]

Cere minerali[modifica | modifica wikitesto]

Cere derivate dal petrolio[modifica | modifica wikitesto]

Cere sintetiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tabelle proprietà fisiche di materiali solidi vari

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Come rimuovere cera di candela dal tappeto

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]