Nogodinidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nogodinidae
Nogodinidae WG.jpg
Un insetto della famiglia Nogodinidae, non meglio identificato, fotografato nei Ghati occidentali
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Paraneoptera
Sezione Rhynchotoidea
Ordine Rhynchota
Sottordine Homoptera
Sezione Auchenorrhyncha
Infraordine Fulgoromorpha
Superfamiglia Fulgoroidea
Famiglia Nogodinidae
Melichar, 1898
Generi

Nogodinidae Melichar, 1898, è una piccola famiglia comprendente insetti dell'ordine dei rincoti omotteri, superfamiglia dei fulgoroidei.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Flickr - ggallice - Net-winged hopper.jpg

I Nogodinidae hanno capo provvisto di clipeo carenato lateralmente. Gli ocelli sono laterali, disposti sotto gli occhi e lateralmente rispetto alla regione fronto-clipeale. Le antenne hanno flagello filiforme e non segmentato e i due articoli prossimali ingrossati.

Il pronoto ha il margine anteriore convesso e pronunciato in avanti, insinuandosi in avanti fra i due occhi. Sono presenti sia forme macrottere sia forme brachittere. Le ali anteriori hanno l'area costale suddivisa in numerose cellule da nervature trasversali e il clavo privo di granulazioni. La nervatura del clavo si prolunga fino al suo vertice.

Le zampe presentano, come in tutti i Fulgoroidei, le coxe allungate. Quelle posteriori hanno le tibie fornite di spine laterali. Il primo e secondo tarsomero piuttosto corti e all'apice del secondo sono presenti due spine, una per lato.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende circa 150 specie ripartite fra 55 generi[1]:

La sistematica dei Nogodinidae è comunque subordinata all'incertezza relativa all'inquadramento sistematico degli Issidae. Alcuni schemi di classificazione attribuiscono i generi della tribù Lipocalliini alla famiglia degli Issidae, altri li inseriscono invece nei Nogodinidae[2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ENESFRPT) Family Nogodinidae Melichar, 1898 [collegamento interrotto], in FLOW, Fulgoromorpha Lists On the Web. URL consultato il 3 settembre 2008.
  2. ^ Fletcher.
  3. ^ Australian Faunal Directory.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Murray J. Fletcher, Family Nogodinidae - Nogodinid planthoppers and Pebblebugs, in Agricultural Scientific Collections Unit: Identification Keys and Checklists for the leafhoppers, planthoppers and their relatives occurring in Australia and neighbouring areas, New South Wales Department of Primary Industries. URL consultato il 3 settembre 2008.
  • (EN) Family Nogodinidae Melichar, 1898, in Australian Faunal Directory, Australian Government, Department of the Environment, Water, Heritage and the Arts. URL consultato il 20 marzo 2009.
Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi