Dipsocoridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dipsocoridae
Immagine di Dipsocoridae mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Paraneoptera
Sezione Rhynchotoidea
Ordine Rhynchota
Sottordine Heteroptera
Infraordine Dipsocoromorpha
Superfamiglia Dipsocoroidea
Famiglia Dipsocoridae
Dohrn, 1859
Famiglie

Dipsocoridae Dohrn, 1859, è una piccola famiglia di Insetti appartenente all'ordine Rhynchota Heteroptera (Dipsocoromorpha) e comprendente poche decine di specie.

Descrizione e biologia[modifica | modifica wikitesto]

Hanno il corpo di piccole dimensioni, lungo 2-3 millimetri. Il capo è fornito di ocelli nelle forme macrottere, con antenne composte da quattro segmenti, di cui i due basali sono corti e spessi e gli altri due lunghi e sottili. Le ali anteriori non sono differenziate in emielitre e mostrano in genere una frattura costale che raggiunge la vena media. Le zampe hanno tarsi formati da 2 o 3 segmenti. L'addome e le armature genitali dei maschi sono marcatamente asimmetrici, l'ovopositore delle femmine è ridotto e membranoso.

Sono insetti predatori e fugaci, dai movimenti rapidi, spesso ritrovati in ambienti prossimi ai corsi d'acqua.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

La classificazione proposta inizialmente da REUTER (1861) riuniva nei Dipsocoridi anche le altre famiglie dei Dipsocoroidea e, quindi, oltre ai Dipsocoridae secondo l'attuale inquadramento, anche i Ceratocombidae e gli Schizopteridae. L'attuale orientamento attribuisce a questa famiglia due soli generi, Cryptostemma e Pachycoleus.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Family Dipsocoridae, in Australian Faunal Directory, Australian Government, Department of the Environment, Water, Heritage and the Arts. URL consultato il 02-03-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi