Luke Perry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coy Luther Perry III, conosciuto come Luke Perry (Mansfield, 11 ottobre 1966Burbank, 4 marzo 2019), è stato un attore statunitense, noto per aver interpretato il ruolo di Dylan McKay nella serie televisiva Beverly Hills 90210 e quello dell'omonimo protagonista in Jeremiah.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Coy Luther Perry Jr. e Ann Bennett, rimase orfano di padre quando aveva 14 anni. Iniziò a recitare in alcune soap opera come Destini e Quando si ama. Nei primi anni novanta entrò nel cast della serie TV Beverly Hills 90210: girò quasi tutte le stagioni di Beverly Hills 90210 (dal 1990 al 1995 ininterrottamente, poi dal 1998 al 2000).

Luke Perry nel 2004

Perry apparve in varie pellicole di successo, come Buffy - L'Ammazza Vampiri, Il quinto elemento, diretto da Luc Besson, ed anche nel film italiano Vacanze di Natale '95, con Massimo Boldi e Christian De Sica. Recitò inoltre nelle serie TV Oz, Le cose che amo di te, Will & Grace, Law & Order - Unità vittime speciali e Jeremiah, della quale fu protagonista.

Sotto forma di disegno animato apparve più volte nel cartone I Simpson come telespalla di Krusty il Clown, del quale era il fratello. Un'altra apparizione nel mondo dei cartoni animati risale al 2002, quando ha dato la voce a se stesso nella serie I Griffin nell'episodio 19 della seconda stagione, dal titolo "Prima pagina". Era presente anche nel cartone della Hanna-Barbera "Johnny Bravo".

Nel 2009 partecipò al video del singolo natalizio dei The Killers, Happy Birthday Guadalupe. Nel 2011 tornò a collaborare con un altro protagonista di Beverly Hills 90210, Jason Priestley, che lo diresse nel film tv western Good Night for Justice, dove Perry interpretava un giudice.

Nel 2014 fu protagonista con Nicholas Galitzine del film inglese The Beat Beneath My Feet nel quale interpretava Steve, un chitarrista rock in crisi. Il film, diretto da John Williams, venne presentato in concorso in Italia alla 45ª edizione del Giffoni Film Festival. Da settembre 2016 era impegnato nella serie Riverdale, di cui l'episodio pilota è andato in onda a gennaio 2017.

Vita personale e morte[modifica | modifica wikitesto]

Divorziato da Rachel Sharp, aveva due figli, Jack (1997) e Sophie (2000). Nel sociale, Luke Perry si è distinto per la sua lotta all'AIDS.

Luke Perry è morto la mattina del 4 marzo 2019 all'età di 52 anni, al Saint Joseph Hospital di Burbank, vittima di un ictus che lo aveva colpito cinque giorni prima[1]. Dopo la sua morte il suo corpo è stato cremato e le sue ceneri sparse nella sua fattoria di Vanleer nel Tennessee.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Luke Perry è stato doppiato da:

  • Francesco Prando in Beverly Hills 90210, Vacanze di Natale '95, Invasione letale, Occhi indiscreti, Supernova, La figlia della sposa, Crocevia per l'inferno, Il quinto elemento, Mistero alle Bermuda, Storm - Uragano, Enemy - Il nemico è tra noi, Le cose che amo di te, Leverage - Consulenze illegali, Alice - una vita sottosopra, Body of Proof, Aiutami Hope!, Detective McLean, Scoot un poliziotto a 4 zampe, Scoot poliziotto a 4 zampe 2, Riverdale
  • Alessio Cigliano in Quando si ama, La guerra di Johnson County, The Storm - Catastrofe annunciata
  • Vittorio Guerrieri in Will & Grace, Oz
  • Fabio Boccanera in Law & Order - Unità vittime speciali, Night Visions
  • Luca Sandri in Buffy l'ammazza vampiri
  • Sergio Lucchetti in Jeremiah
  • Stefano Benassi in Major Crimes
  • Gianni Bersanetti in Riot
  • Tony Sansone in Le avventure dei ragazzi vincenti
  • Massimo De Ambrosis in Windfall
  • Sandro Acerbo in Natural Disaster
  • Gianluca Tusco in Criminal Minds
  • Walter Rivetti in Goodnight for Justice

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69732288 · ISNI (EN0000 0001 1493 2114 · LCCN (ENn92044533 · GND (DE119127954 · BNF (FRcb139639713 (data)