Lil Peep

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lil Peep
Lil-Peep PrettyPuke Photoshoot.png
Lil Peep nel 2016
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereEmo rap[1]
Rap rock[2]
Lo-fi[3]
Rock alternativo[4]
Periodo di attività musicale2014 – 2017
StrumentoVoce
EtichettaFirst Access
Columbia
GruppiGothboiclique
Schemaposse
Album pubblicati7
Studio2
Sito ufficiale

Lil Peep, pseudonimo di Gustav Elijah Åhr (Allentown, 1º novembre 1996Tucson, 15 novembre 2017), è stato un rapper, cantautore e modello statunitense.[5][6]

È noto per essere considerato astro nascente della scena statunitense, oltre ad essere stato tra i maggiori esponenti del genere post-emo revival (assieme a XXXTentacion e Lil Uzi Vert) basato su musica hip hop e rock.[7] Åhr iniziò a pubblicare musica sulla piattaforma online SoundCloud nel 2014 usando già lo pseudonimo Lil Peep, poiché sua madre lo chiamava "Peep" sin da quando era bambino.[8][9] Presto divenne popolare su SoundCloud dopo aver pubblicato diversi mixtape e alcune collaborazioni con Lil Tracy,[10] che lo portarono ad ottenere un certo seguito.[11] Dopo la sua morte, il suo album di debutto Come Over When You're Sober, Pt. 1 ha debuttato nella Billboard 200 alla posizione numero 168 e nella settimana successiva ha raggiunto la posizione più alta alla numero 38. Il singolo che ha raggiunto la posizione più alta della Billboard 200 è Falling Down, in collaborazione col rapper XXXTentacion, raggiungendo nell'ottobre 2018 la posizione numero 13 in classifica.[12] Il singolo è stato certificato oro dalla Recording Industry Association of America (RIAA) l'8 novembre 2018, diventando così la prima certificazione d'oro di Lil Peep. Al momento il singolo Falling Down è stato certificato platino il 7 gennaio 2019, diventando così il primo e unico singolo ad aver raggiunto tale risultato da parte di Peep .[13] Il suo secondo album in studio Come Over When You're Sober, Pt. 2 ha debuttato alla quarta posizione della Billboard 200, diventando così il primo album di Lil Peep ad entrare nella Top 10 statunitense.[14]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 1º novembre 1996 ad Allentown, in Pennsylvania, Gustav Elijah Åhr è cresciuto a Long Island, New York.[15] Gustav è il figlio minore di Liza Womack, un'insegnante delle elementari,[16] e di Karl Johan Åhr, un professore universitario.[17] I suoi genitori sono entrambi laureati ad Harvard e divorziano quando lui è adolescente.[15][18] Åhr ha discendenze irlandesi da parte di sua madre e svedesi e tedesche da parte di suo padre. Su Twitter ha sostenuto di avere la cittadinanza svedese.[19]

Crescendo, il padre di Åhr è stato assente e la sua educazione era "apatica e carica di droga".[20] Ha frequentato la Lindell Elementary School e poi il Long Beach High School a Lido Beach, New York, che ha frequentato raramente nonostante i buoni voti.[21] Più tardi abbandonò la scuola superiore e frequentò corsi online per conseguire il diploma.[22] Poco dopo ha iniziato a pubblicare la sua musica su YouTube e SoundCloud.

A 17 anni, Åhr si è fatto il suo primo tatuaggio facciale, un cuore infranto sotto l'occhio sinistro, per motivarlo a fare musica prima di trasferirsi a Los Angeles per intraprendere la carriera musicale sotto lo pseudonimo di Lil Peep.[23][24] Åhr ha affermato che la ragione per cui si è trasferito a Los Angeles è dovuta al fatto che si sentiva depresso a Long Island.[20]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (2014-2016)[modifica | modifica wikitesto]

I primi EP e mixtape[modifica | modifica wikitesto]

Lil Peep e Wavysavage++ nel 2017

Parlando della sua adolescenza, Gustav Åhr (in arte Lil Peep) si è definito una persona solitaria che ha stretto amicizia su internet. È ispirato musicalmente da artisti come Seshhollowaterboyz e iLoveMakonnen.[25] Peep cominciò a fare musica mentre risiedeva a Long Island.[26] In quel periodo contattò il produttore Smokeasac, che scoprì su internet, per dei beat da mettere insieme con alcuni testi che scrisse precedentemente.[26] Visse temporaneamente con l'amico d'infanzia Brennan Savage finché entrambi decisero di trasferirsi a Los Angeles.[27] Lil Peep lasciò presto il liceo per trasferirsi a Los Angeles, per incontrare gli amici con cui parlava online. Durante il periodo a Los Angeles, Peep conobbe Smokeasac di persona e i due strinsero amicizia.[26] Inizialmente vivendo a Skid Row, a Los Angeles, Peep passò un periodo da senzatetto, soggiornando a volte nell'appartamento di Brennan Savage mentre l'amico conseguiva una laurea.[27] I due presero strade diverse e Peep incontrò il produttore JGRXXN di Memphis e i rapper Ghostemane e Craig Xen della Florida e visse con loro formando il collettivo Schemaposse.[27][28] Secondo Lil Peep, originariamente aveva incontrato Craig Xen online e fu presentato a JGRXXN che aveva bisogno di un cantante.[29] Lil Peep ha anche tentato di frequentare il Glendale Community College durante il suo primo anno a Los Angeles.[30] Nel 2015, Lil Peep ha pubblicato il suo primo mixtape intitolato Lil Peep Part One, che ha generato 4.000 ascolti nella prima settimana. Poco dopo ha pubblicato il suo primo extended play Feelz e un altro mixtape Live Forever.[31][32] Lil Peep ha iniziato a crescere in popolarità poco tempo dopo, con la canzone Star Shopping (in seguito pubblicata come singolo dopo la sua morte) estratta da Lil Peep Part One.[28] La popolarità di Lil Peep ha continuato a crescere dopo l'uscita della canzone Beamer Boy che lo ha portato a esibirsi dal vivo per la prima volta con i Schemaposse nel marzo 2016 a Tucson, in Arizona.[33] Il mese successivo, Schemaposse si sciolse e Lil Peep non fu associato a nessun collettivo sebbene rimasero in buoni rapporti.[34] Poco dopo la rottura di Schemaposse, Peep rimase a vivere a Skidrow, Los Angeles, anche se aveva iniziato a frequentare il collettivo rap Gothboiclique.[30] I membri del gruppo compaiono tutti nel suo mixtape Crybaby.[30] A Skidrow, il gruppo ha condiviso un edificio con Peep e condividevano spesso i letti.[23] Secondo Lil Peep, Crybaby è stato registrato nell'arco di tre giorni con un microfono da 150 dollari. Ha fatto la maggior parte del missaggio e del mastering da se.[25] Crybaby è stato rilasciato nel giugno 2016.[25]

Lil Peep a gennaio 2017

Nel giugno 2016, la First Access Entertainment (FAE) iniziò a collaborare con Lil Peep in una joint venture per investire sulle canzoni e consigliarlo sulla sua carriera.[35]

Oltre a fornire consulenza aziendale, la co-fondatrice/CEO Sarah Stennett, era anche una sua amica che forniva supporto morale e finanziario, aiutando Peep a realizzare la sua visione. Nel settembre 2016, Lil Peep ha pubblicato Hellboy.[36] Brani come Girls e OMFG hanno iniziato a registrare milioni di visualizzazioni sia su SoundCloud che su YouTube.[37]

I primi tour da solista e Come Over When You're Sober, Pt. 1 (2017)[modifica | modifica wikitesto]

Il successo di Hellboy ha portato Peep a realizzare il suo primo tour da solista negli Stati Uniti chiamato The Peep Show, che iniziò nell'aprile 2017 e terminò quel maggio.[38] Nel maggio 2017, la band Mineral ha accusato Peep di violazione del copyright per aver incluso un campionamento senza licenza e non accreditato della loro canzone LoveLetterTypewriter nel suo brano Hollywood Dreaming. Peep ha detto che stava solo cercando di "mostrare un po' d'amore" con il campionamento di questo brano.[39]

Peep ha affermato che molti dei suoi fan provenissero da paesi esteri tra cui la Russia, dove una delle più grandi community emo-rock è situata. Difatti Benz Truck (Гелик) (che conta 125 milioni di visualizzazioni su YouTube al 2019) era stata girata nei pressi di Mosca dati gli avvenimenti omofobi successi nel 2017. Molte interviste sono state sottotitolate in Russo, proprio per la moltitudine di fan russi che Lil Peep aveva e che tuttora ha.[40]

Poco dopo il tour, Peep emigrò a Londra, in Inghilterra, durante un disimpegno con il suo collettivo Gothboiclique. A Londra, Peep ha iniziato ad associarsi con un nuovo gruppo di persone che comprende personaggi come il rapper iLoveMakonnen di Atlanta e l'amico di lunga data Bexey. Mentre viveva a Londra, Peep ha registrato Come Over When You're Sober, Pt. 1 e Come Over When You're Sober, Pt. 2, un EP dal titolo Goth Angel Sinner e un progetto senza titolo con iLoveMakonnen.[41][42][43] Peep ha pubblicato il suo album di debutto in studio Come Over When You're Sober, Pt. 1 il 15 agosto 2017.[44] Peep ha anche annunciato e preso parte al suo primo tour mondiale, iniziando nel Regno Unito a settembre e trasferendosi in Germania prima di finire negli Stati Uniti a novembre.[45][46] Il tour è stato interrotto a causa della sua morte prematura.[46]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 novembre 2017, due giorni prima della fine del tour, Åhr è stato trovato morto nel suo tour bus dal suo manager, entrato per controllare la sua preparazione in vista della serata prevista quella sera a Tucson, Arizona.[47] Non ci sono stati sospetti di omicidio,[48] infatti si è pensato subito a una morte da overdose.[49]

In una serie di pubblicazioni su Instagram nelle ore precedenti alla morte, Åhr dichiarava di aver assunto dei funghi allucinogeni e un concentrato di cannabis. In un altro, ha affermato di aver consumato sei pillole di Xanax in seguito ad un video che mostrava i suoi tentativi di far cadere una pillola non identificata nella sua bocca diverse volte prima di deglutire con successo e di scuotere una bottiglia piena preparata su prescrizione. Un post successivo mostrava la didascalia "Quando morirò mi amerete".[50]

Nei giorni successivi, un report della polizia ha rivelato che Åhr si è addormentato prima del concerto, intorno alle 17:45. Il suo manager lo ha controllato un paio di volte, trovandolo addormentato e con respiro regolare, ma non è stato in grado di svegliarlo. Quando il manager ha controllato una terza volta, Åhr non rispondeva e non respirava, allora ha praticato una rianimazione cardiopolmonare prima dell'arrivo dei soccorsi, tuttavia è stato dichiarato morto sul posto.[51] La morte di Lil Peep è stata registrata su Snapchat dal suo amico Bexey Swan, il quale pensava che in quel momento stesse dormendo.[52] L'8 dicembre, l'ufficio del medico legale della contea di Pima ha reso noti i dettagli di un rapporto tossicologico, che certificava che la causa della morte fosse un sovradosaggio accidentale dovuto agli effetti dei farmaci antidolorifici quali fentanyl e alprazolam.[53] Gli esami del sangue sono risultati positivi per cannabis, cocaina e l'antidolorifico Tramadolo. I test delle urine hanno anche dimostrato la presenza di molteplici oppiacei potenti, tra cui Idrocodone, Idromorfone (Dilaudid), Ossicodone e Ossimorfone. Non è stata rilevata traccia di alcol nel suo organismo.[54]

Carriera postuma[modifica | modifica wikitesto]

Primi progetti postumi (2018-2019)[modifica | modifica wikitesto]

Il successo e le collaborazioni postume[modifica | modifica wikitesto]

Lil Peep durante un concerto ad Amsterdam nell'ottobre 2017

Dopo la sua morte, le fanbase e la popolarità di Lil Peep crebbero rapidamente e ciò portò ad un significativo aumento delle vendite e degli stream della sua musica.[55] Il singolo Awful Things di Come Over When You're Sober, Pt. 1 è entrato in classifica, segnando la sua prima entrata nella Billboard Hot 100 alla posizione numero 79.

A causa del prolifico ritmo di lavoro di Peep, un certo numero di canzoni e progetti furono completati prima della sua morte. La prima versione ufficiale postuma è arrivata entro ventiquattr'ore dalla sua morte, in quanto Wiggy, un regista di molti video musicali di Peep, ha pubblicato il video del brano 16 Lines: il video è stato successivamente rimosso.[56] Il 12 gennaio 2018, Marshmello ha ufficialmente rilasciato una collaborazione intitolata Spotlight.[57] Il successivo video del brano è stato pubblicato il 12 febbraio. Il 15 gennaio 2018, il rapper Juicy J ha rilasciato la canzone Got 'Em Like, che prevede le collaborazioni di Peep e Wiz Khalifa.[58] Il 27 gennaio, il rapper Teddy ha pubblicato una collaborazione musicale con Lil Peep dal titolo Dreams & Nightmares.[59]

Nel marzo dello stesso anno, l'archivio musicale di Peep è stato acquisito dalla Columbia Records.

Il 27 aprile il rapper Lil Raven pubblica sul suo canale youtube il singolo "Oh" con il rapper Lil Tracy e anche Lil Peep appare nella collaborazione e nel relativo video animato. Il 13 maggio 2018, il singolo postumo 4 Gold Chains, con Clams Casino, è stato pubblicato con il video musicale relativo diretto anche da Peep.[60] Un album collaborativo tra Peep e il rapper iLoveMakonnen dovrebbe essere pubblicato sull'etichetta Warner Bros.[61] Il 17 agosto, Makonnen ha annunciato un nuovo singolo di Lil Peep intitolato Falling Down, una rielaborazione di Sunlight on Your Skin che ha registrato con Peep nell'autunno del 2017 a Londra. La nuova versione presenta il rapper defunto XXXTentacion, che ha registrato i suoi versi dopo la morte di Peep.[62] Il singolo Falling Down è stato pubblicato il 19 settembre e ha raggiunto il 13º posto nella Billboard 200.[63] La versione originale Sunlight on Your Skin è stata pubblicata il 27 settembre.[64]

Il secondo album Come Over When You're Sober, Pt. 2[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 ottobre 2018, le proprietà di Lil Peep hanno rivelato che il suo primo progetto postumo intitolato Come Over When You're Sober, Pt. 2 è stato completato nel settembre 2018 e il produttore esecutivo Smokeasac ha confermato che il progetto era in attesa dell'approvazione da parte della famiglia di Lil Peep.[65] Il 17 ottobre, le proprietà di Lil Peep hanno confermato sui suoi social media che il singolo principale Cry Alone di Come Over When You're Sober, Pt. 2 sarà pubblicato il giorno dopo.[66] Dopo l'uscita di Cry Alone, l'album è stato annunciato per essere pubblicato il 9 novembre di quell'anno.[67] Il 1º novembre è stato ufficialmente pubblicato il secondo singolo dell'album intitolato Runaway.[68] Il 7 novembre 2018 è stato pubblicato il terzo singolo Life is Beautiful, un remix della traccia Life proveniente dall'EP Feelz.[69]

Come Over When You're Sober Pt. 2 è stato pubblicato il 9 novembre 2018 e ha debuttato alla quarta posizione della Billboard 200 con 81.000 unità equivalenti all'album (incluse 43.000 vendite di album pure), diventando così il primo album di Lil Peep ad entrare nella top 10 degli album negli Stati Uniti.[40][70] Dopo l'uscita, circolarono voci su un archivio di Lil Peep abbastanza grande da contenere un terzo capitolo di Come Over When You're Sober. Tuttavia, il produttore esecutivo Smokeasac ha smentito le voci, affermando tuttavia che è presente ancora una notevole quantità di musica inedita.[71]

Il 16 gennaio 2019 viene pubblicato, sul canale Youtube del rapper, il video di 16 Lines, brano incluso nell'album Come Over When You're Sober Pt. 2. Tale video era già stato pubblicato poche ore dopo la morte di Åhr dal regista stesso del video, Wiggy.

Altri singoli e collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 gennaio 2019, viene pubblicato I've Been Waiting, brano realizzato in collaborazione con ILoveMakonnen e i Fall Out Boy. Il singolo anticipa l'album collaborativo di Peep con Makonnen.[72] La canzone era originariamente una demo: dopo la morte di Peep, i Fall Out Boy hanno voluto rendergli omaggio partecipando anch'essi al brano poiché, in un’intervista rilasciata a XXL nel maggio 2017, Lil Peep parlando dei vari artisti che hanno influenzato e ispirato le sue sonorità, disse: "[...] Uno dei miei artisti hip-hop preferiti è Makonnen. Una delle mie band preferite sono i Fall Out Boy. Mettendo insieme le due cose ecco Lil Peep".[73]. Il video del singolo viene invece reso pubblico il 10 aprile seguente.

Il 10 marzo, viene presentato al SXSW Film Festival il documentario sulla vita del rapper, intitolato Everybody's Everything. Tale titolo è stato prelevato da una didascalia di uno dei suoi ultimi post pubblicati su Instagram il giorno della morte.

Nell'aprile dello stesso anno, i due singoli Gym Class e Star Shopping di Lil Peep, originariamente pubblicati a marzo 2016 e ad agosto 2015, sono stati ri-pubblicati su tutte le piattaforme in streaming dai manager di Peep.[74] Questo a causa di problemi col copyright sull'utilizzo dei campioni. Intorno allo stesso periodo, la madre di Lil Peep, in un post su Instagram, ha affermato che il video musicale di Gym Class sarebbe stato pubblicato di nuovo sul canale YouTube del rapper.[74]

Il 15 luglio, la madre di Peep pubblica su Instagram una nota firmata da lei stessa, che conferma la presenza di un nuovo album del rapper deceduto, curato da lei e dai collaboratori originali dei brani presenti.[75] Nello stesso post non vengono indicate tuttavia la data d'uscita o altre informazioni inerenti al nuovo album.[76]

Moda[modifica | modifica wikitesto]

Fin dall'adolescenza, Lil Peep è stato appassionato di moda e negli ultimi mesi della sua vita ha sfilato per Vlone, ed è stato invitato a partecipare a diverse sfilate di moda per Balmain alla Settimana della moda di Parigi e per Moncler alla sfilata primaverile-estiva di Gamme Bleu alla Settimana della moda di Milano.[6][77][78] Nico Amarca di Hypebeast ha dichiarato: "anche se il marchio di tendenza di Peep si trova su uno spettro molto più di nicchia rispetto alla maggior parte dei moderni artisti del caso, qualcosa gli ha ampiamente attribuito il suo successo. In un'epoca in cui l'individualità genuina sta diventando sempre più obsoleta, Peep era il tatuaggio coprente, un topo da centro commerciale alla Manic Panic, un mondo creativo che aveva bisogno di interrompere la sua sempre crescente omogeneità".[79] Il rapper Playboi Carti descrisse Lil Peep come un "trendsetter".[79]

Verso fine 2018 è stato annunciato che prima della sua morte, Lil Peep aveva creato e sviluppato una linea di abbigliamento chiamata "No Smoking" (stilizzata "NO SMOK!NG").[80]

Stile e influenze musicali[modifica | modifica wikitesto]

Lil Peep è stato descritto come rapper lo-fi,[81] "idolo emo-trap"[82] e "emo rapper".[83][84]

Molte sue tracce si basano su campionamenti di altre canzoni di artisti come Blink-182, Pierce the Veil, Brand New, Radiohead, Underoath, Three Days Grace, Avenged Sevenfold, Slayer, The Postal Service, Oasis e The Microphones.[85][86]

Il critico musicale Jon Caramanica del New York Times ha definito Peep il "Kurt Cobain del lo-fi rap" e ha descritto la sua musica come cupa e diabolicamente melodica.[87] La musica di Lil Peep in genere attira sia il Southern rap che l'angosciosa introspezione del sottogenere rock post-hardcore.[88] A detta del rapper, voleva diventare il "Nuovo Kurt Cobain".[15] I temi lirici di Lil Peep includono argomenti come la depressione, l'uso di droghe, le relazioni passate e pensieri suicidi e mescola insieme emo, rock alternativo, pop punk e dream pop insieme a musica trap e hip-hop.[89] Un caro amico di Peep, nonché produttore esecutivo dell'album Come Over When You're Sober, Pt. 1, ha detto che Peep "voleva dare voce a persone che soffrono di ansia e depressione, persone che sono state maltrattate, vittime di bullismo e persone che sono state fraintese come lui. Aveva demoni suoi e ha affrontato quei demoni creando musica".[26] AllMusic ha descritto la sua musica come una miscela di influenze hip hop e rock insieme a trap, punk e dream pop.[89] È stato descritto come il futuro degli emo da Steven J. Horowitz della rivista online Pitchfork.[90]

Prima dell'uscita del suo primo album, Peep ha citato Kurt Cobain, David Bowie, Frank Ocean e Riff Raff come principali ispirazioni e voleva essere riconosciuto come il "Kurt Cobain del Rap".[15] Lil Peep ha anche citato Anthony Kiedis come suo idolo.[91] Le sue altre influenze musicali includono Gucci Mane, Red Hot Chili Peppers, Future, Crystal Castles, Seshollowaterboyz, Rozz Dyliams, My Chemical Romance e Panic! at the Disco.[92]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 Åhr si è trasferito da Skid Row al suo appartamento a Echo Park a Los Angeles, dove ha registrato e prodotto la maggior parte dei suoi lavori di successo.[93]

Nell'agosto 2017, Lil Peep ha rivelato la sua bisessualità in un post su Twitter;[94][95][96][97] più o meno in questo periodo frequentava l'attrice e cantante Bella Thorne.[98]

Lil Peep ha avuto uno stretto rapporto con sua madre,[97] arrivando al punto di tatuarsi le sue iniziali e la data del suo compleanno sul braccio, all'età di quattordici anni.[9] Ha suonato il trombone e la tuba[99] e ha espresso un interesse per la musica e la moda fin dalla giovane età. Al momento della sua morte, Lil Peep risiedeva a Portobello Road, a Londra, con i suoi amici e stretti collaboratori Bexey[20][100] e Smokeasac. Il motivo del trasferimento parte dal bisogno di Peep di sfuggire alle sue circostanze, dopo anche lo scioglimento del suo collettivo Gothboiclique.[42]

Lil Peep ha parlato attivamente dei suoi problemi quali depressione, ansia e abuso di sostanze, dichiarando persino di avere un disturbo bipolare,[20] come rivelato nelle interviste di Pitchfork e Vice.[20][101] Nella sua ultima intervista, prima della sua morte, con Zane Lowe, Peep ha confessato che la sua depressione stava peggiorando affermando "Le cose peggiorano, le cose peggiorano sempre di più e peggiorano ogni giorno".[102] Lil Peep faceva regolarmente riferimento a dipendenze da cocaina, ecstasy e Xanax nei suoi testi e messaggi sui social media,[103][104] dove si è descritto come un "drogato produttivo", consigliando al suo pubblico di evitare l'uso di droghe.[97][105][106]

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi artisti del settore musicale hanno reso omaggio a Lil Peep dopo la sua morte, tra cui XXXTentacion, Diplo, Peter Wentz, Marshmello, Mark Ronson, Zane Lowe, Sam Smith, Bella Thorne, Trippie Redd, A$AP Nast, Rich Brian, Playboi Carti, Ugly God, Lil Uzi Vert, Lil Xan, Ty Dolla Sign, Lil Pump, Dua Lipa e El-P.[107] Il 22 novembre 2017, Jon Caramanica, critico musicale del New York Times, ha tenuto un episodio speciale su podcast in memoria di Peep dopo la sua morte.[108] Il 2 dicembre 2017, i Good Charlotte hanno voluto onorare Lil Peep, cantando persino una cover di Awful Things durante la sua commemorazione a Long Beach, New York.[109] I Three Days Grace hanno reso omaggio postando un video su Instagram e Twitter di un remix della canzone Witchblades di Lil Peep e Lil Tracy. Il beat del brano remixato era una traccia strumentale rallentata della canzone The Real You, della band. Lil Peep è stato menzionato anche da Juicy J (che aveva collaborato con lui prima della sua morte) nel brano Powerglide di Rae Sremmurd. Peep è stato omaggiato anche da Post Malone, il quale tiene anche un tatuaggio del rapper deceduto sul suo braccio sinistro.[107][110] I due erano molto legati e Post ritiene che Lil Peep avrebbe cambiato la musica per sempre grazie al suo stile unico.[111] Lil Peep è stato anche premiato durante la 60ª edizione dei Grammy Awards. Il 19 giugno 2018, il rapper Juice WRLD ha pubblicato un EP di due canzoni intitolato Too Soon.. dedicato a lui e XXXTentacion, quest'ultimo coinvolto in un omicidio relativo ad una rapina.[112][113]

Lil Peep è stato cremato a Huntington Station, New York, e le sue ceneri sono state collocate nel giardino di suo nonno.[17] Il 2 dicembre 2017, amici, familiari e fan mostrarono il loro rispetto per Lil Peep durante la sua commemorazione a Long Beach.[114] Durante lo stesso giorno si è tenuta anche un'altra commemorazione, durante la quale è stata proiettata una grande immagine di Lil Peep su un lato del Palazzo di Westminster nel centro di Londra.[115]

Il 31 ottobre 2018 è stato annunciato un documentario su Åhr dal titolo Everybody's Everything. Il documentario prende il nome da una didascalia scritta dal cantante su un suo post di Instagram poco prima della sua scomparsa. Sarà inoltre prodotto dal regista Terrence Malick, amico della famiglia di Åhr.[116]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Lil Xan and the Year in Sad Rap, su newyorker.com. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  2. ^ (EN) [=https://pitchfork.com/features/overtones/the-unlikely-resurgence-of-rap-rock/ The Unlikely Resurgence of Rap Rock], su pitchfork.com. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  3. ^ (EN) Lil Peep, Kurt Cobain Of Lo-Fi Rap Scene, Dies At 21, su theknockturnal.com. URL consultato il 17 novembre 2017.
  4. ^ Matthew Strauss, Lil Peep: Hellboy Album Review, su Pitchfork, 18 novembre 2018. URL consultato il 31 dicembre 2018.
    «The way Lil Peep sampled and sang and drew from alternative rock music initially stirred ire from hip-hop and indie fans.».
  5. ^ (EN) Hattie Collins, Frankie Dunn, an interview with lil peep from september 2017, su I-D, 22 dicembre 2017. URL consultato l'8 luglio 2019.
  6. ^ a b (EN) Condé Nast, Emo-Rapper Lil Peep Says His Fearless Style Is What Fashion Needs Right Now, su GQ. URL consultato l'8 luglio 2019.
  7. ^ (EN) Marianne Eloise, Lil Peep: how to handle the release of an album shrouded in tragedy, in The Guardian, 22 ottobre 2018. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  8. ^ A Timeline of Lil Peep's Career, su Billboard. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  9. ^ a b (EN) Emma Garland, Chris Bethell, A First Date in a Cemetery with Lil Peep, su Noisey, 6 luglio 2017. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  10. ^ (EN) Lil Tracy is getting better, su The FADER. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  11. ^ 10 Essential Lil Peep Deep Cuts | PigeonsandPlanes, su web.archive.org, 14 ottobre 2018. URL consultato il 28 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2018).
  12. ^ Lil Peep Falling Down Chart History, su Billboard. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  13. ^ Lil Peep & XXXTENTACION's Collab "Falling Down" Is Certified Gold, su HotNewHipHop. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  14. ^ Kane Brown Earns First No. 1 Album on Billboard 200 Chart With 'Experiment', su Billboard. URL consultato il 18 maggio 2019.
  15. ^ a b c d (EN) Who was Lil Peep? Inside the life of the late 21-year-old rapper, in NME, 16 novembre 2017. URL consultato il 16 novembre 2017.
  16. ^ Lil Peep, The Fascinating and Colorful Life of Iconic Gus Ahr (Lil Peep), 2 dicembre 2017. URL consultato il 2 dicembre 2017.
  17. ^ a b (EN) Remembering Gustav Ahr, su Herald Community Newspapers. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  18. ^ (EN) Matt Miller, You Might Not Have Known Lil Peep, but He Represented a New Generation of Rap, su Esquire, 16 novembre 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  19. ^ (EN) GOTH ANGEL SINNER, I'm a Swedish citizen, su @lilpeep, 31 marzo 2016. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  20. ^ a b c d e (EN) Frankie Dunn, Hattie Collins, an interview with lil peep from september 2017, su I-D, 22 dicembre 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  21. ^ (EN) Lisa Verrico, Interview: Lil Peep, 6 agosto 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  22. ^ (EN) Meet Lil Peep, The All-American Reject You’ll Hate To Love, su The FADER. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  23. ^ a b (EN) Guardian Staff, Lil Peep remembered by Sarah Stennett, in The Guardian, 17 dicembre 2017. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  24. ^ (EN) Noisey Staff, Noisey UK Staff, Lil Peep Has Died at Age 21, su Noisey, 16 novembre 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  25. ^ a b c HAM ON EVERYTHING, Lil Peep Talks Cry Baby, Seshollowaterboyz, Emo & More, 19 giugno 2017. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  26. ^ a b c d (EN) About, su Smokeasac. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  27. ^ a b c (EN) Thanks Alec, Brennan Savage Talks About New Project, Europe Tour, & Lil Peep, su Nobodys Video, 13 agosto 2018. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  28. ^ a b (EN) David Drake, Lil Peep: 1996 - 2017, su The Outline. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  29. ^ Internet Hippy, a Selfie with LiL PEEP 1. How did you end up..., su web.archive.org, 14 dicembre 2018. URL consultato il 15 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2018).
  30. ^ a b c (EN) Remembering Gustav Ahr, su Herald Community Newspapers. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  31. ^ (EN) Lil Peep @ The Foundry 10/30 -, su mxdwn Music, 7 agosto 2017. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  32. ^ (EN) stereoboard.com, Lil Peep Tour Dates & Tickets, su Stereoboard.com. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  33. ^ James Murphy, LIL PEEP WILL BE AN ICON (PART 2 OF 3), su James Murphy, 21 febbraio 2017. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  34. ^ No Jumper, No Jumper - The Schema Posse Interview, 18 aprile 2016. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  35. ^ (EN) First Access Entertainment CEO Sarah Stennett pays tribute to Lil Peep at memorial service, su www.musicweek.com. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  36. ^ (EN) Meet Lil Peep, The All-American Reject You’ll Hate To Love, su The FADER. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  37. ^ (EN) Lil Peep Dead at 21, su Pitchfork. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  38. ^ (EN) THE PEEP SHOW TOUR: LIL PEEP | HORSEHEAD —, su Interracial Friends. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  39. ^ Emo Veterans Mineral Accuse Lil Peep Of Ripping Them Off, su Stereogum, 5 maggio 2017. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  40. ^ a b Kane Brown Earns First No. 1 Album on Billboard 200 Chart With 'Experiment', su Billboard. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  41. ^ Lil Peep & iLoveMakonnen "Sunlight On Your Skin" Has Come Out, su HotNewHipHop. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  42. ^ a b (EN) Jon Caramanica, Lil Peep Died Before Becoming Pop Royalty. His New Music May Change That., in The New York Times, 31 ottobre 2018. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  43. ^ (EN) Peter A. Berry, ILoveMakonnen Explains Lil Peep and XXXTentacion's "Falling Down" - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  44. ^ (EN) Come Over When You're Sober, Pt. 1 by Lil Peep. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  45. ^ Lil Peep Announces UK Dates Supporting Debut Album, su Louder Than War, 9 settembre 2017. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  46. ^ a b (EN) Lil Peep announces fall 'Come Over When You're Sober' world tour, in AXS. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  47. ^ August Brown, Lil Peep, hero to the emo and hip-hop scenes, dies of suspected overdose at 21, in Los Angeles Times, 16 novembre 2017. URL consultato il 16 novembre 2017.
  48. ^ Lisa Respers France, Rapper Lil Peep dies at 21, in CNN, 15 novembre 2017. URL consultato il 16 novembre 2017.
  49. ^ Matthew Strauss, Lil Peep Died of Suspected Overdose, Medical Examiner Says, in Pitchfork, 16 novembre 2017. URL consultato il 16 novembre 2017.
  50. ^ Ben Beaumont-Thomas, The death of Lil Peep: how the US prescription drug epidemic is changing hip-hop, in The Guardian, 16 novembre 2017. URL consultato il 16 novembre 2017.
  51. ^ Jordan Sargent, TMZ: Police Report Says Lil Peep Did Not Wake Up From Pre-Show Nap, in Spin, 20 novembre 2017. URL consultato il 21 novembre 2017.
  52. ^ (EN) Peter A. Berry, Lil Peep Dead at 21 - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  53. ^ Lil Peep cause of death revealed by coroner.
  54. ^ Lil Peep’s cause of death revealed to be accidental overdose of Fentanyl and Xanax, in The Sun, 9 dicembre 2017.
  55. ^ Lil Peep Re-Enters Social 50 Chart Top 10 After Death, su Billboard. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  56. ^ Watch the video for ‘Sixteen Lines’ by Lil Peep, su ELEVATOR, 17 novembre 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  57. ^ Marshmello Reveals Lil Peep Collaboration Title and Artwork, su Billboard. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  58. ^ (EN) Listen to Juicy J’s New Song “Got Em Like” With Lil Peep, Wiz Khalifa, su Pitchfork. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  59. ^ (EN) Teddy & Lil Peep – Dreams & Nightmares – The Plug Society, su theplugsociety.us. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  60. ^ Listen to Lil Peep's Posthumous Clams Casino-Produced Song "4 Gold Chains" | PigeonsandPlanes, su web.archive.org, 19 maggio 2018. URL consultato il 20 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2018).
  61. ^ (EN) HITS Daily Double : Rumor Mill - PEEP THIS, su HITS Daily Double. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  62. ^ (EN) iLoveMakonnen Says a Lil Peep and XXXTentacion Collaboration Is Coming, su Complex. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  63. ^ (EN) New Song From Lil Peep and XXXTentacion Released, su Pitchfork. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  64. ^ (EN) Listen to “Sunlight On Your Skin” by Lil Peep and ILoveMakonnen, su The FADER. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  65. ^ Lil Peep's Estate Teases 'Come Over When You're Sober, Pt. 2' Album Release | Billboard, su web.archive.org, 18 ottobre 2018. URL consultato il 20 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2018).
  66. ^ Lil Peep's Team Releasing "Cry Alone" Song & Video Tomorrow, su HotNewHipHop. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  67. ^ (EN) Come Over When You're Sober, Pt. 2 by Lil Peep on iTunes. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  68. ^ @lilpeep su Instagram: "Runaway out now. Video directed by @kathrynhollowoak and @stevenstmertens. #COWYS2 coming NOV 9.", su Instagram. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  69. ^ @lilpeep su Instagram: "Life Is Beautiful song and video out now. #COWYS2 coming in 2 days.", su Instagram. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  70. ^ (EN) Lil Peep’s Come Over When You’re Sober, Pt. 2 debuts in top 5 of Billboard 200, su The FADER. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  71. ^ (EN) Sam Moore, Lil Peep producer responds to 'Come Over When You're Sober, Pt. 3' rumours, su NME, 20 novembre 2018. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  72. ^ (EN) Listen to Lil Peep, Fall Out Boy, and iLoveMakonnen’s New Song, su Pitchfork. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  73. ^ (EN) Elias Leight, Elias Leight, How ILoveMakonnen, Lil Peep and Fall Out Boy Made ‘I’ve Been Waiting’, su Rolling Stone, 31 gennaio 2019. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  74. ^ a b Lil Peep Fan-Favorite Ballad 'Star Shopping' Re-Released, su Billboard. URL consultato l'8 luglio 2019.
  75. ^ @lilpeep su Instagram: "Yep.", su Instagram. URL consultato il 19 luglio 2019.
  76. ^ Lil Peep's Mother Says New Posthumous Peep Album Is On the Way, su Spin, 15 luglio 2019. URL consultato il 19 luglio 2019.
  77. ^ (EN) VLONE Debuts New Nike Collabs at Paris Fashion Week, su Highsnobiety, 23 giugno 2017. URL consultato l'8 luglio 2019.
  78. ^ Lil Peep Laid to Rest in Hometown Memorial Service, su Billboard. URL consultato l'8 luglio 2019.
  79. ^ a b Why Lil Peep Was an Icon for Millennial Style, su HYPEBEAST. URL consultato l'8 luglio 2019.
  80. ^ (EN) Roger Krastz, Lil Peep’s No Smoking Clothing Line to Launch This Summer - XXL, su XXL Mag. URL consultato l'8 luglio 2019.
  81. ^ Micah Peters, How Losing SoundCloud Would Change Music, su The Ringer, 7 luglio 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  82. ^ (EN) ♫ Listen: LIL TRACY - ✧✧✧ LIFE OF A POPSTAR✧✧✧, su Tiny Mix Tapes. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  83. ^ (EN) Lil Peep | Biography, Albums, Streaming Links, su AllMusic. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  84. ^ (EN) Tom Connick, Emo rapper Lil Peep has died, aged 21, su NME, 16 novembre 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  85. ^ (EN) Listen to “White Wine” by Lil Peep. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  86. ^ (EN) 13 Artists You Need To Know About In 2017, su The FADER. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  87. ^ (EN) Jon Caramanica, The Rowdy World of Rap’s New Underground, in The New York Times, 22 giugno 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  88. ^ (EN) Angus Harrison, Lil Peep: the YouTube rapper who's taking back emo, in The Guardian, 21 aprile 2017. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  89. ^ a b (EN) Lil Peep | Biography & History, su AllMusic. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  90. ^ (EN) Tears of a Dirtbag: Rapper Lil Peep Is the Future of Emo, su Pitchfork. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  91. ^ The Endless Giving of Lil Peep, su HotNewHipHop. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  92. ^ Internet Hippy, a Selfie with LiL PEEP 1. How did you end up..., su web.archive.org, 17 ottobre 2016. URL consultato il 20 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2016).
  93. ^ Emo Rapper Lil Peep Dead at 21.
  94. ^ Dan Tracer, Rapper Lil Peep comes out as bi on Twitter, su www.queerty.com, 9 agosto 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  95. ^ (EN) Kairi Coe, Lil Peep Reveals He’s Bisexual - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  96. ^ Lil Peep Comes Out as Bisexual | Billboard, su web.archive.org, 10 agosto 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2017).
  97. ^ a b c Lil Peep: il rapper è morto all'età di 21 anni, su Soundsblog.it, 16 novembre 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  98. ^ Bella Thorne Remembers Ex-Boyfriend Lil Peep After His Death, su web.archive.org, 10 dicembre 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2017).
  99. ^ (EN) Emmanuel C.M, The Break Presents: Lil Peep - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  100. ^ (EN) Lil Peep was one of hip hop’s fastest-rising stars until his life was cut short at 21, su Evening Standard, 16 novembre 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  101. ^ (EN) Aisha Harris, Emo Rapper Lil Peep, Who Was Hailed as the Future of the Genre, Is Dead at 21, su Slate Magazine, 16 novembre 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  102. ^ Emmeline Saunders, Lil Peep's heartbreaking last radio interview before his suspected suicide, su mirror, 16 novembre 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  103. ^ (EN) Drew Millard, Is Lil Peep's Music Brilliant or Stupid as Shit?, su Noisey, 23 dicembre 2016. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  104. ^ (EN) GOTH ANGEL SINNER, I am a depressed drug addict and I'm nearing my breaking point. Everything I love is disappearing, su @lilpeep, 16 febbraio 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  105. ^ "Productive Junkie" Lil Peep Passes On / Celebs Pay Tribute!, su soundcity.tv. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  106. ^ One Of Lil Peep’s Final Instagram Posts Was A Tragic Cry For Help, su www.unilad.co.uk. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  107. ^ a b Lil Peep's Death: Diplo, Post Malone, Pete Wentz & More React, su Billboard. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  108. ^ (EN) The New York Times, Remembering Lil Peep, in The New York Times, 22 novembre 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  109. ^ R.I.P., Watch Good Charlotte Pay Tribute to Lil Peep at His Memorial, su Fuse. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  110. ^ TMZ, Post Malone Shows Off His Very Detailed Lil Peep Tattoo | TMZ, 28 novembre 2017. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  111. ^ H3 Podcast Highlights, Post Malone Discusses Lil Peep's Death, 17 novembre 2017. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  112. ^ Juice WRLD Mourns XXXTentacion & Lil Peep In New Previewed Track, su HotNewHipHop. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  113. ^ Too Soon.., su SoundCloud. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  114. ^ (EN) Elias Leight, Elias Leight, Lil Peep: Inside Late Singer's Emotional Beachside Memorial, su Rolling Stone, 3 dicembre 2017. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  115. ^ (EN) Lil Peep image projected onto Houses of Parliament to mark memorial service, su Independent.ie. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  116. ^ (EN) Condé Nast, Lil Peep Documentary in the Works, Executive Produced by Terrence Malick, su Pitchfork. URL consultato il 21 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19151302864048662039 · ISNI (EN0000 0004 6362 7847 · GND (DE1163815543 · WorldCat Identities (EN19151302864048662039