Idromorfone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Idromorfone
Hydromorphone skeletal.svg
Nome IUPAC
4,5-α-epossi-3-idrossi-17-metil-morfinan-6-one
Nomi alternativi
diidromorfinone
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC17H19NO3
Massa molecolare (u)285,338 g / mol
Numero CAS466-99-9
Numero EINECS207-383-5
PubChem5284570
DrugBankDB00327
SMILES
O=C4[C@@H]5O c1c2c(ccc1O)C [C@H]3N(CC[C@] 25[C@H]3CC4)C
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acquaH2O
Temperatura di fusione266°
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticaOppiacei - Analgesico - Narcotico
TeratogenicitàSconsigliato in gravidanza - non utilizzare durante l'allattamento
Modalità di
somministrazione
orale, intramuscolare, endovenoso, transmucosale, sottocutaneo, intratecale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità~90%
Legame proteicoproteine plasmatiche <30%
MetabolismoPrincipalmente epatica
Emivita2,5 - 3 ore - 24 ore
EscrezioneRenale
Indicazioni di sicurezza

L'idromorfone è un potente analgesico che agisce sul sistema nervoso centrale e appartiene alla classe degli oppioidi. Si tratta di un derivato della morfina ed è quindi una droga semi-sintetica. È un narcotico con utilizzo legale come antidolorifico e analgesico.

L'idromorfone è conosciuto in diversi paesi in tutto il mondo con i nomi commerciali Hydal, Sophidone, Hydromorfan, Hydromorphan, Laudicon, Hymorphan, Opidol, Palladone ed in Italia come Jurnista. È pericoloso per l'organismo se associato con l'alcool o con le benzodiazepine specialmente il Clonazepam[senza fonte]

Commercializzato da Janssen-Cilag, l'idromorfone è usato in medicina come alternativa alla morfina per l'analgesia. È stato sviluppato poco dopo la diacetilmorfina (eroina), poi rimossa da un uso clinico per questo scopo.

Usi medici[modifica | modifica wikitesto]

L'idromorfone è usato per trattare il dolore da moderato a grave.  Può essere assunto per via orale o per iniezione endovenosa, intramuscolare o sottocutanea.[1] Gli effetti iniziano entro mezz'ora e durano fino a cinque ore.[1]  Ha ampio utilizzo come terapia del dolore, specialmente nelle cure palliative. L'uso a lungo termine è consigliato solo per il dolore di tipo tumorale.[2]  C'è poca differenza tra i benefici dell'idromorfone e quelli di altri oppioidi nel trattamento del dolore tumorale.[3]

È tra gli stupefacenti antitosse (farmaci bechici) per i casi di tosse secca, dolorosa, e parossistica derivanti dalla continua irritazione bronchiale dopo l'influenza o altri disturbi correlati all'apparato respiratorio. L'efficacia dell'idrocodone come antitosse e analgesico può essere dovuta in parte alla sua parziale conversione in idromorfone nel fegato.

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti avversi dell'idromorfone sono simili a quelli di altri analgesici oppioidi, come morfina ed eroina. I principali rischi includono depressione respiratoria dose-correlata, ritenzione urinaria, broncospasmo e, talvolta, depressione circolatoria.[4] Gli effetti collaterali più comuni includono vertigini, sedazione, prurito, costipazione, nausea, vomito, mal di testa, sudorazione e allucinazioni.[4]  Questi sintomi sono comuni nei pazienti ambulatoriali e in quelli che non soffrono di forti dolori.

Sospensione del farmaco[modifica | modifica wikitesto]

I pazienti che assumono idromorfone possono manifestare sintomi dolorosi se il farmaco viene sospeso.[5]  Alcuni soggetti non riescono a tollerare i sintomi da astinenza, il che si traduce nello sviluppo della dipendenza dal farmaco.[5] I sintomi dell'astinenza da oppioidi non sono facili da decifrare, poiché esistono notevoli differenze tra un soggetto e l'altro.[6] I sintomi principali associati all'astinenza da idromorfone includono:[5][6][7]

  • Dolore addominale
  • Ansia o attacchi di panico
  • Depressione
  • Pelle di pelle d'oca
  • Incapacità di godere delle attività quotidiane
  • Dolori muscolari e articolari
  • Nausea
  • Naso che cola e secrezione eccessiva di lacrime
  • Sudorazione
  • Vomito

Interazioni[modifica | modifica wikitesto]

Gli agenti depressivi del SNC possono aumentare gli effetti depressivi dell'idromorfone, come altri oppioidi, anestetici, sedativi, ipnotici , barbiturici, benzodiazepine, fenotiazine, cloralio idrato, dimenidrinato e glutetimide. L'effetto depressivo dell'idromorfone può essere potenziato dagli inibitori delle monoaminossidasi (inibitori delle MAO), dagli antistaminici di prima generazione ( bromfeniramina, prometazina, difenidramina, clorfenamina ), beta-bloccanti e alcol . Quando è prevista la terapia combinata, la dose di uno o di entrambi gli agenti deve essere ridotta.[8]

Farmacologia[modifica | modifica wikitesto]

L'idromorfone è un agonista μ-oppioide semisintetico.[9] Si tratta di un chetone idrogenato della morfina, e perciò condivide le proprietà farmacologiche tipiche degli analgesici oppioidi. L'idromorfone e gli oppioidi correlati producono i loro effetti principali sul sistema nervoso centrale e sul tratto gastrointestinale. Questi includono analgesia, sonnolenza, annebbiamento mentale, cambiamenti di umore, euforia o disforia, depressione respiratoria, soppressione della tosse, diminuzione della motilità gastrointestinale, nausea, vomito, aumento della pressione del liquido cerebrospinale, aumento della pressione biliare e restringimento delle pupille.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Hydromorphone Hydrochloride Monograph for Professionals, su Drugs.com. URL consultato il 18 settembre 2020.
  2. ^ British Medical Association., Royal Pharmaceutical Society of Great Britain. e Joint Formulary Committee (Great Britain), BNF 76 : September 2018 - March 2019., ISBN 978-0-85711-339-9, OCLC 1050279948. URL consultato il 18 settembre 2020.
  3. ^ Yan J. Bao, Wei Hou e Xiang Y. Kong, Hydromorphone for cancer pain, in The Cochrane Database of Systematic Reviews, vol. 10, 11 ottobre 2016, pp. CD011108, DOI:10.1002/14651858.CD011108.pub2. URL consultato il 18 settembre 2020.
  4. ^ a b Dilaudid side effects (Hydromorphone Hydrochloride) and drug interactions - prescription drugs and medications at RxList, su web.archive.org, 13 febbraio 2008. URL consultato il 18 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2008).
  5. ^ a b c Hydromorphone / Dilaudid Detox | Rapid Drug Detox, su www.rapiddrugdetox.com. URL consultato il 18 settembre 2020.
  6. ^ a b (EN) Dilaudid Abuse & Addiction Withdrawals, Signs, Symptoms & Effects | Acadiana Treatment Center, su Acadiana. URL consultato il 18 settembre 2020.
  7. ^ www.narconon.org, https://www.narconon.org/drug-information/hydromorphone.html. URL consultato il 18 settembre 2020.
  8. ^ Daniel Thwaites, Shawn McCann e Peter Broderick, Hydromorphone neuroexcitation, in Journal of Palliative Medicine, vol. 7, n. 4, 2004-08, pp. 545–550, DOI:10.1089/jpm.2004.7.545. URL consultato il 18 settembre 2020.
  9. ^ M. Filizola, H. O. Villar e G. H. Loew, Molecular determinants of non-specific recognition of delta, mu, and kappa opioid receptors, in Bioorganic & Medicinal Chemistry, vol. 9, n. 1, 2001-01, pp. 69–76, DOI:10.1016/s0968-0896(00)00223-6. URL consultato il 18 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]