Lavorazione del caffè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tipi di chicchi[modifica | modifica wikitesto]

  • parchment suka: (grani in pergamino) il chicco è ricoperto dall'endocarpo secco.
  • block beans: caffè lavato e ancora bagnato
  • cherries: frutto appena raccolto

Fasi di lavoro[modifica | modifica wikitesto]

  1. raccolta (hand picking, harvesting): vengono raccolte bacche non verdi. La raccolta è una delle fasi più importanti nella produzione, ed è determinante per la qualità del prodotto. Se vengono raccolte troppe bacche verdi gli agricoltori sono pagati meno (penalities)
  2. defruiting: (in pulping station) viene separato (spesso in acqua) il frutto (pulp) dal seme. Il chicco rimane protetto da uno strato di pectina e da uno strato "silver skin".
  3. washing: il caffè viene lavato
  4. asciugatura (drying): il caffè viene steso al sole e all'aria per una settimana.
  5. spazzolatura (polishing): eventuale spazzolatura per rimuovere il "silver skin".
  6. sorting: separazione dei chicchi per colore e grandezza. I chicchi rotti o danneggiati, e corpi esterni come sassi o fagioli sono eliminati; il lavoro è spesso fatto a mano. Fino a questa fase si parla di "green beans"
  7. aging: alcuni tipi di caffè vengono invecchiati. Per lo più caffè che proviene dall'India o dall'Indonesia.
  8. tostatura (roasting): quando i chicchi vengono arrostiti, i chicchi verdi riescono a raddoppiare quasi la loro grandezza originale, cambiando in colore e in densità. Quando la temperatura interna al chicco raggiunge i 200 °C, il chicco incomincia ad assumere il colorito marrone scuro. Fatto in luogo solo per mercato locale.
  9. insaccatura
  10. analisi: controllo qualità da parte dell'autorità locale.
  11. macinatura (milling)

Inquinamento[modifica | modifica wikitesto]

L'utilizzo di insetticidi chimici nelle coltivazioni e la struttura delle fabbriche per la lavorazione del caffè provoca l'erosione del terreno, la distruzione della biodiversità, l'impossibilità di usare il legno, l'inquinamento dell'aria e delle acque.

Nei pressi di una fabbrica per la seccatura del caffè è facile vedere i fumi che escono da questo mostro di lamiera impestando l'aria per quasi mezzo chilometro diffondendo un odore a polvere bruciata che rende difficile la respirazione. Sulle persiane bianche delle case in pochi minuti si forma un dito di sporco nero e appiccicoso. Varie ricerche hanno mostrato come l'inquinamento dell'aria abbia conseguenze disastrose sui bambini, ritardandone la crescita, creando problemi nello sviluppo e indebolendo le difese immunitarie. Se non adeguatamente trattati i rifiuti del caffè sono altamente tossici e rendono i fiumi dei corsi d'acqua morti.

Qualità dall'Uganda[modifica | modifica wikitesto]

  • arabica: prodotto nelle zone più in quota, come quelle attorno al monte Elgon;
  • robusta: in centro e in Kenya.

«Il problema dell'Uganda è una qualità scesa perché tutti possono fare caffè, i giovani vogliono soldi subito, gli alberi invecchiati producono meno, le piante non vengono potate perché i giovani si spostano in città»

Il caffè pronto viene rivenduto con il nome del pulping center così da far ricadere su di questo la migliore o peggiore qualità.

Nomi dall'Uganda[modifica | modifica wikitesto]

  • USAID: united states agency international development;
  • NUCAFE: associazione agricoltori del caffè;
  • CIRAD: organizzazione di ricerca con sede in Nairobi;
  • UCMB: uganda coffe marketing board (altra azienda?);
  • BUGISU: la seconda fabbrica in Uganda. Obiettivo: diventare i primi produttori dal monte Elgon entro 10 anni;
  • MTL: iniziato nel 2003; producono verde per l'estero e Savana e Masaba (?) per mercato locale;
  • UCDA: uganda coffe development authoriting, controlla il caffè quando è verde, risolve controversie, ricerca e sviluppo, prestiti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]