Caffè Motta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caffè Motta S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione2001 a Salerno
Sede principaleSalerno
Persone chiaveNicola Mastromartino (amministratore)
SettoreAlimentare
Prodottilavorazione del caffè
Fatturato9,78 milioni di [1] (2018)
Utile netto 37 830 (2018)
Sito webwww.caffemotta.com/

Caffè Motta S.p.A. è un'azienda italiana produttrice di caffè tostato, fondata nel 2001 a Salerno da Michele Mastromartino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società viene fondata nel 2001 dall'imprenditore Michele Mastromartino, che nel 1968 aveva aperto a Salerno una piccola rivendita di caffè e dolciumi dopo aver avviato una prima commercializzazione in Venezuela. Dopo essere entrato nel mercato sudamericano, prima, e in quello americano, poi, la compagine societaria, composta inizialmente da Mastromartino e dalla moglie Carmela Motta, si arricchisce della collaborazione dei figli che, dando nuovo impulso alla società, creano il marchio Caffè Motta.

Nel corso degli anni è diventata una delle prime dieci aziende in Italia nel settore del caffè nella grande distribuzione, conquistando anche i mercati esteri dagli Stati Uniti d'America all'Asia, fino ai paesi dell'Europa orientale.[2]

L'azienda è oggi gestita da Nicola Mastromartino, figlio del fondatore Michele.

Impegno nello sport[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2009 al 2012 è stato lo sponsor ufficiale del Melfi, compagine di Lega Pro. Dal 2011 è sponsor ufficiale della Salernitana.[3] Nel 2013 ha sponsorizzato il 96º Giro d'Italia. Nel 2015 è sponsor del Taranto.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caffè Motta s.p.a., su reportaziende.it, Report Aziende. URL consultato il 6 settembre 2021.
  2. ^ IL CAFFÈ MOTTA DELLA INTERCAF DI SALERNO PARTE ALLA CONQUISTA DELL’ASIA, su beverfood.com. URL consultato il 29 settembre 2013.
  3. ^ Sponsor Salernitana, su ussalernitana1919.it. URL consultato il 29 settembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]