Isabel Russinova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isabel Russinova
Isabel Russinova.jpg
Occhiverdi
Capellibiondi

Maria Isabella Cociani, meglio nota come Isabel Russinova (Sofia, 20 gennaio 1958), è un'attrice, conduttrice televisiva ed ex modella italiana.

Durante una breve esperienza come cantante, ha utilizzato lo pseudonimo Isabella Russinova.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di padre istriano e madre bulgara[1], è cresciuta a Trieste dove vivevano i nonni paterni - Maria e Valentino Cociani - e dove ha frequentato il liceo Petrarca sino al ginnasio, diplomandosi poi al liceo di Cortina. Ha iniziato la carriera come modella, a Milano, per l'agenzia Caremoli e nelle redazioni delle riviste Vogue Italia, Lei, Harper's Bazaar.[2] A Milano, grazie a un provino per il programma televisivo di Enzo Tortora Cipria, fu scelta per partecipare alla trasmissione con un contributo canoro alla colonna sonora. Nel 1978 fu la valletta nella serata dedicata al sorteggio della composizione dei gironi dei mondiali di Argentina 1978, nella parte della trasmissione andata in onda dagli studi in Italia.

Ha condotto il Festival di Sanremo 1983 assieme a Andrea Giordana, Emanuela Falcetti, Anna Pettinelli e Daniele Piombi, un'edizione di Discoring (1983-1984) nuovamente con Emanuela Falcetti e Anna Pettinelli, un'edizione di Discoestate nel 1986 con Fabio Fazio nonché un'edizione di Mattino 2 (su Rai 2, 1988) insieme ad Alberto Castagna. Nel 1987 conduce invece la trasmissione Linea verde assieme a Federico Fazzuoli e Vincenzo Buonassisi. Ha recitato nei film Delitto in Formula Uno (1984), Tex e il signore degli abissi (1985), Rimini Rimini - Un anno dopo (1988), Il commissario Lo Gatto (1986) e Noi uomini duri (1987). In tv ha recitato anche nell'episodio Boomerang della serie Big Man nella parte di Chiara.

Agli anni ottanta risale la sua unica esperienza come cantante, quando ha inciso il 45 giri Storia di seduzione/Gabbiani di seta per l'etichetta alessandrina Videoradio, utilizzando il nome Isabella Russinova.

Dopo l'esperienza come modella e dopo aver raggiunto la popolarità negli anni ottanta in campo televisivo e cinematografico è oggi un'operatrice culturale, drammaturga, scrittrice e produttrice di cinema e teatro. La sua attenzione alle tematiche volte al sociale, al femminile, alle pari opportunità, alla difesa dei diritti umani, l'hanno portata ad essere oggi testimonial ufficiale di Amnesty International.

È Accademica Tiberina, corrispondente onoraria culturale del Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade, corrispondente onoraria della cultura slava, insignita dal Ministero della Cultura della Repubblica Popolare di Bulgaria. Dal 2011 al 2013 ha diretto, prima come responsabile della prosa, poi come direttore artistico, il teatro di tradizione Alfonso Rendano di Cosenza. Dal 2016 è Accademica Mauriziana per merito. È fondatrice, insieme a Rodolfo Martinelli Carraresi, e direttore artistico della società di produzione Ars Millennia Production.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1983 – Storia di seduzione/Gabbiani di seta

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Ti racconto quattro storie, in Centominutijunior, Rai Eri, 2005.
  • Antonio, l'isola e la balena, in Centominutijunior, Rai Eri, 2009.
  • Galla Placida. L'imperatrice romana che governò i barbari, 2011.
  • Reinas. Storie di grandi donne, in Electi, Armando Curcio Editore, 2016.

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Isabel Russinova: era bello, dolce, carnivoro ma oggi a ricordare Igor mi vengono i brividi ricerca.gelocal.it
  2. ^ Biografia, su isabelrussinova.it (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232730509 · ISNI (EN0000 0004 1978 3543 · SBN UBOV011016 · WorldCat Identities (ENviaf-232730509