Anne Riitta Ciccone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anne Riitta Ciccone (Helsinki, 19 luglio 1967) è una regista e sceneggiatrice finlandese naturalizzata italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di padre siciliano e madre finlandese, laureata in filosofia nel 1991, è assistente a aiuto regista dal 1984 al 1996 di Nanni Loy, Donato Castellaneta, Maurizio Panici, Angelo Longoni, Ennio Coltorti [1].

Fa parte della giuria del Premio Solinas[2].

Nel 2010 il cineclub Filmstudio di Roma le dedica una retrospettiva[3].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Interventi in documentari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anne Riitta Ciccone - Cinematografo, cinematografo.it. URL consultato il 26 giugno 2015.
  2. ^ Premio Solinas: premiati i vincitori del Premio Franco Solinas 2014, su ilVelino. URL consultato il 1° febbraio 2016.
  3. ^ AL FILMSTUDIO DI ROMA RETROSPETTIVA del cinema di ANNE-RIITTA CICCONE - Ambasciata di Finlandia, Roma : Calendario eventi, su finlandia.it. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  4. ^ LE SCIAMANE - 2000 - uscite 2000 - 2015 - film, su Filmitalia. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  5. ^ ANNE RIITTA CICCONE, su news.cinecitta.com. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  6. ^ Visionaria. International Film Festival. - CHIUSI - Il prossimo tuo, su visionaria.eu. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  7. ^ VictIMs, Lolita gotica in 3D: video in anteprima, su Panorama. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  8. ^ LE SCIAMANE - 2000 - uscite 2000 - 2015 - film, su Filmitalia. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  9. ^ ANNE RIITTA CICCONE, su news.cinecitta.com. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  10. ^ Visionaria. International Film Festival. - CHIUSI - Il prossimo tuo, su visionaria.eu. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  11. ^ registedialogandosuunalametta, registedocumentario, registedianadellerba, registedocufilm, festadelladonnaregiste, su Taxidrivers.it. URL consultato il 1° febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]