Teatro Palladium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palladium
Roma Garbatella teatro Palladium.jpg
Vista frontale del teatro
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Roma
Indirizzo Piazza B. Romano 8
Realizzazione
Costruzione 1927
Architetto Innocenzo Sabbatini
Proprietario Università degli Studi Roma Tre
Sito ufficiale

Coordinate: 41°51′45″N 12°29′07.8″E / 41.8625°N 12.4855°E41.8625; 12.4855

Il Teatro Palladium di Roma, situato in piazza Bartolomeo Romano, è uno dei teatri della città. Facente parte del quartiere Garbatella, è di proprietà dell'Università degli Studi Roma Tre. Vengono organizzati al suo interno spettacoli di natura teatrale, cinematografica e musicale. Gli stessi studenti di Roma Tre aiutano nella gestione degli eventi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La struttura del Palladium fu progettata dall'ingegnere Innocenzo Sabbatini nel 1927.[1] Negli anni successivi, fu utilizzata in diversi modi: diventò anche uno spazio per ospitare feste e concerti.[2] Nell'estate 2000, il locale chiuse per via dell'inquinamento acustico provocato ai danni di chi abitava nello stesso edificio.[2] Successivamente, l'Università degli Studi Roma Tre prese in affitto la struttura, scegliendo poi di acquistarla definitivamente.[3] Il rettore dell'Università, Guido Fabiani, scelse di farlo diventare "uno spazio culturale importante a disposizione del Dipartimento di musica e spettacolo dell'ateneo (il DAMS) e di tutti gli studenti, ma la struttura rientrerà anche nel circuito cittadino e nazionale degli spettacoli cinematografici e teatrali".[3] Il Palladium venne ristrutturato e adattato per il nuovo tipo d'utilizzo.[3] Il Teatro Palladium venne ufficialmente inaugurato il 15 ottobre 2003, dall'allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Palladium inaugurato dal Presidente CIAMPI, caragarbatella.it. URL consultato il 16 maggio 2013.
  2. ^ a b Palladium, web.tiscali.it. URL consultato il 16 maggio 2013.
  3. ^ a b c Palladium, teatro-Ateneo, corriere.it. URL consultato il 16 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
Controllo di autorità VIAF: (EN236135033