Elijah Wood

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elijah Jordan Wood (Cedar Rapids, 28 gennaio 1981) è un attore e doppiatore statunitense.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera cinematografica inizia da giovanissimo, quando ad otto anni, nel 1989, appare in un piccolo ruolo in Ritorno al futuro: Parte II (è il ragazzino con la maglietta rossa che guarda il protagonista giocare ad un videogioco nel futuro) e compare anche nel video Ridiculous Thoughts dei Cranberries. Nei primi anni Novanta si afferma come uno dei migliori attori bambini del cinema americano.[1] Vince lo Young Artist Award per la sua interpretazione nel film Il grande volo (1991) con Joseph Mazzello e nel 1992 partecipa come protagonista insieme a Mel Gibson al film Amore per sempre. Nel 1993 è coprotagonista insieme a Macaulay Culkin del thriller L'innocenza del diavolo, per il quale riceve un Saturn Award. Seguono altri film di buon successo come Genitori cercasi (1994), The War (1994) e Flipper (1996).

Ormai giovane attore lo troviamo in Deep Impact (1998), ma la fama internazionale arriva nel 2001-03 con l'interpretazione del giovane hobbit Frodo Baggins nella trilogia cinematografica de Il Signore degli Anelli diretta da Peter Jackson.

Nel 2005 recita da protagonista nel film Hooligans e in Ogni cosa è illuminata, e sempre nello stesso anno ha la parte di Kevin in Sin City. Nel 2007 è il protagonista di Oxford Murders - Teorema di un delitto al fianco di John Hurt.

Nel 2006 ha prestato la propria voce anche alla serie di videogiochi Spyro. Il 25 maggio 2009 Wood ha vinto il Midnight Award al San Francisco International Film Festival, premio dato ad un giovane attore che abbia contribuito al cinema indie.

Dal 2011 recita nella sitcom statunitense Wilfred nel ruolo di Ryan Newman, protagonista della serie insieme al "cane" Wilfred (interpretato da Jason Gann), che viene visto solo da lui come un essere umano travestito da cane.

Nel 2012 è tornato in un cameo nei panni di Frodo Baggins in Un viaggio inaspettato, primo capitolo della trilogia de Lo Hobbit, prequel de Il Signore degli Anelli. Sempre nel 2012 ha recitato nel video musicale della canzone Tiny Tortures[2] di Flying Lotus.

Ha inoltre interpretato il ruolo di Adrock nel video Beastie Boys - Fight For Your Right (Revisited) dove riprende il finale del video originale, uno spezzone di Make some Noise e un finale in cui sfidano i loro se stessi provenienti dal futuro con la DeLorean citando/parodiando Ritorno al futuro.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Elijah Wood nel 2006

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Screen Actors Guild Awards

Satellite Award

  • 2011 - Nomination al miglior attore in una serie commedia o musicale per Wilfred

MTV Movie Awards

Hollywood Film Awards

  • 2006 - Miglior cast cinematografico dell'anno per Bobby

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Wood è stato doppiato da:

  • Davide Perino ne La strada per il paradiso, Amore per sempre, L'innocenza del diavolo, Tempesta di ghiaccio, Deep Impact, The Faculty, Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello, Il Signore degli Anelli - Le due torri, Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re, Tutto quello che voglio, Se mi lasci ti cancello, Gli Osbourne, Ogni cosa è illuminata, Hooligans, Bobby, Day Zero, Oxford Murders - Teorema di un delitto, L'isola del tesoro, Separati innamorati, Wilfred, Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato, Maniac, Il ricatto, Open Windows, The Last Witch Hunter - L'ultimo cacciatore di streghe, I corrotti - The Trust
  • Simone Crisari ne Il grande volo, Avalon, Genitori cercasi, The War
  • Paolo Vivio in Flipper
  • Laura Lenghi in Le avventure di Huck Finn
  • Francesco Venditti in Chain of fools
  • Alessandro Tiberi in Missione 3D: Game Over
  • Fabrizio Manfredi in Black and White
  • Federico Zanandrea in The Romantics
  • Mirko Savone in Oliver Twist

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Holmstrom, The Moving Picture Boy, p.398.
  2. ^ Warp Records, Flying Lotus - Tiny Tortures (taken from new album Until The Quiet Comes), 29 novembre 2012. URL consultato il 24 giugno 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Holmstrom, The Moving Picture Boy: An International Encyclopaedia from 1895 to 1995, Norwich, Michael Russell, 1996, p. 398.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN34660423 · LCCN: (ENno95060318 · ISNI: (EN0000 0001 1024 7216 · GND: (DE132286343 · BNF: (FRcb14053905p (data)