9 (film 2009)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
9
9 trailer.jpg
Le bambole 9, 7 e 5 in una scena
Titolo originale 9
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2009
Durata 79 min
Genere animazione, azione, avventura, drammatico, fantascienza, thriller
Regia Shane Acker
Soggetto Shane Acker, Ben Gluck, Pamela Pettler
Produttore Tim Burton, Timur Bekmambetov, Dana Ginsburg, Jinko Gotoh, Jim Lemley, Marci Levine
Casa di produzione Focus Features, Starz Animation, Tim Burton Productions
Montaggio Nick Kenway
Musiche Danny Elfman
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

9 è un film di animazione del 2009 diretto da Shane Acker, basato sull'omonimo cortometraggio del 2005. Il film è prodotto da Tim Burton e Timur Bekmambetov. Nonostante il film sia stato realizzato con la grafica computerizzata, ricorda, per l'uso dei pupazzi animati, la tecnica del passo uno usata dallo stesso Burton per la realizzazione di film come Nightmare Before Christmas del 1993 e La sposa cadavere del 2005.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Uno scienziato riceve l'ordine dal suo dittatore di creare una macchina in nome del progresso scientifico. Lo scienziato utilizza il suo intelletto per creare il Cervello un robot autonomo. Tuttavia il dittatore non usa questa creazione per la scienza, ma per costruire un esercito di macchine per sconfiggere i suoi nemici. Per far questo costruisce una corazza al Cervello per permettergli di manipolare oggetti: questa corazza verrà chiamata Fabbricante di Macchine. In mancanza di un'anima umana, il Fabbricante di Macchine riesce però difettoso e scatena infine una guerra contro gli uomini con macchine di sua invenzione, che sotto il suo controllo sterminano tutta la vita organica. Per salvaguardare il futuro, lo scienziato sfrutta la sua anima e crea 9 bambole di pezza attraverso l’alchimia.

Qualche tempo dopo, l'ultima bambola, chiamata 9, si risveglia nel laboratorio dello scienziato. 9 si avventura nella città ormai devastata, portando con sè un talismano trovato nel laboratorio, e incontra 2, un inventore vecchio e fragile che gli dà una scatola vocale. L'ultima macchina superstite rimasta, la Bestia-Gatto, attacca la coppia e rapisce 2. 9, ferito, perde i sensi. Si risveglia ospitato da altre bambole, tra cui il leader dogmatico 1, la sua massiccia guardia del corpo 8, l'ingegnere con un occhio solo 5 e 6 una specie di oracolo, mentalmente instabile. 1 afferma che 2 è ormai morto, ma 9 e 5 decidono di andare a salvarlo. Seguono le tracce della Bestia-Gatto in una fabbrica dove trovano 2. 7, l'unica donna delle bambole, arriva e uccide la Bestia-Gatto.

Incuriosito, 9 inserisce il talismano in una struttura che sembra fatta apposta per accoglierlo: il talismano assorbe l'anima di 2 uccidendolo, e rivelando che la struttura non è altro che il Fabbricante di Macchine, che si riattiva. 9, 7 e 5 riescono a fuggire in una biblioteca in rovina, dove i gemelli studiosi muti 3 e 4 mostrano a 9 le origini del Fabbricante di macchine. Quest’ultimo intanto inizia la costruzione di nuove macchine, una delle quali, la Bestia alata, viene inviata a cercare le altre bambole. La Bestia alata attacca la base e tenta di uccidere 1, ma dà fuoco alla struttura urtando un braciere e viene infine uccisa.

9 accusa 1 di aver mandato 2 a morire, e questi si giustifica dicendo di averlo sacrificato per il bene degli altri. 7, per la rabbia, cerca di attaccarlo, ma 9 la ferma e lei fugge. Il Fabbricante di macchine nel frattempo ha costruito molte altre macchine: gli Spiderbots, piccoli ragni robotici, e i Seekers, spie robot simili a palloncini ad aria calda. Il Fabbricante, venuto a conoscenza della morte della Bestia alata, furibondo inizia a costruire un'altra macchina usando il cadavere di 2 come richiamo ipnotico. Il robot risultante si chiama La Sarta. Questi attacca la biblioteca e cattura 7 e 8, ma 7 prima di essere catturata stacca 2 dalla macchina. Gli altri si recano alla fabbrica a distruggere le macchine. 9 uccide la Sarta ingannandola con un fantoccio e salva 7, ma è troppo tardi per salvare 8: il Fabbricante di macchine ha già assorbito la sua anima. 9 e 7 riescono a fuggire e le altre bambole fanno esplodere la fabbrica.

Le bambole festeggiano per la vittoria, ma appare il Fabbricante di macchine semidistrutto, che cattura e assorbe subito le anime di 5 e 6. 6, prima di morire, rivela a 9 che 2, 5 e 8 sono intrappolati all'interno della macchina e che deve tornare al laboratorio dello scienziato per ottenere risposte. Seguendo le istruzioni, la bambola trova nella mano dello scienziato morto un messaggio olografico, in cui gli rivela che le nove bambole sono state create attraverso parti della propria anima, rendendole l'unica speranza per l'umanità. 9 comprende così che il talismano può essere usato contro la macchina per liberare le anime.

9 si riunisce così con le altre bambole, disposto a sacrificare se stesso. Tuttavia 1, decide di sacrificarsi al posto di 9 e viene assorbito, permettendo a 9 di distruggere il Fabbricante di macchine.

Quella sera 9, 7, 3 e 4 liberano le anime di 1, 2, 5, 6 e 8, che volano verso il cielo, da cui comincia a piovere; sulle gocce vengono mostrati piccoli microorganismi incandescenti, segno che la vita sul pianeta è ricominciata.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è tratto dal cortometraggio 9 realizzato nel 2005 e diretto sempre da Shane Acker. Il cortometraggio all'epoca fu candidato al premio Oscar 2006 nella categoria miglior cortometraggio d'animazione, vinto poi dal film The Moon and the Son di John Canemaker.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è composta da Danny Elfman. Il brano della colonna sonora del trailer del film è Welcome Home dei Coheed and Cambria.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito nelle sale americane il 9 settembre 2009[1] mentre in Italia sarebbe dovuto uscire il 16 aprile 2010 nei cinema, ma dopo molti ritardi è uscito in Italia solamente in blu-ray e DVD il 22 settembre 2010.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Release dates for 9, imdb.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]