Spyro the Dragon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Spyro the Dragon (disambigua).
Spyro the Dragon
Sviluppo Insomniac Games, Universal Interactive Studios
Pubblicazione Sony Computer Entertainment
Ideazione Ted Price
Serie Spyro the Dragon
Data di pubblicazione PlayStation[1]:
Giappone 1º aprile 1999
Flags of Canada and the United States.svg 10 settembre 1998
Zona PAL 22 giugno 1998
PlayStation Network[1]:
Giappone 12 marzo 2008
Flags of Canada and the United States.svg 25 ottobre 2007
Zona PAL 12 dicembre 2012
Genere Piattaforme
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation
Distribuzione digitale PlayStation Network
Supporto CD-ROM, download
Fascia di età CERO: A[1]
ELSPA: 3+
ESRB: E[1]
PEGI: 7+[1]
USK: 0
Periferiche di input Gamepad
Seguito da Spyro 2: Gateway to Glimmer

Spyro the Dragon è un videogioco a piattaforme sviluppato da Insomniac Games. Il gioco è stato pubblicato su PlayStation da Sony Computer Entertainment il 10 settembre 1998 nel Nordamerica, il 22 ottobre 1998 in Europa ed il 1º aprile 1999 in Giappone. È il primo capitolo della fortunata saga di Spyro the Dragon, la quale ha riscosso molto successo in tutto il mondo fino ad essere considerata una delle serie più popolari e amate dal pubblico internazionale e a diventare una delle icone dei giochi per PlayStation. È possibile sbloccare una sua demo nel gioco Crash Bandicoot 3: Warped immettendo una variante del codice Konami nel menu principale.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Spyro, un giovane draghetto viola, viene inviato insieme a Sparx, una libellula sua amica, alla ricerca dei Draghi trasformati in cristallo dal malvagio orco Nasty Gnorc. Solo lui infatti grazie alle sue piccole dimensioni era riuscito a sfuggire all'incantesimo. Il draghetto dovrà quindi attraversare molteplici livelli lungo i quali dovrà recuperare tutte le gemme, salvare i draghi e sconfiggere Nasty.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore controlla il protagonista del gioco, Spyro, per liberare tutti i draghi trasformati in cristallo da Nasty Gnorc, e recuperare tutte le gemme sparse nei livelli. È accompagnato nelle sue avventure da una libellula di nome Sparx, che servirà anche per indicare la vita di Spyro. Infatti, ogni volta che Spyro verrà colpito, l'insetto cambierà colore (prima oro, poi blu e infine verde) per poi scomparire del tutto. A quel punto se Spyro sarà colpito un'altra volta rimarrà ucciso. Per recuperare l'energia persa Spyro deve nutrire Sparx con delle farfalle, le quali si ottengono attaccando delle piccole creature sparse nei vari livelli.

Case e livelli[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Livelli di Spyro the Dragon.

Nel videogioco sono presenti cinque case: Artigiani, Pacificatori, Stregoni, Domatori e Tessitori di sogni, più una rappresentante il mondo governato da Nasty Gnorc, Gnorc Gnexus (o Nasty's World, Mondo Di Nasty nella versione italiana). In ogni casa (ad eccezione di Gnorc Gnexus) si trovano cinque livelli, che Spyro può raggiungere attraverso dei portali. All'interno di una casa, sono presenti tre livelli standard, un livello di volo e un livello dove il draghetto si dovrà scontrare con uno degli scagnozzi di Nasty. Nel livello casa vi è anche la mongolfiera, sorvegliata da un aeronauta, che lo trasporterà nel prossimo mondo (o gli permetterà di tornare a quelli precedenti) quando Spyro porterà a termine il compito richiesto dallo stesso aeronauta. In ogni livello inoltre (ad eccezione di quelli di volo), Spyro dovrà salvare i draghi e trovare tutte le gemme e, in alcuni livelli delle prime tre case, anche delle uova di drago, finite nella mani di alcuni furfanti vestiti di blu che il giocatore dovrà rincorrere. Ogni scagnozzo di Nasty, una volta sconfitto, lascerà una certa quantità di gemme a Spyro.

Casa degli Artigiani[modifica | modifica wikitesto]

Questa famiglia fornisce al mondo dei draghi prodotti artistici molto belli e raffinati. È la più colta tra tutte le famiglie di draghi e comprende poeti, pittori e scultori. Sono draghi molto socievoli e spesso si ritrovano per cantare insieme e assistere a spettacoli fra le dolci e rigogliose colline e le verdi vallate in cui risiedono. Il boss di questa sezione (Tosto) è una pecora malvagia travestita da zucca di Halloween, al suo portale vi si accede tramite un'apertura raffigurante la testa di un enorme drago che si sblocca dopo aver giocato almeno un altro livello della Casa degli Artigiani. Una volta sconfitta, questa pecora farà cadere a terra 3 gemme blu.

Casa dei Pacificatori[modifica | modifica wikitesto]

Questi grandi e possenti draghi fanno rispettare la legge in tutto il mondo. La loro famiglia è la più forte e la più esperta in tattiche per sconfiggere i nemici. Vivono nelle dune sabbiose del deserto, in pozzi di catrame e caverne di ghiaccio e sono sempre di vedetta per individuare chiunque possa violare la pace. In questa sezione il boss Dottor Shemp è il capo della tribù degli indigeni Yellow Shemp, usa la sua tremenda asta sacra per picchiare Spyro e porta un'armatura sul lato anteriore del corpo, ma non su quello posteriore: la strategia è infatti colpirlo alle spalle quando è il momento per 3 precise volte ma non consecutive, dato che il boss stesso si muoverà in tre piattaforme. Sconfitto, Shemp lascerà cadere a terra 5 gemme blu.

Casa degli Stregoni[modifica | modifica wikitesto]

I draghi di questa famiglia trascorrono il loro tempo fabbricando oggetti magici che vengono utilizzati da tutti i draghi degli altri mondi. Sono draghi timidi e riservati che amano la solitudine. Sono felici di vivere sulle vette di montagne lontane, scogliere di ghiaccio e caverne difficili da raggiungere dove possono dedicarsi in tutta tranquillità alla loro arte. Il boss Soffio Feroce, che cercherà di avvolgere Spyro in qualcuno dei suoi vortici soffocanti, è il dio delle tempeste magiche. Va colpito solo 2 volte e, appena sconfitto, darà a Spyro una gemma viola e 3 gemme gialle.

Casa dei Domatori[modifica | modifica wikitesto]

Questi draghi hanno il compito di introdurre tutte le nuove specie di creature viventi nel mondo. Vivono in paludi, piattaforme di legno in rovina, palafitte costruite in pianure fangose e all'interno di alberi cavi in foreste lussureggianti. In questi luoghi possono trovare argilla naturale, radici e altro materiale per realizzare in pace il loro lavoro. In questa sezione spicca il boss Metalhead (traduzione inglese della parola Testa di Metallo), che utilizza come fonte di vita dei poli elettrici con i quali raccoglie energia per sparare elettricità a Spyro: i poli possono essere distrutti con una carica di Spyro quando non sono elettrificati, dato che, se ci si avvicinerà quando elettrificati, devasteranno Spyro. Metalhead ha due aree dove va affrontato e, una volta sconfitto, lascerà a Spyro una gemma verde, 2 gemme blu e 3 gemme gialle.

Casa dei Tessitori di sogni[modifica | modifica wikitesto]

Questi draghi sono pacificatori notturni. Dalla loro isola tra le nuvole, possono passare velocemente attraverso i sogni di altre creature del mondo, per accertarsi che nessun incubo turbi i draghi durante il sonno. Chiunque faccia brutti sogni di notte può chiedere loro aiuto. L'ultimo scagnozzo di Nasty, ovvero Jacques, è uno sciamano che indossa una maschera da mostro verde e saltella avendo una molla al posto delle gambe: si muoverà velocemente attraverso una scogliera che fluttua su una voragine di lava bollente e attaccherà Spyro con i suoi frequenti sabotaggi. Inoltre, una volta sconfitto, lascerà a Spyro 4 gemme viola.

Mondo di Nasty[modifica | modifica wikitesto]

Questo luogo è buio e frequentato da fantasmi. Un tempo era l'immondezzaio dei Draghi, ma si è trasformato nel covo di Nasty Norc dopo che fu esiliato. Nasty, una volta sconfitto, lascerà a Spyro 6 gemme viola.

Livelli di volo[modifica | modifica wikitesto]

I livelli di volo, presenti in tutti i mondi (ad eccezione di quello di Nasty), sono altrettanto importanti per completare il gioco al 100% in quanto ognuno di essi contiene 300 gemme. Per conquistare le gemme, Spyro deve volare in tutto il livello bruciando tutti gli oggetti presenti nel livello come casse, aerei, botti, e passare attraverso archi o anelli. In ogni livello ci sono 4 tipi di oggetti da colpire o attraversare e di ognuno di essi ve ne sono 8 esemplari. Se Spyro riesce a colpire tutti gli 8 esemplari di quell'oggetto prima che il tempo scada ottiene 60 gemme. Si arriva, quindi, dopo aver colpito tutti gli oggetti a 240 gemme. Spyro riceve 60 gemme in più se riesce a colpire tutti gli oggetti in una sola volta (cioè prima che scada il tempo) arrivando così a 300.

Nemici[modifica | modifica wikitesto]

Spyro nel corso della sua avventura verrà ostacolato da molti scagnozzi di Nasty Norc. Questi sono i tipi più comuni:

  • Gnorc: gli Gnorc sono i nemici più comuni, possono essere di vari colori e avere vari tipi di attacchi. Generalmente possono essere sconfitti sia col fuoco che con le corna, ma alcuni di loro sono protetti da scudi o armature resistenti al fuoco
  • Troll: sono come gli Gnorc, ma molto più grandi. Generalmente non si muovono e attaccano con clave o altri oggetti pesanti. Una semplice incornata non basta a sconfiggerli.
  • Ladri: i ladri sono generalmente blu e hanno uova di drago o chiavi: se avvistano Spyro, iniziano a correre
  • Maghi: i maghi hanno varie capacità: alcuni muovono oggetti e piattaforme, altri lanciano palle di ghiaccio, altri scatenano vortici e altri ancora lanciano saette
  • Animali: generalmente dotati di corna e zanne (come tori, montoni o cinghiali), sono molto veloci e se vedono Spyro iniziano a rincorrerlo.

Gemme[modifica | modifica wikitesto]

Le gemme hanno colori diversi. A seconda del colore che hanno, raccogliendole si ottiene un diverso numero di tesori:

  • Gemma rossa - 1 tesoro
  • Gemma verde - 2 tesori
  • Gemma blu - 5 tesori
  • Gemma gialla - 10 tesori
  • Gemma viola - 25 tesori

Spesso le gemme sono contenute in appositi contenitori che hanno forme e consistenze diverse. I forzieri di legno possono essere colpiti in qualunque modo mentre i forzieri metallici (neri con il coperchio grigio) possono essere scoperchiati solo con un'incornata. Per aprire le casse esplosive è sufficiente incendiarle con una fiammata e allontanarsi; i forzieri sigillati si aprono con una chiave che Spyro deve trovare da qualche parte nel livello; quelli inattaccabili non possono essere aperti né con una fiammata, né con un'incornata e Spyro deve trovare soluzioni alternative per scoperchiarli: ad esempio può utilizzare la supercarica, la superfiamma, oppure farli esplodere utilizzando un razzo. Esistono poi forzieri che Spyro deve colpire e poi saltare per prendere la gemma.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Marinoni: Spyro
  • Alessandro Ricci: Nasty e Alcuni draghi
  • Luigi Chiapinni: Alcuni draghi

Musica[modifica | modifica wikitesto]

I brani presenti all'interno del gioco sono stati composti da Stewart Copeland, batterista del gruppo The Police.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Rivista
Voto
Electronic Gaming Monthly 8.3/10[3]
Game Revolution B+[4]
Gamespot 8.3/10[5]
IGN 9/10[6]
Official PlayStation Magazine Stati Uniti [7]
PSM [8]
GameRankings 85%[9]

Il gioco ha ricevuto nel complesso critiche positive, riguardanti soprattutto la fantasia e l'ambientazione con le quali sono stati costruiti i regni dei Draghi, le animazioni e la notevole vastità dei livelli 3-D, oltre alla buona qualità della grafica. Tutte queste caratteristiche lo hanno fatto diventare in breve tempo uno dei migliori videogiochi a piattaforme nella storia della PlayStation.

Spyro the Dragon rientra nella lista dei videogiochi per PlayStation più venduti, con più di 5 milioni di copie vendute a livello globale[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Spyro the Dragon Release Information for PlayStation - GameFAQs, su GameFAQs, CBS Interactive. URL consultato il 5 aprile 2015.
  2. ^ Filmato audio(EN) bramgroenhof, Spyro the dragon in Crash Bandicoot 3: warped [How to] DEMO, YouTube, 7 aprile 2014. URL consultato il 7 novembre 2015.
  3. ^ (EN) Spyro the Dragon, in Electronic Gaming Monthly, 23 giugno 2003.
  4. ^ (EN) Kevin Dick, Spyro the Dragon Review, su Game Revolution, 4 marzo 1999, pp. 1. URL consultato il 7 novembre 2015.
  5. ^ (EN) Joe Fielder, Spyro the Dragon Review, su GameSpot, CBS Interactive, 9 settembre 1998, pp. 1. URL consultato il 7 novembre 2015.
  6. ^ (EN) Craig Harris, Spyro the Dragon, su IGN, News Corporation, 1º gennaio 1999, pp. 1. URL consultato il 7 novembre 2015.
  7. ^ (EN) Spyro the Dragon, in Official PlayStation Magazine, 20 marzo 1999.
  8. ^ (EN) Spyro the Dragon, in PlayStation Magazine, 7 maggio 2002.
  9. ^ (EN) Spyro the Dragon for PlayStation, su GameRankings, CBS Interactive, pp. 1. URL consultato il 7 novembre 2015.
  10. ^ (EN) Insomniac Games (Company), su Giant Bomb. URL consultato il 7 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]