Spyro (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Spyro
Screenshot spyro3.JPG
Spyro in Spyro: Year of the Dragon
UniversoSpyro the Dragon
Lingua orig.Inglese
AutoreCharles Zembillas
DisegniCharles Zembillas[1]
StudioInsomniac Games 1998 - 2000
1ª app.1998
1ª app. inSpyro the Dragon
app. it.1998
app. it. inSpyro the Dragon
Voci orig.
Voci italiane
SessoMaschio
Etniadrago
Luogo di nascitaRegno dei Draghi
Abilità
  • Volo
  • Soffio Fuoco
  • Soffio Ghiaccio
  • Soffio Fulmini
  • Soffio Bolla
  • Potere della Terra

Spyro è un drago immaginario, protagonista dell'omonima serie di videogiochi. Ha fatto la sua prima apparizione nel 1998 all'interno del titolo Spyro the Dragon prodotto dalla Insomniac Games ed è il personaggio giocante di tutti i capitoli della saga videoludica.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Particolarità del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Spyro è un giovane draghetto viola particolarmente spavaldo e testardo. È considerato il Prescelto dal suo villaggio di Draghi e combatte senza sosta per aiutare i suoi simili e i più deboli di lui. Vive nel Regno dei Draghi insieme a Sparx la libellula e ai suoi amici, tra cui Hunter, Zoe e molti altri.[4]

Inizialmente il personaggio doveva essere di colore verde ma, a causa del contrasto poco marcato con gli ambienti dei livelli, ricchi di colori molto accesi e zone di vegetazione verdeggiante in cui il drago doveva muoversi, fu deciso di dargli il colore viola.[5][6]

Il nome del drago deriva dalla parola greca pyro che significa fuoco[7]. Nei videogiochi doppiati in italiano ci si riferisce a lui sia con la pronuncia di "Spyro", prendendo come base la pronuncia greca di pyro, sia come "Spairo", secondo i canoni della lingua inglese in cui la Y si pronuncia A.[8]

Le movenze di Spyro si basano sui movimenti dei felini.[9][10]

La storia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Spyro the Dragon (serie).

Nel corso delle sue avventure avrà a che fare con molti nemici, che in alcuni casi ritorneranno più volte per vendicarsi, come nel caso di Ripto, che dopo la sua prima apparizione in Spyro 2: Gateway to Glimmer, sarà presente anche in Enter the Dragonfly, Season of Flame, Spyro Adventure e Spyro Fusion[11], dove stringerà un'alleanza con il Dr. Neo Cortex, acerrimo nemico di Crash Bandicoot[12]. Il suo primo avversario sarà però Nasty Norc (Gnasty Gnorc nella versione originale), una creatura malvagia che detesta i draghi più di ogni altra cosa[13]; in seguito, in Year of the Dragon, il draghetto avrà a che fare con la Maga e col suo esercito di rhynoc[14]. In A Hero's Tail, si scontrerà invece con Red, un drago rinnegato che vuole vendicarsi dei torti subiti dai suoi simili[15].

Per affrontare i livelli di ogni gioco, Spyro dovrà ricorrere a diverse abilità, tra le quali volare, sputare fuoco e ghiaccio e ricorrere a poteri elettrici e al controllo della terra. Dovrà inoltre essere capace di combattere corpo a corpo e di utilizzare veicoli ed armi diverse[16].

La trilogia di The Legend of Spyro, invece, propone un'altra versione della storia del coraggioso draghetto viola, non sarà spavaldo e testardo come la controparte originale; si ritroverà invece contro il malvagio Maestro delle Ombre, ai suoi scagnozzi ed ai suoi utili servitori: Cinerea (Cynder nella versione originale) (A New Beginning)[17] e Gaul (The Eternal Night) nel corso dei tre capitoli della saga[18].

Spyro è entrato a fare parte degli Skylanders[19]. Fa anche da co-protagonista nella serie animata Skylanders Academy di Netflix, ma la sua storia è del tutto differente[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Spyro the Dragon for PlayStation, su GameSpot.com. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  2. ^ Aldo Alessio, su rhubarbvoices.co.uk. URL consultato il 29 agosto 2015.
  3. ^ Che fine ha fatto… Spyro the Dragon. URL consultato l'8 settembre 2017.
  4. ^ Lorenzo Spada, All'orizzonte spunta anche il ritorno del mitico Spyro, su TuttoTech.net, 15 maggio 2017. URL consultato l'8 settembre 2017 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2017).
  5. ^ Lamù, Le 13 curiosità del videogioco Spyro the Dragon, in Ma Come Lo Sai?, 1º settembre 2016. URL consultato l'8 settembre 2017.
  6. ^ C'era una volta... Spyro the Dragon - Stay Nerd, in Stay Nerd, 10 marzo 2017. URL consultato l'8 settembre 2017.
  7. ^ Lamù, Le 13 curiosità del videogioco Spyro the Dragon, su Ma Come Lo Sai?, 1º settembre 2016. URL consultato l'8 settembre 2017.
  8. ^ ZeroPlay: Spyro, Con la "i", su ruclip.com. URL consultato l'8 settembre 2017.
  9. ^ Spyro: 5 curiosità sul famoso drgahetto viola che sicuramente non conoscete - Pagina 2, su Viva gli anni 90, 24 febbraio 2017. URL consultato l'8 settembre 2017.
  10. ^ Lamù, Le 13 curiosità del videogioco Spyro the Dragon, su Ma Come Lo Sai?, 1º settembre 2016. URL consultato l'8 settembre 2017.
  11. ^ (EN) Ripto, in Spyro Wiki. URL consultato l'8 settembre 2017.
  12. ^ (EN) Doctor Neo Cortex, in Bandipedia. URL consultato l'8 settembre 2017.
  13. ^ (EN) Gnasty Gnorc, in Spyro Wiki. URL consultato l'8 settembre 2017.
  14. ^ (EN) Sorceress, in Spyro Wiki. URL consultato l'8 settembre 2017.
  15. ^ (EN) Red, in Spyro Wiki. URL consultato l'8 settembre 2017.
  16. ^ (EN) Abilities, in Spyro Wiki. URL consultato l'8 settembre 2017.
  17. ^ (EN) Cynder (The Legend of Spyro), in Spyro Wiki. URL consultato l'8 settembre 2017.
  18. ^ (EN) Gaul, in Spyro Wiki. URL consultato l'8 settembre 2017.
  19. ^ Skylanders Spyro Character - First Edition, su skylanders.com. URL consultato l'8 settembre 2017.
  20. ^ (EN) Spyro (Skylanders Academy), in Skylanders Wiki. URL consultato l'8 settembre 2017.
Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi