The Last Witch Hunter - L'ultimo cacciatore di streghe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Last Witch Hunter - L'ultimo cacciatore di streghe
The Last Witch Hunter.jpg
Vin Diesel in una scena del film
Titolo originale The Last Witch Hunter
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2015
Durata 106 min
Rapporto 2,40 : 1
Genere azione, fantastico, avventura
Regia Breck Eisner
Sceneggiatura Cory Goodman, D.W. Harper, Melisa Wallack
Produttore Mark Canton, Bernie Goldmann
Produttore esecutivo Adam Goldworm, Samantha Vincent
Casa di produzione Aperture Entertainment, Summit Entertainment
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Fotografia Dean Semler
Effetti speciali Roland Blancaflor, Jake Hays, Jim Heastings, Ed Parrish Jr., Brandonn S. Petri
Musiche Steve Jablonsky
Scenografia Julie Berghoff
Costumi Luca Mosca
Trucco Christopher Patrick
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Last Witch Hunter - L'ultimo cacciatore di streghe (The Last Witch Hunter) è un film del 2015 diretto da Breck Eisner con protagonista Vin Diesel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel Medioevo, un manipolo di guerrieri si dirige verso la fortezza della Regina delle Streghe, che sta diffondendo la peste tra la popolazione; tra questi vi è Kaulder, un contadino recentemente rimasto vedovo, senza più alcun motivo per vivere. Nonostante il gruppo venga decimato, l'uomo riesce ad uccidere la Regina, che, in punto di morte, lo maledice, condannandolo ad una esistenza eterna.

Ai giorni nostri, le streghe continuano a vivere nel mondo con la possibilità di autogovernarsi a patto che non usino la loro magia su di un essere umano. In caso contrario interviene Kaulder, che, senza essere mai invecchiato di un giorno, continua ad eseguire la sua professione di cacciatore di streghe al servizio dell'"Ascia e la Croce", un ordine sacro che si occupa del controllo delle streghe. Tuttavia, la pratica dell'uccisione delle streghe è generalmente caduta in disuso e si preferisce rinchiudere i colpevoli in blocchi d'ambra situati in una prigione sotterranea, gestita sia dall'Ascia e la Croce che da un consiglio di streghe.

Il 36º "Dolan", supervisore e grande amico di Kaulder, si prepara ad andare in pensione dopo cinquant'anni di servizio, ma, il giorno dopo aver rassegnato le sue dimissioni, muore di cause naturali. Kaulder è sospettoso e, con il neo-eletto 37º Dolan, un giovane ammiratore del cacciatore, decide di indagare. Kaulder scopre che in realtà il suo amico è stato fatto cadere in catalessi dopo essere stato torturato a lungo e, grazie agli indizi lasciatigli dall'uomo, capisce che deve ricordare la sua morte.

Per questo va in un bar magico dove fa la conoscenza di Chloe, una giovane strega che gli prepara una pozione che gli permetterà di ricordare. Prima che possa ricordare tutto, viene aggredito da Belial, lo stregone autore del maleficio che affligge il 36º, che fa parte della fazione dei simpatizzanti di un ritorno all'epoca della Regina delle Streghe. Chloe e Kaulder sfuggono a Belial, ed il cacciatore scopre le capacità da Dreamwalker della strega. La ragazza è restia ad usarle per aiutarlo, poiché da piccola aveva inavvertitamente danneggiato la mente del fratello con le sue capacità, ma alla fine acconsente. Kaulder quindi scopre che il Dolan medioevale stava per distruggere il cuore della Regina uccisa dall'uomo, ma accortosi dell'immortalità di Kaulder e dei vantaggi che comportava, aveva rinunciato, preferendo nascondere l'artefatto. L'obiettivo di Belial diventa quindi chiaro; riportare in vita la Regina delle Streghe, grazie al suo cuore, di cui ha ottenuto l'ubicazione torturando il 36º.

Kaulder raggiunge Belial e lo uccide, ma è troppo tardi e la Regina delle Streghe torna in vita, riprendendosi indietro dal cacciatore la sua immortalità; la donna, vendicatasi delle streghe collaborazioniste, irrompe nella prigione e, collegando le menti di tutti i detenuti, inizia a formulare un'altra stregoneria che causerebbe una pestilenza ai danni dell'umanità. Kaulder, accompagnato da Chloe ed il 37º, si dirige nella prigione ed i tre riescono momentaneamente a fermare il diffondersi della pestilenza, "spegnendo" la mente di un detenuto grazie alle capacità della Dreamwalker; il cacciatore di streghe affronta la Regina ed ha la meglio, ma viene ferito mortalmente dal 37º, che rivela di essere in realtà il figlio delle streghe che Kaulder aveva ucciso quando lo salvò da bambino. Tuttavia, la Regina nega al ragazzo la possibilità di diventare uno stregone, ritenendolo non degno, e lo uccide. La donna fa ripartire l'incantesimo, sostituendo la mente del detenuto ucciso con quella di Chloe, ma Kaulder riesce a rialzarsi e a uccidere la Regina; vorrebbe anche distruggerne il cuore, ma viene convinto da Chloe a continuare a vivere per proteggere l'umanità.

Tornato immortale, Kaulder, assieme a Chloe e al 36º Dolan, nasconde nuovamente il cuore della Regina, stavolta nella sua armeria personale, e torna a proteggere l'umanità, mettendosi però in proprio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto viene annunciato nel 2012, ed inizialmente il regista doveva essere Timur Bekmambetov, su una sceneggiatura di Cory Goodman[1]. Successivamente Bekmambetov viene sostituito da Breck Eisner alla regia, lo script viene riscritto da D.W. Harper e Melisa Wallack, e viene confermato Vin Diesel nel ruolo del protagonista[2].

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film vengono posticipate a causa della morte dell'attore Paul Walker ed il conseguente slittamento delle riprese del film Fast & Furious 7 per Vin Diesel, inizialmente programmate nel giugno 2014 a Pittsburgh[3]. Iniziano poi il 5 settembre dello stesso anno, sempre a Pittsburgh[4], e terminano nel dicembre successivo[5].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso il 30 aprile 2015 in esclusiva per MTV[6], mentre il primo teaser italiano viene diffuso il 14 maggio[7].

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 23 ottobre 2015[8], mentre in Italia è stata distribuita dal 29 ottobre[7].

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2015 Jon Feitheimer, amministratore delegato della Lions Gate, annuncia che se il film avrà successo, verrà sviluppato un franchise[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Liza Foreman, Vin Diesel in Talks for Summit’s ‘The Last Witch Hunter’, thewrap.com, 6 settembre 2012. URL consultato il 2 maggio 2015.
  2. ^ (EN) Ryan Turek, Dallas Buyers Club Scribe Boards The Last Witch Hunter, shocktillyoudrop.com, 31 marzo 2014. URL consultato il 2 maggio 2015.
  3. ^ (EN) Tim Schooley, Sources: 'The Last Witch Hunter' film production setting up in Pittsburgh, bizjournals.com, 26 giugno 2014. URL consultato il 1º maggio 2015.
  4. ^ (EN) thehollywoodnews.com, First Look At Vin Diesel In ‘The Last Witch Hunter’, bizjournals.com, 5 settembre 2014. URL consultato il 1º maggio 2015.
  5. ^ (EN) "The Last Witch Hunter" Starring Vin Diesel Open Casting Call, projectcasting.com, 11 agosto 2014. URL consultato il 1º maggio 2015.
  6. ^ Andrea Bedeschi, Vin Diesel nel primo teaser di The Last Witch Hunter, badtaste.it, 30 aprile 2015. URL consultato il 1º maggio 2015.
  7. ^ a b Filmato audio Adler Entertainment, The Last Witch Hunter - L'Ultimo Cacciatore di Streghe Teaser Trailer Italiano 30 sec., su YouTube, 14 maggio 2015. URL consultato il 14 maggio 2015.
  8. ^ (EN) Silas Lesnick, Vin Diesel Hits Theaters as The Last Witch Hunter October 23, 2015, comingsoon.net, 24 ottobre 2014. URL consultato il 1º maggio 2015.
  9. ^ (EN) Nina Terrero, Vin Diesel reveals 'Last Witch Hunter' artwork sneak peek, Entertainment Weekly, 18 gennaio 2015. URL consultato il 2 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema