Antonio Calabro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Calabro
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 2012 - giocatore
Carriera
Giovanili
1993-1994Lazio
Squadre di club1
1992-1993Casarano4 (0)
1993-1994Lazio0 (0)
1994-1997Casarano76 (1)
1997-1998Castel di Sangro16 (0)
1998-2002Lecco100 (0)
2002-2004Brindisi50 (2)
2004-2007Manfredonia69 (1)
2007-2008Pistoiese24 (1)
2008-2012Casarano55+ (6)
Nazionale
1993Italia Italia U-16? (?)
1993Italia Italia U-17? (?)
Carriera da allenatore
2011-2012Casarano
2012-2014Gallipoli
2014-2017Virtus Francavilla
2017-2018Carpi
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-16
Argento Turchia 1993
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Nicola Antonio Calabro (Galatina, 10 agosto 1976) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1993-1994 è nella Primavera della Lazio dove è compagno di squadra, tra gli altri, di Alessandro Nesta, Marco Di Vaio e Giorgio Frezzolini.[1] Inizia a giocare nel Casarano, con cui nella stagione 1994-1995 disputa 29 partite nel campionato di Serie C1; anche nella stagione 1995-1996 e nella stagione 1996-1997 gioca stabilmente da titolare nella formazione pugliese, con cui lega un rapporto che ne sancirà un suo futuro ritorno. In queste due annate gioca rispettivamente 23 e 24 partite. Nell'estate del 1997 passa al Castel di Sangro, con cui nella stagione 1997-1998 gioca da titolare nel campionato di Serie B, nel quale raccoglie 16 presenze, a cui aggiunge anche 2 presenze in Coppa Italia.

A fine anno passa al Lecco, con cui nella stagione 1998-1999 Calabro disputa 23 partite nel campionato di Serie C1; nella stagione 1999-2000 gioca invece 26 partite di campionato, mentre nella stagione 2000-2001 scende in campo in 30 occasioni. La sua ultima stagione al Lecco è la 2001-2002, nella quale gioca altre 21 partite nel campionato di Serie C1, arrivando a quota 100 presenze in campionato col Lecco. Nell'estate del 2002 torna in Puglia, al Brindisi: nella stagione 2002-2003 oltre a vincere la Coppa Italia Serie C gioca 24 partite nel campionato di Serie C2, che i pugliesi concludono al secondo posto in classifica, perdendo poi la semifinale play-off contro l'Acireale. Rimane al Brindisi anche nella stagione 2003-2004, terminata con un altro secondo posto nel campionato di Serie C2, nel quale Calabro gioca 26 partite, a cui aggiunge anche 2 presenze in Coppa Italia: in questa stagione i pugliesi (che a fine anno falliranno, ripartendo dalla Serie D) nei play-off sconfiggono il Giugliano in semifinale per poi perdere la finale contro i siciliani del Vittoria.

Nel 2004, complice il fallimento del Brindisi, Calabro da svincolato si accasa al Manfredonia, formazione neopromossa in Serie C2: nella stagione 2004-2005 contribuisce alla salvezza della squadra giocando 17 partite di campionato, mentre nella stagione 2005-2006 e nella stagione 2006-2007 gioca rispettivamente 24 e 27 partite. Nella stagione 2007-2008 torna a giocare in Serie C1, con la maglia della Pistoiese: in questa stagione termina il campionato con 24 presenze ed un gol, il suo primo in carriera in campionati professionistici.

Nel 2008 torna dopo 11 anni al Casarano, impegnato nel campionato pugliese di Eccellenza; della squadra pugliese, presieduta dal presidente De Masi, diventa simbolo e capitano[2], vince il campionato di Eccellenza, la Coppa Italia Dilettanti Puglia, la Coppa Italia Dilettanti e infine la Supercoppa Puglia sancendo una stagione storica per la compagine salentina. Nelle successive 3 stagioni, le sue ultime da calciatore, segna in totale 6 gol in 55 presenze in Serie D con il Casarano, con cui ottiene anche due qualificazioni consecutive ai play-off, nei campionati 2009-2010 e 2010-2011. Chiude la carriera da calciatore proprio a Casarano, club che lo aveva lanciato sotto l'occhio attento del direttore Pantaleo Corvino.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Mentre militava nelle giovanili della Lazio, Calabro entrò nel giro delle nazionali giovanili dell’Italia. Ha giocato gli Europei Under-16 del 1993, nei quali l'Italia è arrivata in finale, perdendola per 1-0 contro i pari età della Polonia.[3] Nel medesimo anno ha inoltre giocato in Giappone anche i Mondiali Under-17, chiuso dall'Italia nella Fase a Gironi[3].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia ad allenare nella stagione 2012-2013, quando subentra a Dario Levanto sulla panchina del Gallipoli, nell'Eccellenza pugliese[2] (pur avendo avuto una prima esperienza a Casarano da allenatore-giocatore al fianco di Fabrizio Caracciolo[4]); termina la sua prima stagione da allenatore con un settimo posto in classifica, mentre nella stagione seguente vince il campionato, conquistando quindi la promozione in Serie D. Nel 2014 si trasferisce alla Virtus Francavilla, con cui nella stagione 2014-2015 vince il campionato pugliese di Eccellenza, la Coppa Italia Dilettanti Puglia e la Coppa Italia Dilettanti[2]. Alla sua prima stagione da allenatore in Serie D, vince nuovamente il campionato, ottenendo quindi la prima promozione della storia della Virtus Francavilla in un campionato professionistico[2]; viene riconfermato anche per la stagione 2016-2017[2], nella quale dopo 2 promozioni consecutive i pugliesi giocano in Lega Pro, campionato che terminano con un quinto posto in classifica e, quindi, con la qualificazione ai play-off per la promozione in Serie B: nei play-off la squadra di Calabro supera il Fondi nella prima fase, salvo poi venire eliminata negli ottavi di finale dal Livorno, a seguito di due pareggi per 0-0 nelle sfide di andata e ritorno.

Nell'estate del 2017 Calabro lascia dopo tre stagioni la Virtus Francavilla per andare ad allenare il Carpi, formazione di Serie B[5][6]; il tecnico pugliese, all'esordio nel campionato cadetto, firma un contratto fino al 30 giugno 2018 con opzione per altre due stagioni[7]. A fine stagione lascia il club emiliano.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 18 maggio 2018. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2012-2013 Italia Gallipoli Ecc. 30 11 14 5 CI-E 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 32 12 14 6 37,50
2013-2014 Ecc. 34 22 10 2 CI-E 2 0 2 0 - - - - - - - - - - 36 22 12 2 61,11 (promozione)
Totale Gallipoli 64 33 24 7 4 1 2 1 68 34 26 8 50,00
2014-2015 Italia Virtus Francavilla Ecc. 30 22 4 4 CI-E+CI-D 4+7 3+5 1+1 0+1 - - - - - - - - - - 40 30 6 4 75,00 (promozione)
2015-2016 D 34 18 12 4 CI-D 1 0 0 1 - - - - - PS 2 1 0 1 37 19 12 6 51,35 (promozione)
2016-2017 LP 38+3[8] 16 9+3 13 CI-LP 3 1 1 1 - - - - - - - - - - 44 17 13 14 38,64
Totale Virtus Francavilla 105 56 28 21 14 9 3 2 2 1 0 1 121 66 31 24 54,55
2017-2018 Italia Carpi B 42 12 16 14 CI 3 1 1 1 - - - - - - - - - - 45 13 17 15 28,89 11º
Totale carriera 211 101 68 42 21 11 6 4 2 1 0 1 234 113 74 47 48,29

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Brindisi: 2002-2003
Casarano: 2008-2009

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Casarano: 2008-2009
Casarano: 2008-2009
Casarano: 2008-2009

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Virtus Francavilla: 2014-2015
Virtus Francavilla: 2015-2016

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Gallipoli: 2013-2014
Virtus Francavilla: 2014-2015
Virtus Francavilla: 2014-2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Antonio Calabro, su transfermarkt.it (calciatore), Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Antonio Calabro, su transfermarkt.it (allenatore), Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • Antonio Calabro, su TuttoCalciatori.Net, Ascoli Piceno, Norz Srl.