Vilayet di Scutari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vilayet di Scutari
Vilayet di Scutari – Bandiera
Vilayet di Scutari - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Vilâyet-i İşkodra
Lingue ufficiali turco ottomano
Lingue parlate turco, albanese
Capitale Scutari
Dipendente da Impero ottomano
Politica
Forma di Stato Vilayet
Forma di governo Vilayet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di Stato Sultani ottomani
Nascita 1867
Fine 1913
Territorio e popolazione
Bacino geografico Albania
Massima estensione 13.800 km2 nel XIX secolo
Popolazione 349.455 nel 1911
Economia
Commerci con Impero ottomano
Religione e società
Religioni preminenti islam
Religione di Stato islam
Religioni minoritarie cristianesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Ottoman flag.svg Sanjak di Scutari
Succeduto da Flag of Albania (1914-1920).svg Governo Provvisorio d'Albania
Flag of the Kingdom of Montenegro.svg Regno del Montenegro

Il Vilayet di Scutari (in turco: Vilâyet-i İşkodra), fu un vilayet dell'Impero ottomano, nell'area dell'attuale Albania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Vilayet di Scutari venne fondato nel 1867[1] unendo i sanjak di Shkodra e Debar. Il Sanjak di Scutari venne istituito quando l'Impero ottomano acquisì Shkodra dopo l'Assedio di Shkodra nel 1478-9. Gran parte del Principato di Zeta venne aggiunta al territorio del sanjak di Scutari nel 1499.[2] Nel 1514 questo territorio venne separato dal sanjak di Scutari e venne formato un nuovo sanjak che ebbe nome di Sanjak del Montenegro, sotto il governo di Skenderbeg Crnojević. Quando questi morì nel 1528, il Sanjak del Montenegro venne unito al Sanjak di Scutari in un'unica autorità amministrativa con una certa autonomia.[3]

Nel 1867, il Sanjak di Scutari venne unito al Sanjak di Skopje e divenne il Vilayet di Scutari. I suoi sanjak era quello di Scutari, Prizren e Dibra. Nel 1877, Prizren passò al Vilayet del Kosovo e Debar passò al Vilayet di Monastir, mentre Durazzo (Dıraç) divenne sede di un sangiaccato proprio. Nel 1878 dopo la Guerra turco-russa Bar e Podgorica vennero cedute al Montenegro.

Tra la fine del 1912 e l'inizio del 1913 l'area del vilayet venne occupata dai membri della Lega Balcanica durante la Prima guerra balcanica. Nel 1914 il territorio del vilayet di Scutari divenne parte del Principato di Albania, fondato come parte del Trattato di Londra siglato nel 1913.[4]

Divisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

I sanjak del Vilayet di Scutari nel XIX secolo erano:

  1. Sanjak di Scutari
  2. Sanjak di Durazzo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Richard Richard Bayly Winder, Near Eastern round table, 1967-68, New York, Near East Center and the Center for International Studies, New York University, 1969, p. 110. URL consultato il 29 settembre 2011.
    «In June 1867, thirteen new vilayets were formed: Bursa, Dardanelles, ... Ankara, Diyarbekir (Kurdistan), Sivas , Kastamonu, Thessaloniki (Salanik) , Konya, and Yanina (Epirus and Thessaly), Prizren, and Ishkodra (Scutari of Albania).».
  2. ^ (SR) Vladimir Vladimir Ćorović, Istorija Jugoslavije, Beograd, Narodno Delo, 1933. URL consultato il 27 aprile 2011.
    «Год. 1499. припојена је била Црна Гора скадарском санџакату. Али, год. 1514. одвојио је султан поново и поставио јој за управника, као санџак-бега, потурченог Станишу, односно Скендер-бега Црнојевића.».
  3. ^ (SR) Vladimir Vladimir Ćorović, Istorija Jugoslavije, Beograd, Narodno Delo, 1933. URL consultato il 27 aprile 2011.
    «1528... Црна Гора је потом поново припојена скадарском санџакату и остала је са извесним ... правима његов саставни део...».
  4. ^ Miranda Vickers, The Albanians: a modern history, I.B.Tauris, 1999, pp. 77, 78, ISBN 978-1-86064-541-9.