Eyalet di Basra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eyalet di Basra
Eyalet di Basra – Bandiera
Eyalet di Basra - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Eyalet-i Basra
Lingue ufficiali turco ottomano
Lingue parlate turco ottomano, arabo
Capitale Basra
Dipendente da Impero ottomano
Politica
Forma di Stato Eyalet
Forma di governo Eyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di Stato Sultani ottomani
Nascita 1538
Fine 1862
Territorio e popolazione
Bacino geografico Basra
Massima estensione 25.570 km2 nel XIX secolo
Economia
Commerci con Impero ottomano
Religione e società
Religioni preminenti Islam
Religione di Stato Islam
Religioni minoritarie Cristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto da Safavid Flag.png Dinastia Safavide
Succeduto da Ottoman flag.svg Vilayet di Baghdad

L'Eyalet di Basra (in turco: Eyalet-i Basra) o Eyalet di Bàssora, fu un eyalet dell'Impero ottomano nella regione dell'attuale città di Basra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Basra era stata un governo ereditario (mulkiat) per diverso tempo, ma era stata ridotta ad un eyalet ordinario dopo la conquista ottomana ad opera del sultano Maometto IV.[1] Nel 1534, quando gli ottomani catturarono Baghdad, Rashid al-Mughamis, l'emiro beduino che controllava allora Basra, si sottomise spontaneamente ai turchi.[2] Basra divenne una provincia ottomana nel 1538,[3] ed il primo governatore ottomano venne nominato ufficialmente nel 1546.[2] L'eyalet venne successivamente subordinato a quello di Baghdad durante il Governo mamelucco in Iraq e venne separato nuovamente da Baghdad dal 1850 al 1862.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Evliya Çelebi e Joseph von Hammer-Purgstall, Narrative of Travels in Europe, Asia, and Africa in the Seventeenth Century, Oriental Translation Fund, 1834, p. 90.
  2. ^ a b (EN) Gábor Ágoston e Bruce Alan Masters, Encyclopedia of the Ottoman Empire, Infobase Publishing, 2009, p. 78, ISBN 978-1-4381-1025-7.
  3. ^ The Ottoman Turks and the Portuguese in the Arab Gulf 1534-1581 (p. 2)
  4. ^ (EN) Reidar Visser, Basra, the Failed Gulf State: Separatism and Nationalism in Southern Iraq, LIT Verlag Münster, 2005, p. 19, ISBN 978-3-8258-8799-5.