Eyalet di Dulkadir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eyalet di Dulkadir
Eyalet di Dulkadir – Bandiera
Eyalet di Dulkadir - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Maraş Eyaleti
Lingue ufficiali turco ottomano
Lingue parlate turco ottomano, arabo
Capitale Marash)
Dipendente da Impero ottomano
Politica
Forma di Stato Eyalet
Forma di governo Eyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di Stato Sultani ottomani
Nascita 1521
Fine 1864
Territorio e popolazione
Bacino geografico Mesopotamia
Massima estensione 200,340 km2 nel XIX secolo
Economia
Commerci con Impero ottomano
Religione e società
Religioni preminenti Islam
Religione di Stato Islam
Religioni minoritarie Cristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto da No flag.svg Dulqadiridi
Succeduto da Ottoman flag.svg Vilayet di Aleppo

L'Eyalet di Dulkadir (in turco: Zulkadriye Eyalet) o Eyalet di Marash (in turco: Maraş Eyaleti) fu un eyalet dell'Impero ottomano, nell'area della Mesopotamia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I Dulqadiridi furono gli ultimi emirati anatolici a passare sotto il governo diretto degli ottomani, rimanendo indipendenti sino al 1521 e venendo definitivamente incorporati nell'impero nel 1530.[1]

Divisioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

L'Eyalet di ­Dulkadir era composto da quattro sanjak tra il 1700 ed il 1740:[2]

  1. Sanjak di Marash (Paşa Sancağı , Kahramanmaraş)
  2. Sanjak di Malatya (Malatya)
  3. Sanjak di Aintab (Ayıntab Sansağı, Gaziantep)
  4. Sanjak di Kars-i Maraş (Kadirli)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ {{Cita libro|autore=Gábor Ágoston|autore2=Bruce Alan Masters|titolo=Encyclopedia of the Ottoman Empire|editore=Infobase Publishing|lingua=en|anno=2009|p=41|ISBN=978-1-4381-1025-7|url=http://books.google.com/books?id=QjzYdCxumFcC&pg=PA41}
  2. ^ Orhan Kılıç, XVII. Yüzyılın İlk Yarısında Osmanlı Devleti'nin Eyalet ve Sancak Teşkilatlanması, Osmanlı, Cilt 6: Teşkilât, Yeni Türkiye Yayınları, Ankara, 1999, ISBN 975-6782-09-9, pp. 93-94. (TR)