Eyalet di Aidin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eyalet di Aidin
Eyalet di Aidin – Bandiera
Eyalet di Aidin - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Eyalet-i Aydın
Lingue ufficiali turco ottomano
Lingue parlate turco ottomano, arabo
Capitale Aidin (1827-1841; 1843-1846)
Izmir (1841-1843; 1846-1864)
Dipendente da Impero ottomano
Politica
Forma di Stato Eyalet
Forma di governo Eyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di Stato Sultani ottomani
Nascita 1827
Fine 1864
Territorio e popolazione
Bacino geografico Penisola anatolica
Territorio originale Turchia
Economia
Commerci con Impero ottomano
Religione e società
Religioni preminenti Islam
Religione di Stato Islam
Religioni minoritarie Cristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of the Ottoman Empire (1453-1517).svg Eyalet d'Anatolia
Succeduto da Flag of the Ottoman Empire (1453-1517).svg Vilayet di Aidin

L'Eyalet di Aidin (in turco:Eyalet-i Aydın) era un eyalet dell'Impero ottomano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che il corpo dei giannizzeri venne abolito nel 1826, la divisione amministrativa dell'impero subì profondi cambiamenti, e l'Eyalet di Anatolia venne diviso in quattro parti distinte, tra cui l'Eyalet di Aidin. Nel 1841 la capitale dell'Eyalet di Aidin venne spostata a İzmir, per poi essere riportata ad Aydın nel 1843. Tre anni più tardi, nel 1846, la capitale venne spostata a Izmir ancora una volta. Con l'adozione della legge del vilayet nel 1864, l'eyalet venne ricreato come Vilayet di Aidin.[1]

Divisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Sanjak dell'Eyalet di Aidin a metà del XIX secolo:[2]

  1. Sanjak di Saruhan (Manisa)
  2. Sanjak di Sighala (Izmir)[3]
  3. Sanjak di Aydın
  4. Sanjak di Menteşe (Muğla)
  5. Sanjak di Denizli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Peter Benedict, Ula: An Anatolian Town, BRILL, 1974, p. 80, ISBN 978-90-04-03882-0.
  2. ^ (EN) James Henry Skene, The three eras of Ottoman history, a political essay on the late reforms of Turkey, considered principally as affecting her position in the event of a war taking place, Chapman and Hall, 1851, p. 74.
  3. ^ Dictionnaire géographique de l'Empire ottoman by Konstantin Georgievich Mostras. Page 14