Eyalet dello Yemen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eyalet dello Yemen
Eyalet dello Yemen – Bandiera
Eyalet dello Yemen - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Eyalet-i Yemen
Lingue ufficiali turco ottomano
Lingue parlate turco ottomano, arabo
Capitale Sana'a
Dipendente da Impero ottomano
Politica
Forma di Stato Eyalet
Forma di governo Eyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di Stato Sultani ottomani
Nascita 1517
Fine 1864
Territorio e popolazione
Bacino geografico Yemen
Economia
Commerci con Impero ottomano
Religione e società
Religioni preminenti Islam
Religione di Stato Islam
Religioni minoritarie Cristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto da Mameluke Flag.svg Sultanato mamelucco del Cairo
Succeduto da Flag of the Sultanate of Lahej.svg Sultanato di Lahej
Ottoman flag.svg Vilayet dello Yemen

L' Eyalet dello Yemen (in turco: Eyalet-i Yemen), fu un eyalet dell'Impero ottomano nell'area corrispondente all'attuale Yemen.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1516, l'Egitto dei mamelucchi riuscì ad annettersi lo Yemen, ma l'anno successivo il governatore mamelucco locale si arrese agli ottomani e le armate turche riuscirono ad entrare nell'area. I governi di Zaidi Imam, Qasim the Great (r.1597–1620), e dal 1636, dei capi tribù Zaydi portarono ad un completo mutamento dell'area.

Dal XVII secolo sino alla metà dell'Ottocento, gli ottomani mantennero però de facto il controllo stretto solo delle aree costiere isolate, mentre le alture interne della regione erano nelle mani degli imam zaidi. Negli anni '30 dell'Ottocento, aiutati dal crollo del potere degli imam locali e per una serie di divisioni interne causate dalla Guerra di Crimea, gli ottomani riuscirono a riprendere saldamente il controllo anche della regione settentrionale dello Yemen.

Divisioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

I sanjak dell'Eyalet dello Yemen nel XIX secolo erano:[1]

  1. Sanjak di Mokha
  2. Sanjak di Eharish (Abu `Arish?)
  3. Sanjak di Massu

Governatori[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Evliya Çelebi e Joseph von Hammer-Purgstall, Narrative of Travels in Europe, Asia, and Africa in the Seventeenth Century, Oriental Translation Fund, 1834, p. 90.