Zaydismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Zaydismo
Moschea di Ṣaʿda in Yemen
Pertinenza Sciismo
Moschea principale Moschea di Sa'dah (Yemen)
Numero di membri 10 milioni (2007)
Data di creazione 740 d.C.
Fondatore Zayd ibn Ali
Rami Zayditi dello Yemen, Zayditi dell'Arabia Saudita

Lo Zaydismo (Zaydiyya) è una delle varianti dello Sciismo islamico ed è attualmente diffuso nel solo Yemen, anche se in passato, era diffuso anche in Persia, specialmente in varie regioni gravitanti intorno al Mar Caspio.

Deve il suo nome a Zayd ibn ʿAlī ibn al-Husayn, uno dei figli del quarto Imām sciiti Zayn al-ʿĀbidīn, che insorse inutilmente a Kūfa nel 740 d.C. contro il potere omayyade, da lui ritenuto usurpatore e violentemente ostile all'Ahl al-Bayt.

La rivolta di Zayd fu la prima a manifestarsi dopo il massacro di Kerbelāʾ. Fu preceduta da un soggiorno di Zayd a Basra, durato 2 mesi, e di un anno a Kūfa. Il suo programma era ricco d'implicazioni religiose e sociali (tra l'altro proponeva la legittimità della deposizione dell'Imam in caso d'inadempienza) e quest'ultima componente caratterizzerà a lungo lo Zaydismo, proponendolo come un movimento grandemente pericoloso agli occhi del potere costituito islamico.

L'attività del pronipote del profeta Maometto non tardò a destare sospetti sempre più stringenti e fu così che Zayd fu costretto ad asserragliarsi nella moschea della città, coadiuvato da poche centinaia di seguaci anziché dalle varie migliaia che si erano precedentemente offerte di appoggiarlo contro gli Omayyadi.

Il wālī Yūsuf ibn ʿUmar al-Thaqafī, parente di al-Hajjāj ibn Yūsuf, riuscì a piegare la resistenza di Zayd e dei suoi uomini che, quando il loro capo fu ucciso, provvidero a seppellirlo segretamente per evitare che del suo cadavere fosse fatto scempio.

La cautela non servì e Yūsuf ibn ʿUmar riuscì a scoprire il luogo dell'inumazione. Ne disseppellì quindi il cadavere e ne tagliò la testa, inviata poi al califfo Hishām ibn ʿAbd al-Malik che la mostrò a fini deterrenti a Damasco, quindi a Mecca e infine a Medina, crocifiggendone infine il corpo a Kūfa, lasciato in vista per tre anni nella discarica urbana.

La bandiera della rivolta fu ripresa dal figlio Yahyā in Khorāsān ma anch'essa non produsse immediati frutti, venendo stroncata nel 743 dal wālī Nasr ibn Sayyār. Seminò però in profondità l'odio per la dinastia califfale fra le popolazioni e proprio esse saranno successivamente le prime e più importanti protagoniste della cosiddetta "rivoluzione abbaside".

Se in campo giurisprudenziale lo Zaydismo non è particolarmente diversificato dai madhhab sunniti, sì da poter essere definito "moderato", in campo politico invece esso ha apportato elementi di forte novità, tali da farlo includere senz'altro fra quelli "estremistici" (la terminologia araba usa la parola ghuluww). Lo Zaydismo infatti non esige l'appartenenza di sangue alla discendenza "hasanide" o "husaynide" della Shīʿa (dai nomi dei due figli dei ʿAlī ibn Abī Tālib e di Fātima bint Muhammad, prescrivendo tuttavia che il potere sarà legittimamente esercitato da chi sappia guidare i musulmani contro gli usurpatori e gli oppressori, dando al movimento una coloritura "militante" che lo rese nei primi secoli di storia dell'Islam il movimento forse maggiormente pericoloso, insieme a quello dei kharigiti e dei Carmati ismailiti.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam