Eyalet di Karaman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eyalet di Karaman
Eyalet di Karaman – Bandiera
Eyalet di Karaman - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Eyalet-i Karaman
Lingue ufficiali turco ottomano
Lingue parlate turco ottomano, arabo
Capitale Konya
Dipendente da Impero ottomano
Politica
Forma di Stato Eyalet
Forma di governo Eyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di Stato Sultani ottomani
Nascita 1483
Fine 1864
Territorio e popolazione
Bacino geografico Anatolia
Massima estensione 78.900 km2 nel XIX secolo
Economia
Commerci con Impero ottomano
Religione e società
Religioni preminenti Islam
Religione di Stato Islam
Religioni minoritarie Cristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto da Karamanid Dynasty flag.svg Beilikato di Karaman
Succeduto da Ottoman flag.svg Vilayet di Konya

L'Eyalet di Karaman fu un eyalet dell'Impero ottomano, nell'area della Penisola anatolica.

Governo[modifica | modifica wikitesto]

L'organizzazione dell'eyalet nel XVII secolo ci è pervenuta dai racconti di Evliya Çelebi: "Questa provincia ha un Defterdar del tesoro, e dei feudi, un Emin del Defter e del Chavush, un Kehiya del Defter ed uno dei Chavush, un Alai-beg (colonnello) ed un Cheri-bashi (capitano)".[1]

Divisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

L'eyalet era composto di sette sanjak tra il 1700 ed il 1740:[2]

  1. Sanjak di Konya (Paşa Sancağı , Konya)
  2. Sanjak di Niğde (Niğde)
  3. Sanjak di Kayseriyye (Kayseri)
  4. Sanjak di Kirshehir (Kırşehir Sancağı, Kırşehir)
  5. Sanjak di Beyshehir (Beyşehir Sancağı, Beyşehir)
  6. Sanjak di Aksaray (Aksaray)
  7. Sanjak di Akshehir (Akşehir Sancağı, Akshehir)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Evliya Çelebi e Joseph von Hammer-Purgstall, Narrative of Travels in Europe, Asia, and Africa in the Seventeenth Century, Oriental Translation Fund, 1834, p. 90.
  2. ^ Orhan Kılıç, XVII. Yüzyılın İlk Yarısında Osmanlı Devleti'nin Eyalet ve Sancak Teşkilatlanması, Osmanlı, Cilt 6: Teşkilât, Yeni Türkiye Yayınları, Ankara, 1999, ISBN 975-6782-09-9, p. 93. (TR)