Marina Confalone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marina Confalone

Marina Confalone (Napoli, 2 giugno 1951) è un'attrice teatrale e attrice cinematografica italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Esordisce in teatro giovanissima con la compagnia di Eduardo De Filippo (da ricordare è la pregevole interpretazione nei panni della cameriera della famiglia Cimmaruta in Le voci di dentro), diventando poi caratterista cinematografica di vaglia.

Uno dei film dove più si evince la sua capacità di caratterizzazione di un personaggio è Così parlò Bellavista dove interpreta il ruolo di una cameriera. Molto ricordata anche la sua partecipazione nel film Parenti serpenti.

È stata diretta, fra gli altri, dai registi Federico Fellini, Lina Wertmüller, Nello Rossati, Carlo Lizzani, Mario Monicelli, Steno, Luciano De Crescenzo, Neri Parenti, Mimmo Calopresti, Daniele Luchetti, Giuseppe Bertolucci, Nanni Loy ed ha recitato accanto ad attori come Alberto Sordi, Paolo Villaggio, Paolo Panelli, Michele Placido, Gigi Proietti, Enrico Montesano, Roberto Benigni, Lino Banfi.

Nel corso della sua carriera ha vinto 4 David di Donatello.

Ha all'attivo anche un'attività per la televisione, per la quale è stata interprete nel 1978, accanto a Tino Buazzelli e Teo Teocoli dello sceneggiato televisivo Il balordo tratto dal romanzo omonimo di Piero Chiara.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

David di Donatello
Anno Titolo Categoria Risultato
1985 Così parlò Bellavista Migliore attrice non protagonista Vinto
1993 Arriva la bufera Migliore attrice non protagonista Vinto
1996 La seconda volta Migliore attrice non protagonista Vinto
1998 La parola amore esiste Migliore attrice non protagonista Nomination
2002 Incantesimo napoletano Migliore attrice protagonista Vinto
Nastro d'argento
Anno Titolo Categoria Risultato
1985 Così parlò Bellavista Migliore attrice non protagonista Vinto
1994 Arriva la bufera Migliore attrice non protagonista Nomination
1999 La parola amore esiste Migliore attrice non protagonista Nomination
2008 Tre donne morali Migliore attrice non protagonista Nomination
Ciak d'oro
Anno Titolo Categoria Risultato
1998 La parola amore esiste Migliore attrice non protagonista Vinto

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore David di Donatello per la migliore attrice protagonista Successore
Laura Morante
per La stanza del figlio
2002
per Incantesimo napoletano
Giovanna Mezzogiorno
per La finestra di fronte
Predecessore David di Donatello per la migliore attrice non protagonista Successore
Elena Fabrizi
per Acqua e sapone
1985
per Così parlò Bellavista
Athina Cenci
per Speriamo che sia femmina
I
Elisabetta Pozzi
per Maledetto il giorno che t'ho incontrato
1993
per Arriva la bufera
Monica Scattini
per Maniaci sentimentali
II
Angela Luce
per L'amore molesto
1996
per La seconda volta
Barbara Enrichi
per Il ciclone
III