Sergio Citti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sergio Citti (Roma, 30 maggio 1933Roma, 11 ottobre 2005) è stato un regista e sceneggiatore italiano. Il suo nome è legato al sodalizio artistico con Pier Paolo Pasolini. È fratello dell'attore Franco Citti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Consulente di Pasolini per i romanzi d'ambiente e linguaggio romanesco, fu collaboratore in quasi tutti i suoi film ma già in precedenza aveva collaborato con Bolognini (La notte brava, Una giornata balorda) e Franco Rossi (Morte di un amico).

Come regista esordì con Ostia (1971) rivelando una spiccata personalità. Se ne ebbe conferma in Storie scellerate (1973) e poi in Casotto (1977), Due pezzi di pane (1979) e Il minestrone (1981).

Dopo alcuni anni di assenza tornò dietro la macchina da presa con Mortacci (1989), curiosa storia a episodi ambientata in un cimitero.

Con I magi randagi (1996) ripropose un vecchio progetto pasoliniano, caratterizzato da una comicità beffarda e surreale.

Nel 2001 in Vipera, sceneggiato insieme a Vincenzo Cerami, affrontò il genere melodrammatico con al centro il tema della maternità. Nello stesso anno partecipò al documentario Pier Paolo Pasolini e la ragione di un sogno di Laura Betti.

Suo ultimo lavoro fu Fratella e sorello (2005).

Malato di cuore da lungo tempo, Sergio Citti muore a Roma nel quartiere di Ostia l'11 ottobre dello stesso anno, lì dove era cominciata la sua carriera registica. A livello sociale aveva aderito a Cities for Life[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Curatore dei dialoghi[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Aiuto regista[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adesioni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 56841595 LCCN: n94070074