Fontamara (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fontamara
Titolo originale Fontamara
Paese di produzione Italia
Anno 1980
Durata 139 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Carlo Lizzani
Soggetto Ignazio Silone (romanzo)
Sceneggiatura Carlo Lizzani, Lucio De Caro
Fotografia Mario Vulpiani
Montaggio Franco Fraticelli
Musiche Roberto De Simone
Scenografia Luigi Scaccianoce
Interpreti e personaggi

Fontamara è un film del 1980 diretto dal regista Carlo Lizzani, basato sull'omonimo romanzo di Ignazio Silone, ed interpretato da Michele Placido nel ruolo di Berardo Viola e da Ida Di Benedetto che per questa interpretazione ricevette il nastro d'argento nel 1981 come migliore attrice non protagonista.

Per i dialoghi, che si svolgono in gran parte in dialetto marsicano, Lizzani si è avvalso della collaborazione di Guido Celano e di Luigi Silori.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anno 1929. Nel piccolo borgo della Marsica di Fontamara, vicino Avezzano, in Abruzzo, il contadino Berardo assiste impotente di fronte alle incursioni che gli squadristi del fascismo organizzano nel paesello. L'acqua manca per problemi idrici, e così le donne del paese, ingannate, firmano una petizione che impedisce loro l'accesso all'elettricità. Quando le donne cercano di svincolarsi dalle questioni burocratiche, vengono violentate dai fascisti, e così Berardo scappa a Roma. Tornato nel paese dopo una decina d'anni, Berardo scopre che la sua amata Elvira è stata uccisa dalla milizia, e così fa conoscenza con un cittadino giovane del paese marsicano, divenuto partigiano. Il contadino inizia a comprendere la situazione politica d'Italia, e si schiera a fianco dei partigiani contro il fascismo

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema