La seconda volta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La seconda volta
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1995
Durata 80 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Mimmo Calopresti
Soggetto Ispirato a Colpo alla nuca di Sergio Lenci
Sceneggiatura Francesco BruniMimmo CaloprestiHeidrun Schleef
Produttore Nanni Moretti, Angelo Barbagallo
Casa di produzione Banfilm, La Sept Cinéma, Sacher Film
Fotografia Alessandro Pesci
Montaggio Claudio Cormio
Musiche Franco Piersanti
Scenografia Giuseppe M. Gaudino
Interpreti e personaggi

La seconda volta è un film del 1995 diretto da Mimmo Calopresti, interpretato da Valeria Bruni Tedeschi e Nanni Moretti. È liberamente ispirato al libro autobiografico Colpo alla nuca di Sergio Lenci.

È stato presentato in concorso al Festival di Cannes 1996.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alberto Sajevo, professore universitario, un giorno incontra per caso Lisa, la terrorista che dodici anni prima tentò invano di ucciderlo sparandogli un colpo alla testa; condannata a trent’anni, Lisa gode ora di un regime di semilibertà potendo uscire dal penitenziario e dovendo rientrare ogni sera.

Il professore, appena ripresosi dopo le obbligate sedute di riabilitazione cui lo costringe la pallottola che ancora porta conficcata nel cranio, comincia per curiosità e forse per rivalsa a seguirla, riuscendo infine a parlarle e a conquistare la sua amicizia. Dapprima la ragazza non lo riconosce e lo scambia per un corteggiatore; tuttavia quando il professore svela la propria identità il confronto si inasprisce fino allo scontro.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1996, festival-cannes.fr. URL consultato il 2 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema