Lamborghini Diablo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lamborghini Diablo
Lamborghini Diablo SV green arp.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Lamborghini
Tipo principale Coupé
Altre versioni Roadster
Produzione dal 1990 al 2001
Sostituisce la Lamborghini Countach
Sostituita da Lamborghini Murciélago
Esemplari prodotti 2903
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.460 mm
Larghezza 2.040 mm
Altezza 1.100 mm
Passo 2.650 mm
Altro
Stile Marcello Gandini
Auto simili Bugatti EB110
Lamborghini Diablo-SE-Jota.JPG

La Lamborghini Diablo è un'automobile Gran Turismo prodotta dalla casa automobilistica italiana Lamborghini in 3000 esemplari tra il 1990 e il 2001.

Il nome Diablo, ispirato come da tradizione Lamborghini al mondo dei tori e delle corride, è legato alla leggenda di El Diablo (Il Diavolo in spagnolo), feroce toro allevato dal Duca di Veragua nel XIX secolo, che l'11 luglio 1869 a Madrid si scontrò in un epico combattimento con il famoso torero José De Lara, detto El Chicorro.

Il progetto stilistico originale nato dalla matita di Marcello Gandini viene in un primo tempo modificato in base alle sue stesse direttive. Successivamente alla crisi energetica e del settore automobilistico della metà degli anni ottanta, la Automobili Lamborghini S.p.A. viene acquisita dal gruppo Chrysler, la cui dirigenza decide di affidare la parte finale dello sviluppo al suo Chrysler Styling Center di Detroit.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Diablo (1990–1994)[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto Diablo prende forma già nel 1985, quando la Lamborghini comincia a lavorare ad un nuovo modello destinato a rimpiazzare la fortunata a livello commerciale Countach, prodotta tra il 1974 e il 1990 in oltre 2.200 unità, e va avanti attraverso fasi alterne per cinque anni. La commercializzazione dei primi esemplari parte nel gennaio del 1990, al prezzo base di 240 000 dollari, 350 milioni delle vecchie lire.

Il disegno primordiale di Gandini, giudicato troppo aggressivo dai manager Chrysler, successivamente servì a plasmare una supercar con motore V16 chiamata "Cizeta Moroder V16T" ed ancora prodotta in California da Claudio Zampolli, altro progettista della Diablo, al prezzo di $ 650.000 circa.

Il motore V12 da 5,7 litri di cilindrata con distribuzione a 4 valvole per cilindro e due alberi a camme in testa ed iniezione elettronica, venne progettato totalmente nuovo e battezzato col nome in codice L522.

Le caratteristiche tecniche sono:

La Diablo esprime subito prestazioni notevoli. Scatta da 0 a 100 km/h in appena 4,09 secondi raggiungendo una velocità massima verificata di 325 km/h, la più alta fino ad allora registrata per una autovettura di serie. Come già sulla Countach, la trazione è ancora posteriore con il motore installato in posizione centrale longitudinale per migliorare il bilanciamento.

La carrozzeria della vettura era realizzata con vari materiali: venne utilizzato acciaio per il tetto, alluminio per le portiere, per i passaruota anteriori e per i brancardi posteriori, mentre si utilizzarono fibra di carbonio e resine per gli spoiler anteriore-posteriore, per i cofani e per i fascioni sottoporta. Anche l'alettone posteriore a richiesta era realizzato in fibra di carbonio e verniciato nel colore della carrozzeria. Lamborghini decise di progettare da sé anche l'efficiente sistema di iniezione elettronica che rimpiazzò la batteria di carburatori doppio corpo Weber montati sui 12 cilindri Countach. Le prime Diablo presentavano una dotazione di serie ridotta all'essenziale: radio-mangianastri di base con lettore CD opzionale, finestrini a manovella, sedili regolabili a controllo manuale e, per ottimizzare il peso del veicolo, nessun sistema ABS per l'impianto frenante. Gli altri optional disponibili oltre l'aria condizionata, erano il sedile su misura per il guidatore, l'alettone posteriore, un set di valigie a 2.600 dollari e un esclusivo orologio Breguet al prezzo di 10.500 dollari. Altre caratteristiche distintive di questa prima serie sono gli specchietti retrovisori non in tinta con la carrozzeria, la mancanza di prese d'aria al paraurti anteriore, e il cruscotto di grandi dimensioni posto in posizione molto rialzata rispetto al guidatore, che in alcuni casi poteva creare problemi di visibilità.

Diablo VT prima serie (1993–1998) e VT Roadster prima serie (1995–1998)[modifica | modifica wikitesto]

La Lamborghini Diablo VT
La Lamborghini Diablo VT Roadster

Dopo tre anni di miglioramenti minori sul modello originale, nel 1993 per venire incontro alle crescenti aspettative dei clienti del marchio, la casa del Toro decide il debutto di una nuova versione più sofisticata dell'auto: nasce Diablo VT, dove VT sta per Viscous Traction. Sulla base della piattaforma iniziale gli ingegneri Lamborghini, guidati dall'allora Direttore tecnico Luigi Marmiroli, aggiungono un sistema di trazione integrale ad accoppiamento viscoso in grado di trasferire trazione alle ruote anteriori fino alla quota del 25%, ma solo in caso di perdita di aderenza delle ruote posteriori. La Diablo VT venne dotata inoltre di un nuovo impianto frenante a quattro pistoni di derivazione Brembo con pinze potenziate all'anteriore e un nuovo sistema di sospensioni computerizzato a cinque modalità selezionabili dal conducente, con ammortizzatori elettronici messi a punto da Koni. Per migliorare la maneggevolezza e la guidabilità vengono inoltre apportate modifiche a frizione e servosterzo, mentre all'interno vengono ridisegnati plancia e cruscotto. Altre modifiche interessano l'impianto di climatizzazione che viene rinnovato, gli specchietti ora in tinta con la carrozzeria, le prese d'aria sotto le luci fendinebbia (in seguito adottate anche sulla versione a due ruote motrici) e dei nuovi pneumatici anteriori più stretti, da 235/40 ZR18 mentre le posteriori sono da 335/30 ZR18, che si rendono necessari perché più adatti alla trazione integrale. Non è ancora disponibile il sistema antibloccaggio ABS per l'impianto frenante.

Al Salone dell'automobile di Ginevra del 1992, Lamborghini presenta una concept-car in versione aperta direttamente derivata dalla berlinetta. L'accoglienza del pubblico è positiva, tuttavia bisognerà attendere ancora tre anni prima che questo nuovo modello venga rilasciato sul mercato con il nome di Diablo VT Roadster. Le differenze rispetto alla versione coupé non sono di tipo meccanico bensì comprendono, oltre al tettuccio apribile in fibra di carbonio, una nuova configurazione personalizzata per il paraurti anteriore, un cofano motore profondamente modificato nella zona laterale e dei cambiamenti minori alle luci posteriori.

Tra il 1996 e il 1998 vennero realizzati 8 esemplari speciali della VT da parte della Platinium Motors, la concessionaria ufficiale della casa di Sant'Agata Bolognese nella zona di San Diego e della Orange Country. Tali modelli, denominati VTTT (Viscous TractionTwin Turbo), erano dotati di turbocompressori Garret T4, nuovo intercooler ed elettronica rivista, tanto da erogare una potenza di 752 cv ed una velocità massima di 353 km/h. Per contenere le nuove prestazioni, la vettura è stata dotata di un nuovo impianto frenante maggiorato.[1]

Diablo SE 30 (1993)[modifica | modifica wikitesto]

La Lamborghini Diablo SE 30

Nel 1988, per celebrare il 25º anniversario della sua fondazione, la casa di Sant'Agata Bolognese aveva iniziato la produzione della Countach Anniversario. Nel 1993 la Lamborghini si mise di nuovo all'opera per creare una versione speciale della Diablo, in vista del 30º anniversario della fondazione della casa.

La Diablo SE 30 (dove SE sta per Special Edition) fu presentata nel settembre 1993, ed era concepita espressamente per la pista: questa nuova versione venne alleggerita di circa 125 chilogrammi eliminando buona parte delle dotazioni di serie sulla versione standard. I vetri laterali vennero sostituiti da vetro sintetico; il volante venne ridotto di dimensioni e i sedili divennero in fibra di carbonio; anche per gli interni venne utilizzata fibra di carbonio e alcantara, rimuovendo aria condizionata e impianto radio; esternamente, la maggior parte della carrozzeria era ancora in alluminio, ma più parti furono sostituite con fibra di carbonio; il cofano motore posteriore fu ridisegnato; venne dotata di uno spoiler posteriore regolabile; i freni a disco furono maggiorati sia all'anteriore che al posteriore; i cerchioni vennero realizzati dalla Pirelli usando una speciale lega di magnesio ultra-leggera. Venne inoltre eliminato l'avanzato sistema a gestione elettronica delle sospensioni della VT, e al suo posto viene installato un particolare sistema di controllo per le barre antirollio, la cui rigidità poteva essere facilmente regolata mediante una manopola posta dentro l'abitacolo. Il motore di 12 cilindri a V di 60º subì importanti modifiche: il sistema di iniezione elettronica fu migliorato e il motore stesso venne modificato e alleggerito attraverso l'uso di magnesio per i collettori di aspirazione e la modifica delle teste dei cilindri. Questo, più l'alleggerimento dell'intera vettura, portavano il motore fino a 525 CV a 7000 giri/min, garantendo prestazioni rilevanti: la SE 30 necessitava di soli 4 secondi per toccare i 100 km/h con partenza da ferma e raggiungeva una velocità massima di 331 km/h. La trazione era posteriore. Venne prodotta tra il giugno del 1994 e il novembre del 1995, con un sovrapprezzo del 15% rispetto alla Diablo VT in produzione in quel momento. Inoltre, su 15 delle 150 unità venne reso disponibile un kit di aggiornamento chiamato Jota, per permettere la partecipazione ai campionati GT, anche se nessuna delle 15 vetture arrivò mai in alcuna competizione ufficiale. La SE 30 Jota disponeva di una potenza di 595 CV a 7300 giri/min grazie ad ulteriori modifiche al sistema di iniezione elettronica: le uniche differenze visibili tra questa versione e la SE 30 "normale" erano la copertura del motore, costituita da due grosse prese d'aria per migliorare il raffreddamento, e il logo "Jota" sul retro della vettura.

Diablo SV prima serie (1995–1998)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 un nuovo modello va ad arricchire la gamma, è la Diablo SV o Sport Veloce. Questa versione a trazione posteriore e sospensioni meccaniche, è equipaggiata con una specifica aggiornata del propulsore che ora raggiunge una potenza di 520 CV. Altre caratteristiche distintive sono i cerchi posteriori da 18", freni anteriori e posteriori maggiorati, quadro strumenti riprogettato e un nuovo alettone regolabile a tre elementi nero o personalizzabile del colore della carrozzeria. Viene inoltre montato un nuovo paraurti anteriore con prese d'aria rimodellate e nuove luci fendinebbia e, dal 1998, anche i caratteristici fari a scomparsa sono sostituiti da un nuovo tipo a vista. Ma il particolare più evidente di questa versione è senza dubbio il grande logo SV che occupa tutta la fiancata, comunque eliminabile al momento dell'ordine.

Diablo VT e VT Roadster seconda serie (1999)[modifica | modifica wikitesto]

Lamborghini Diablo VT2

La seconda serie della VT coupé e VT Roadster è essenzialmente un aggiornamento stilistico. Vengono adottate le luci scoperte della Sport Veloce e nuovi cerchi da 18" sui due assi e anche gli interni vengono ridisegnati, mentre sul piano meccanico si registra il potenziamento dell'impianto frenante con l'introduzione del tanto atteso sistema ABS.

Il motore V12 da 5,7 litri sviluppa ora una potenza di 530 CV ed è inoltre equipaggiato con una nuova tecnologia a valvole a fasatura variabile (VVT) che ne migliora il rendimento, riducendo consumi ed emissioni. Leggermente migliorate le prestazioni, con un tempo di accelerazione 0–100 km/h che scende sotto il muro dei 4 secondi. Nonostante il notevole investimento economico affrontato per questi aggiornamenti, la Lamborghini sospende la produzione della versione VT dopo appena un anno.

Diablo SV seconda serie (1999)[modifica | modifica wikitesto]

Proprio come le versioni aggiornate della VT coupé e VT Roadster, anche per la Sport Veloce seconda serie i cambiamenti principali sono di tipo estetico: corpo vettura ridisegnato in alcuni particolari, fari a vista, nuove ruote da 18", freni potenziati con ABS e nuovo motore da 530 CV con tecnologia VVT. Anche la SV seconda serie venne prodotta solo nel 1999.

Diablo GT (1999)[modifica | modifica wikitesto]

La Lamborghini Diablo GT

Se la Sport Veloce era già una versione pressoché pronta per la pista, la Diablo GT si spingeva ben oltre. Il suo progetto derivava infatti da un prototipo (denominato GT1), espressamente sviluppato per le gare di durata, ma che non corse mai.

Questo modello a trazione posteriore con telaio interamente in carbonio e tetto in alluminio, venne prodotto in appena 80 unità e fu ufficialmente venduto solo in Europa. Il motore 12 cilindri venne portato alla cilindrata di 5992 cm³ allungando la corsa da 80 a 84 millimetri, furono cambiate le valvole di aspirazione e scarico e migliorato il sistema di fasatura delle valvole stesse. Il risultato fu un motore da 575 CV (423 kW) a 7300 giri/min. e coppia massima di 630 N·m (64 kgm) a 5500 giri/min. che spingeva la Diablo GT fino alla velocità di 338 km/h con scatto da 0 a 100 km/h in appena 3,9 secondi. Tra gli optional era offerta anche la scelta di una differente rapportatura del cambio, più corta, capace di abbassare il tempo sullo 0–100 km/h a soli 3"4, e il Lamborghini ENCS (Exhaust Noise Control System), un sistema di scarico speciale che aumentava la velocità massima fino a 340 km/h.

Molte le modifiche tecniche introdotte:

  • Restyling della carrozzeria
  • Impronta al suolo maggiorata all'anteriore
  • Dischi freni potenziati
  • Sospensioni da corsa ribassate e migliorate
  • Cambio a 5 marce + RM con rapporti personalizzabili dal cliente
  • Peso ridotto (1460 chilogrammi contro i 1570 della Diablo SV)
  • Nuovi interni sportivi

In particolare gli aggiornamenti aerodinamici comprendevano un nuovo taglio per il paraurti anteriore, la vistosa presa d'aria sul cofano adottata già sulla SE 30 Jota, dei nuovi parafanghi anteriori svasati e un profilo estrattore modificato per il fondo-vettura. Gli interni, particolarmente curati, presentavano rivestimenti in pelle e alcantara con elementi in fibra di carbonio, volante sportivo di diametro inferiore al modello standard e sedili da gara con cinture di sicurezza a 4 punti di aggancio. Completavano la dotazione di serie l'impianto di climatizzazione e il navigatore satellitare GPS con display sulla console centrale che, collegato ad una telecamera posta sul retro della vettura, poteva essere utilizzato per facilitare le manovre in retromarcia. Infine era disponibile come optional il sistema di protezione a doppio airbag. Vennero prodotti 80 esemplari.

Diablo VT 6.0 (Diablo VT terza serie, 2000–2001)[modifica | modifica wikitesto]

La Lamborghini Diablo VT 6.0

Dopo l'entrata del marchio Lamborghini nel gruppo Audi AG a metà degli anni novanta, la nuova proprietà preferì congelare i programmi di sviluppo per il modello successore di Diablo, decidendo di continuare a puntare sulla collaudata supercar. La VT 6.0 fu il primo e ultimo restyling veramente intensivo che fecero, perlopiù un aggiornamento estetico del modello esistente.

Vennero apportati pesanti cambiamenti stilistici sia alla carrozzeria che agli interni, al paraurti anteriore, alle prese d'aria e al naso. Vennero anche ridisegnati il quadro strumenti, i sedili e la leva del cambio. Inoltre, scelsero di sostituire l'ormai datato V12 5.7 con una nuova evoluzione. Il nuovo motore da 6 litri, controllato da una versione aggiornata del software, derivava dall'unità montata sulla Diablo GT, che di per sé era essenzialmente una versione affinata del vecchio 5.7 litri. Le principali innovazioni consistevano nel nuovo sistema di aspirazione e scarico controllato da un sistema di valvole a fasatura variabile perfezionato, e alberi a camme leggermente meno aggressivi rispetto a quelli usati per la GT. Il risultato fu un rilascio molto graduale della potenza sulle ruote motrici posteriori. Inoltre, gli ingegneri Audi fecero diverse rifiniture alla trazione integrale, partendo dall'esperienza maturata per l'Audi quattro. Fecero aggiustamenti minori pure alle sospensioni e usarono un nuovo design per le ruote da 18 pollici. Un piccolo numero di VT 6.0 fu costruito a trazione posteriore a richiesta del cliente.

Questa versione venne prodotta solo nel 20002001 in 260 esemplari, marcando l'ultimo periodo di presenza del modello sul mercato, prima della definitiva sostituzione con la Murciélago.

Panoramica sulle maggiori modifiche introdotte:

  • Corpo vettura quasi interamente in carbonio
  • Motore V12 6.0
  • Sistema di scarico migliorato
  • Nuovo microprocessore a 32 bit per la gestione del motore
  • Telaio aggiornato
  • Battistrada incrementato all'anteriore e al posteriore
  • Interni completamente ridiseganti
  • Nuovo impianto di climatizzazione
  • Nuove ruote in lega di magnesio

Di questo modello vennero anche prodotti due unità speciali nel 2001.

Diablo Millennium Roadster (2000) — Diablo VT 6.0 Special Edition (2001)[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene la normale produzione della Diablo fosse finita nel 2000, Audi, la compagnia proprietaria del marchio, scelse di costruirne altre due versioni a produzione limitata, per regalarle un finale di carriera in grande stile. La prima, denominata Millennium Roadster, vestiva il corpo vettura dell'ultima VT Roadster ma mancavano sia la trazione integrale del modello VT che le sospensioni computerizzate. Era verniciata con un colore che Lamborghini definiva "Argento metallizzato Millennium" e presentava speciali dotazioni come lo spoiler posteriore in carbonfibra, con sezione centrale trasparente.

Un'edizione speciale della Diablo 6.0 venne presentata al pubblico al Motor Show di Ginevra del 2001. La VT 6.0 Special Edition era per lo più un'evoluzione del modello ridisegnato dall'Audi nel 2000. Le innovazioni peculiari erano principalmente di carattere estetico e includevano due verniciature a scelta del cliente: "Oro Elios", una speciale tinta oro metallizzata e "Marrone Eklipsis", un marrone scuro metallizzato. I colori interni sono in sintonia con la verniciatura. Gli inserti a vista in fibra di carbonio, sia interni che esterni, sono realizzati con uno speciale filo di titanio, e creano particolari effetti luminosi iridescenti. Sia i sedili che il cruscotto sono realizzati con una pelle speciale e l'impianto stereo integra sia DVD audio che sistema di navigazione. Furono in totale costruiti 42 esemplari, di entrambi i colori. Il veicolo marcava la definitiva uscita dal mercato per Diablo, dopo 11 anni di successi. Le specifiche tecniche della 6.0 SE rimangono invariate rispetto al modello del 2000[2].

Edizioni Speciali (1991–2000)[modifica | modifica wikitesto]

Lamborghini periodicamente realizzò versioni estreme a produzione molto limitata, anche più rare e sofisticate di versioni come SE 30, Diablo GT e Millennium Edition. Questi modelli includono la serie Alpine Edition che montava un avanzato sistema sonoro di diffusione Alpine, la VTR e VTR Roadster che usavano componenti di derivazione SE 30, una variante del SV a tema Victoria's Secret, una versione prodotta su misura per il miliardario Malcolm Forbes, la "Monterey Edition" SV esclusivamente per il mercato americano e i già citati Jota. Nel 1998 per celebrare i 35 Anni della nascita della casa del Toro, vennero realizzati alcuni esemplari di Diablo 35º Anniversario in serie numerata.

Versioni da gara[modifica | modifica wikitesto]

Durante il lungo arco di vita dell'auto, furono prodotti anche diversi modelli da gara. Ci fu una prima versione realizzata per competere nella classe GT1 del Campionato BPR Global GT Series divenuto poi Campionato FIA GT, due diverse versioni basate sulla classe GT2, e modelli da corsa generici denominati SV-R (da non confondere con la SVR) e SVS.

  • 1996 Diablo SVR, la Sport Veloce in edizione racing. Prodotta in 31 esemplari.
  • 1997 Diablo Roadster R, a produzione molto limitata. 1 solo esemplare per gli Stati Uniti.
  • 1997–98 Diablo GT1, solo 2 esemplari prodotti con i numeri VLA12001 e WLA12000. Il primo fu impiegato nel campionato giapponese JGTC, mentre il secondo rimase in esposizione presso lo stabilimento della Signes Advanced Technology, azienda che contribuì alla costruzione dei due modelli[3].
  • 1998 Diablo GT2 (solo una unità), questo è in realtà il prototipo di fabbrica per la Diablo GTR.
  • 1998 Diablo GTR (30 esemplari prodotti nel 2000), presentata al Motor Show di Bologna del 1999. Dotata di un propulsore V12 6.0 dalla potenza di 590 cv. Ciò garantiva un'accelerazione da 0 a 100 kn/h in 3,4 secondi e una velocità massima di 348 km/h.

Versioni polizia[modifica | modifica wikitesto]

La polizia sudcoreana ha ricevuto in dotazione una Lamborghini Diablo VT del 1998 nel proprio parco veicoli.[4]

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata (cm³) Potenza Coppia Massima (Nm) Emissioni CO2
(g/km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
5.7 dal debutto al 1997 Benzina 5707 362 Kw (492 Cv) 580 n.d 4,1 325 5,2
5.7 VT dal 1997 al 2000 Benzina 5707 390 Kw (530 Cv) 605 n.d 3,8 320 3,7
6.0 dal 2000 al 2001 Benzina 5992 405 Kw (550 Cv) 620 n.d 3,9 335 3,7
6.0 GT dal 1999 al 2000 Benzina 5992 423 Kw (575 Cv) 630 n.d 3,7 338 3,7

[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diablo VTTT. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  2. ^ Diablo VT 6.0 SE Lamborghini registry
  3. ^ Diablo GT1 - the STORY on LamboCARS.com Lambocars.com:Diablo GT1
  4. ^ 1998 Lamborghini Diablo Korean Police Car. URL consultato il 31 agosto 2013.
  5. ^ Dati Tecnici Lamborghini Diablo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili