Jake White

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'attore, vedi Jake White (attore).
Jake White
Man of the moment Jake White.jpg
White festeggia in Sudafrica la conquista della Coppa del Mondo di rugby 2007
Dati biografici
Nome Jacob Westerduin
Paese Sudafrica Sudafrica
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Carriera
Attività da allenatore
1992 Gauteng Lions Gauteng Lions All. 2ª
2000 Natal Sharks Natal Sharks All. 2ª
2000 Sudafrica A Sudafrica A All. 2ª
2000 Sudafrica Sudafrica U-21 All. 2ª
2000 Sudafrica Sudafrica U-23 All. 2ª
2000-01 Sudafrica Sudafrica All. 2ª
2002 Sudafrica Sudafrica U-21
2004-07 Sudafrica Sudafrica
2011- Brumbies Brumbies
Statistiche aggiornate al 26 maggio 2011

Jake White (nato Jacob Westerduin; Johannesburg, 19 marzo 1963) è un allenatore di rugby sudafricano, commissario tecnico degli Springbok che vinsero la Coppa del Mondo di rugby 2007 in Francia; dalla stagione sportiva 2011-12 è l'allenatore della franchise professionistica australiana dei Brumbies, in Super Rugby.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato come Jacob Westerduin da genitori afrikaner[1], crebbe con la madre e il suo secondo marito, un anglofono, dal quale a 13 anni prese il cognome, White[2], contemporaneamente anglicizzando il proprio nome da Jacob in Jake.

Giovane rugbista alle scuole superiori, iniziò ad allenare prima ancora di diplomarsi; una volta laureatosi tornò nella sua scuola da insegnante e ivi allenò la prima squadra di rugby[3].

Tra le sue esperienze a livello di rugby provinciale figurano la rappresentativa giovanile dei Gauteng Lions e, a seguire, i Natal Sharks in Currie Cup; nel 2000 entrò nei ruoli tecnici della federazione sudafricana, occupandosi della conduzione delle rappresentative giovanili e della Nazionale A.

Da allenatore dell'Under-21 vinse il campionato mondiale di categoria nel 2002[4] e, nel 2004, divenne commissario tecnico degli Springbok, con i quali si aggiudicò il Tri Nations di quell'anno.

Alla Coppa del Mondo di rugby 2007 condusse il Sudafrica attraverso sette vittorie in altrettanti incontri; di rilievo la vittoria per 36-0 sui campioni uscenti dell'Inghilterra durante la fase a gironi; lo stesso avversario fu incontrato in finale, anche se la vittoria fu più contenuta nel punteggio, 15-6. Dopo la vittoria in Coppa del mondo White lasciò l'incarico e si dedicò a incarichi di consulenza tecnica per vari club[4]; nel 2011, tornato alla conduzione, ha firmato un impegno quadriennale con la franchise australiana dei Brumbies, formazione di Canberra che milita nel Super Rugby, a partire dall'edizione 2012 di tale torneo[4].

Nel 2007 diede alle stampe la sua autobiografia, In Black and White: The Jake White story, uscita nel novembre di tale anno[2].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ White, op. cit.
  2. ^ a b (EN) Stomach-churning excitement may never have been captured quite so well in The Guardian, 6 dicembre 2007. URL consultato il 26-5-2011.
  3. ^ (EN) Jake White Interview in Ultimate Schools Rugby, febbraio 2010.
  4. ^ a b c (EN) Chris Dutton, Former Springboks coach White wants to bring back the "Brumbies aura" in Sydney Morning Herald, 28 aprile 2011. URL consultato il 26-5-2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jake White, Craig Ray, In Black and White: The Jake White story, Cape Town, Zebra Press, 2007, ISBN 1770220046.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 38845951