Gerald Davies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gerald Davies
Dati biografici
Nome Thomas Gerald Reames Davies
Nazionalità Galles Galles
Rugby XV Rugby union pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Tre quarti centro/ala
Carriera
Squadre di club
 ?-? Cardiff Cardiff
 ?-? 600px Rosso con striscia Bianca.png London Welsh
Nazionale
1966-78 Galles Galles 46 (72)
 

Thomas Gerald Reames Davies (Llansaint, 7 febbraio 1945) è un ex rugbista gallese che ha giocato per la nazionale dal 1966 al 1978.

Davies ha studiato alla Loughborough University e alla Università di Cambridge e ha giocato per il Cardiff RFC e per i London Welsh. Negli anni settanta è stato capitano del Cardiff per tre stagioni, durante le quali disputò la sua partita probabilmente più famosa, l'incontro di Welsh Cup contro il Pontypool RFC, in cui segnò quattro mete.

Ha fatto il suo debutto internazionale sabato 3 dicembre 1966 nella sconfitta 14-11 subita dal Galles contro l'Australia a Cardiff. Anche la sua ultima partita con la nazionale, nel 1978, è stata contro i Wallabies, questa volta a Sydney, ma sempre con una sconfitta. In totale ha disputato 46 match per il Galles, mettendo a segno 72 punti. Anche se inizialmente era schierato come centro, l'allenatore della nazionale Clive Rowlands lo spostò ad ala nel tour del 1969 in Nuova Zelanda e Australia e in seguito giocò in questa posizione.

Davies ha preso parte ai tour dei British and Irish Lions del 1968 e del 1971 insieme al leggendario gruppo di giocatori gallesi degli anni '70: Gareth Edwards, Barry John, JPR Williams, Phil Bennett e Bobby Windsor. Grande giocatore d'attacco, è stato nominato una delle migliori ali della storia del rugby. Davies è anche ricordato per la sua meta nell'incontro del Cinque Nazioni 1971 contro la Scozia. Riuscì infatti a segnare all'ultimo minuto e la trasformazione dall'angolo di John Taylor diede la vittoria al Galles per 19-18, permettendo così anche la conquista del Grande Slam

Dopo il ritiro dall'attività agonistica, Davies è diventato un giornalista e ha collaborato con il The Times su argomenti di rugby.

Dal 1999 fa parte dell'International Rugby Hall of Fame

Controllo di autorità VIAF: 23438910