William Webb Ellis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua di William Webb Ellis a Rugby

William Webb Ellis (Salford, 24 novembre 1806Mentone, 24 febbraio 1872) fu un pastore protestante inglese che, secondo la leggenda, fu artefice e inventore del gioco del rugby durante un incontro di uno sport simile al calcio disputatosi nella cittadina inglese di Rugby.

A Webb è intitolato il trofeo della Coppa del Mondo di rugby. La sua tomba si trova a Mentone (Francia), nel cimitero "le cimetière du vieux château".

William era figlio di James Ellis, un ufficiale dei dragoni della guardia morto nel 1811, e di Ann Webb. La famiglia si trasferì nella città di Rugby dove William frequentò la "public school" tra il 1816 ed il 1825.

La tradizione vuole che nel 1823, durante una partita di calcio, il giovane abbia preso la palla con le mani (all'epoca permesso dal regolamento) e l'abbia depositata correndo (che non era permesso) nell'area di porta avversaria, tra lo stupore dei presenti. Tuttavia, mancano le prove storiche e l'unico testimone che sosteneva di aver assistito alla nascita del gioco del rugby morì senza essere riuscito a convincere i giornalisti della veridicità delle sue parole.

Durante le prime ricerche della neonata IRB (International Rugby Board) furono contattati molti ex-studenti che avevano frequentato il liceo insieme a Ellis, ma molti neppure lo ricordavano, altri dissero di conoscerlo solo di vista e di non ricordare affatto il suo mistico viaggio con il pallone fino in porta.

Molto probabilmente il rugby nacque veramente a Rugby, ma fu un gruppo di studenti a cambiare le regole e il pallone, distaccandosi così dal calcio. Bisogna aggiungere che ciò non era strano: esistevano infatti all'epoca molte variazioni ideate dagli stessi studenti.

Ma ai rugbysti piace pensare che il rugby sia nato con il cuore e con il coraggio di andare contro le regole e non sui fogli o nelle menti di alcuni anonimi studenti che la storia non ha avuto il coraggio di ricordare.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 61311877 LCCN: no2006133091