Grosotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grosotto
comune
Grosotto – Stemma Grosotto – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Sondrio-Stemma.png Sondrio
Amministrazione
Sindaco Guido Patelli (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 46°17′00″N 10°16′00″E / 46.283333°N 10.266667°E46.283333; 10.266667 (Grosotto)Coordinate: 46°17′00″N 10°16′00″E / 46.283333°N 10.266667°E46.283333; 10.266667 (Grosotto)
Altitudine 590 m s.l.m.
Superficie 53 km²
Abitanti 1 633[2] (31-12-2010)
Densità 30,81 ab./km²
Frazioni Cà Modest, Piazza, Prada, Roncale, San Martino, San Sebastiano (contrade caratteristiche secondo lo Statuto comunale);[1] Alpe Piana, Dovére, frazioni in alpeggio.
Comuni confinanti Brusio (CH-GR), Grosio, Mazzo di Valtellina, Monno (BS), Poschiavo (CH-GR), Vervio
Altre informazioni
Cod. postale 23034
Prefisso 0342
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 014034
Cod. catastale E201
Targa SO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti grosottini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Grosotto
Posizione del comune di Grosotto nella provincia di Sondrio
Posizione del comune di Grosotto nella provincia di Sondrio
Sito istituzionale

Grosotto (Grosùt in dialetto valtellinese[3], Grosót in dialetto locale) è un comune di 1.689 abitanti della provincia di Sondrio, a 600 m di altitudine, poco oltre Tirano in direzione di Bormio.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Dell'antico borgo medievale restano poche testimonianze; fu, infatti, più volte saccheggiato e dato alle fiamme. Interessanti sono la parrocchiale di Sant'Eusebio, via Patrioti, la cappella di San Rocco e l’oratorio del SS. Crocefisso. Spiccano pure Palazzo Omodei, la casa del capitano Giacomo Robustelli e casa Stoppani, davanti alla quale si trova una delle più belle fontane-lavatoio di tutta la Valtellina.

  • Il Santuario della Beata Vergine Delle Grazie la cui costruzione fu iniziata nel 1487 in ringraziamento del paese per lo scampato pericolo di distruzione da parte dei Grigioni. Consacrato già nel 1490, venne completamente rifatto tra il 1609 e il 1623. L'interno è a una sola navata, con volta a botte affrescata dal pittore valtellinese Eliseo Fumagalli. Conserva un magnifico organo settecentesco con cassa in legno scolpito e intagliato.
  • Il torchio vinario: in via Patrioti, visitabile su prenotazione presso gli Uffici Comunali è conservato un torchio vinario a leva del '700, attivo da quell’epoca fino alla metà degli anni '70.
  • Il mulino Osmetti: in via Molini 47, opera il Mulino Osmetti, l'unico rimasto di una decina di opifici che fino al 1950 erano funzionanti nella zona. Dal 1868 le tre macine in granito continuano a trasformare in farina i vari tipi di grano.
  • Il parco “Prati di Punta”: nel parco è praticabile la pesca sportiva, attorno vi sono varie aree per attività sportive e un parco giochi.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Grosotto - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 319.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia