Valdisotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valdisotto
comune
Valdisotto – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Sondrio-Stemma.png Sondrio
Amministrazione
Sindaco Alessandro Pedrini (lista civica) dal 14/06/2004 (2º mandato)
Territorio
Coordinate 46°25′00″N 10°21′00″E / 46.416667°N 10.35°E46.416667; 10.35 (Valdisotto)Coordinate: 46°25′00″N 10°21′00″E / 46.416667°N 10.35°E46.416667; 10.35 (Valdisotto)
Altitudine 1.141 m s.l.m.
Superficie 88[1] km²
Abitanti 3 508[2] (31-12-2010)
Densità 39,86 ab./km²
Frazioni Aquilone, Capitania, Cepina, Oga, Piatta, Piazza, San Pietro, Santa Lucia, Santa Maria, Sant'Antonio Morignone, Tola
Comuni confinanti Bormio, Grosio, Sondalo, Valdidentro, Valfurva
Altre informazioni
Cod. postale 23030
Prefisso 0342
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 014072
Cod. catastale L563
Targa SO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti cepinaschi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Valdisotto
Posizione del comune di Valdisotto nella provincia di Sondrio
Posizione del comune di Valdisotto nella provincia di Sondrio
Sito istituzionale

Valdisotto (Valdèsot in dialetto bormino) è un comune italiano di 3.216 abitanti della provincia di Sondrio. Fa parte della Comunità montana Alta Valtellina.

È un comune piccolo ma diventato famoso per le sue gare di indovinelli fotografici.[da chiarire]

A sud di Bormio la Valdisotto, uno stretto corridoio percorso dal fiume Adda, mette in comunicazione la conca di Bormio con la Valtellina, con il lago di Como e con la pianura padana.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nell'alto medioevo fu soggetta fin dall'epoca longobarda alla potente abbazia di San Colombano che vi fondò il "monastero di San Colombano di Oga-San Colombano

La frana staccatasi il 28 luglio 1987 dal Monte Zandila

Il comune di Valdisotto fu quello più duramente colpito dai tragici eventi del luglio 1987, anno dell'alluvione della Valtellina. Infatti la frana che si staccò dal Monte Zandila distrusse interamente il paese di Sant'Antonio Morignone e le due contrade di Morignone e Piazza. Il maggior numero di morti, 28, si ebbe però nella frazione di Aquilone che non era stata evacuata e che venne distrutta dallo spostamento d'aria. A questi bisogna aggiungere 7 operai che stavano lavorando per ripristinare la strada ingombrata da uno smottamento pochi giorni prima.

Da questa rovinosa frana si salvò la chiesa di San Bartolomeo de Castelaz che, grazie alla sua posizione un poco sopraelevata, venne interamente circondata dalla frana stessa.

Nel comune di Valdisotto sono presenti due ski area: quella di Oga, che si collega a San Colombano in comune di Valdidentro, e quella di Bormio. Infatti le pendici del monte Vallecetta su cui si trovano gli impianti e le piste da sci si trovano in comune di Valdisotto.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Edifici religiosi[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa parrocchiale dei Santi Lorenzo e Colombano di Oga-San Colombano, dedicata ai santi San Lorenzo ed al santo missionario irlandese San Colombano, sorta sui resti di un antico edificio fondato dai monaci colombaniani di Bobbio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ =[1]
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia