Dazio (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dazio
comune
Dazio – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Sondrio-Stemma.png Sondrio
Amministrazione
Sindaco Antonio Cazzaniga (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 46°10′00″N 9°35′00″E / 46.166667°N 9.583333°E46.166667; 9.583333 (Dazio)Coordinate: 46°10′00″N 9°35′00″E / 46.166667°N 9.583333°E46.166667; 9.583333 (Dazio)
Altitudine 568 m s.l.m.
Superficie 3 km²
Abitanti 438[1] (31-12-2010)
Densità 146 ab./km²
Comuni confinanti Ardenno, Civo, Morbegno, Talamona
Altre informazioni
Cod. postale 23010
Prefisso 0342
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 014025
Cod. catastale D258
Targa SO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti daziesi
Giorno festivo 8 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dazio
Posizione del comune di Dazio nella provincia di Sondrio
Posizione del comune di Dazio nella provincia di Sondrio
Sito istituzionale

Dazio (Dàss in dialetto valtellinese) è un comune italiano di 347 abitanti della provincia di Sondrio.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1963 cedette la frazione di Pilasco al comune di Ardenno[2].

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Testimonianze storiche[modifica | modifica sorgente]

Giovanni Guler von Weineck, che fu governatore grigione della Valtellina dal 1587 al 1588, così descrive l'abitato di Dazio:

« Venne così chiamato dalla parola dazio, perché un tempo il bestiame che si recava ad alpeggiare nella Valmasino doveva, passando di qui, pagare una tassa al feudatario. Questo villaggio sorge in amena posizione in una fertile pianura montana, elevata circa mille passi sull’Adda. All’estremo di questa pianura, verso mezzodì, sorge un piccolo monte detto la Colma di Dazio. A ponente di Dazio scorre il torrente montano chiamato Tovate e si stende la foresta di Roncaglia, la quale ripara il paese dai venti impetuosi del lago. I venti settentrionali vengono invece trattenuti dal monte di Caspano; e tutte queste condizioni favorevoli rendono il luogo salubre e fertile. »
(Giovanni Guler von Weineck, 1616)

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architettura religiosa[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Decreto del presidente della Repubblica 8 novembre 1963, n. 1997, in materia di "Distacco della frazione Pilasco dal comune di Dazio con aggregazione al comune di Ardenno (Sondrio)."
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Adriano Caprioli, Antonio Rimoldi, Luciano Vaccaro (a cura di), Diocesi di Como, Editrice La Scuola, Brescia 1986.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia