Go (gioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Go
Un goban (scacchiera per il go) di una partita a tempo
Un goban (scacchiera per il go) di una partita a tempo
Luogo origine Cina Cina
Data origine almeno VI secolo a.C.
Regole
N° giocatori 2
Requisiti
Età 4+
Preparativi nessuno
Durata da 10' a 2h (alcune partite professionistiche, specie in Giappone, raggiungono anche le 16 ore di gioco, divise in due giorni)
Aleatorietà ininfluente
In molte culture dell'Estremo Oriente, il go era considerato una delle arti in cui una persona di alto livello culturale doveva essere versata. Questo pannello di Kanō Eitoku mostra dei cinesi dell'epoca della dinastia Ming che giocano a go (XVI secolo).

Il go[1] è un gioco da tavolo strategico per due giocatori. È noto come wéiqí in cinese (tradizionale: 圍棋; semplificato: 围棋), igo (囲碁) o go (碁) in giapponese, e baduk in coreano (hangŭl: 바둑). Il go ebbe origine in Cina, dove è giocato da almeno 2500 anni; è molto popolare in Asia orientale, ma si è diffuso nel resto del mondo negli anni recenti. È un gioco molto complesso strategicamente malgrado le sue regole semplici; un proverbio coreano dice che nessuna partita di Go è mai stata giocata due volte, il che è verosimile se si pensa che ci sono circa 4,63 × 10170  diverse posizioni possibili su un goban 19×19.

Il go è giocato da due giocatori che collocano alternativamente pedine (dette pietre) nere e bianche sulle intersezioni vuote di una "scacchiera" (detta goban) dotata di una griglia 19 × 19. Lo scopo del gioco è il controllo di una zona del goban maggiore di quella controllata dall'avversario; a questo scopo i giocatori cercano di disporre le proprie pietre in modo che non possano essere catturate, ritagliandosi allo stesso tempo dei territori che l'avversario non possa invadere senza essere catturato. È infatti possibile catturare una pietra o un gruppo di pietre avversarie circondandole completamente con pietre proprie, in modo che non abbiano intersezioni libere adiacenti. Disporre le pietre vicine tra loro permette di rafforzarle a vicenda ed evitarne la cattura; d'altro canto, disporle distanti tra loro permette di creare influenza su tutto il goban. Parte della difficoltà strategica del gioco consiste nel trovare un equilibrio tra queste necessità opposte. I giocatori cercano di soddisfare contemporaneamente le esigenze offensive e difensive e scelgono tra le priorità tattiche e i loro piani strategici. Il gioco termina quando i giocatori passano consecutivamente, indicando che nessuno dei due può incrementare il proprio territorio o diminuire quello dell'avversario.

A parte la dimensione del goban e delle posizioni di partenza, le regole sono state mantenute nei secoli, cosicché può essere considerato il gioco più antico ancora giocato.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

In Cina viene chiamato 圍棋 (weiqi o wei-ch'i), da wei (圍), "accerchiare", e qi (棋), "pedina". Il termine cinese più antico per questo gioco è yi 弈. Fino alla dinastia Tang la grafia di qi rimase incerta, in seguito la variante con il radicale di pietra rimase nel kanji giapponese 碁 mentre in cinese il radicale di legno, precedentemente scritto sotto la parte fonetica, fu scritto alla sua sinistra.

Il gioco è noto in Giappone come 碁 (go) o 囲碁 (igo), in Corea come 바둑 (baduk o paduk) e in Vietnam come cờ vây.

Nei paesi occidentali viene chiamato comunemente con il nome giapponese "go" (oppure "goe" per facilitarne la pronuncia agli anglofoni).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita in Cina[modifica | modifica wikitesto]

Il generale Guan Yu (160–219) è medicato per un avvelenamento al braccio dal medico Hua Tuo mentre gioca a go (Utagawa Kuniyoshi, stampa, 1853).

Alcune leggende fanno risalire il gioco al leggendario imperatore cinese Yao (2337–2258 a.C.), che lo fece inventare dal suo consigliere Shun allo scopo di insegnare a suo figlio Danzhu la disciplina, la concentrazione e l'equilibrio. Altre teorie vogliono il go derivato dall'abitudine dei signori della guerra e generali tribali cinesi di usare pezzi in pietra per pianificare gli attacchi; è anche possibile che il materiale del gioco del go fosse inizialmente utilizzato per predire il futuro.[2]

La prima testimonianza scritta del gioco è ritenuta quella presente negli annali intitolati Zuo Zhuan,[3] risalenti probabilmente al IV secolo a.C.,[4] in cui è riferito un evento del 548 a.C. Esistono menzioni del gioco anche nel libro XVII dei Dialoghi di Confucio, risalente al III secolo a.C. circa,[4] e in due dei libri di Mencio[5] (III secolo a.C.).[4] In tutti questi casi il gioco è chiamato (弈), una parola che oggi significa "giocare (a go)"[6]. Il primo trattato completo sul go fu scritto tra il 1049 e il 1054 col titolo di 棋经十三篇 (Qijing Shisanpian, "Classico del Weiqi in tredici capitoli")[7].

Inizialmente il gioco era giocato su di una griglia 17 × 17, ma la griglia 19 × 19 divenne quella più comune all'epoca della dinastia Tang (618-907).[8]

In Cina il go era considerato il gioco dell'aristocrazia, mentre lo xiangqi (gli scacchi cinesi) era il gioco del popolo. Il go era anche considerato una della quattro arti dello junzi (il gentiluomo cinese), assieme alla calligrafia, alla pittura e a suonare lo guqin.[9]

Diffusione in Corea e Giappone[modifica | modifica wikitesto]

Un uomo ed un donna coreani giocano a go nei primi anni del XX secolo

Forse il go raggiunse la Corea nel V secolo, ma esistono prove della sua diffusione a partire dal VII secolo.[10] Nel frattempo il gioco aveva raggiunto anche il Giappone, dove nell'VIII secolo era molto popolare alla corte imperiale;[11] entro l'inizio del XIII secolo era diffuso anche tra il popolo.[12]

Nel 1603 Tokugawa Ieyasu ricreò un governo nazionale unificato in Giappone. Nello stesso anno nominò Godokoro ("Ministro del go") il miglior giocatore di go giapponese, il monaco buddhista Nikkai (nato col nome di Kano Yosaburo nel 1559); Nikkai assunse il nome di Honinbo Sansa e fondò la scuola di go Honinbo, mentre diverse altre scuole furono fondate in competizione poco dopo.[13] Queste scuole, ufficialmente riconosciute e finanziate pubblicamente, incrementarono enormemente il livello di gioco e introdussero il sistema di classificazione dan/kyu dei giocatori.[14] I giocatori delle quattro scuole (Honinbo, Yasui, Inoue, Hayashi) gareggiavano nelle annuali "partite del castello", giocate alla presenza dello shogun.[15]

In Occidente[modifica | modifica wikitesto]

Malgrado la sua ampia popolarità in Asia orientale, il go si è diffuso lentamente nel resto del mondo, a differenza di altri giochi di origine asiatica come gli scacchi. Schadler[16] ipotizza che gli scacchi abbiano un fascino più diffuso in quanto nel gioco si utilizzano pezzi che possono essere resi congruenti con la cultura dei giocatori (si pensi alla Regina e all'Alfiere degli scacchi occidentali e al Consigliere e all'Elefante di quelli cinesi) e in quanto il go ha una fine anti-climatica, a differenza degli scacchi e del loro scacco matto, tanto che giocatori neofiti di go hanno difficoltà a capire quando una partita è terminata.

La prima descrizione dettagliata del go in una lingua occidentale fu il De circumveniendi ludo Chinensium ("Del gioco dei Cinesi dell'accerchiamento"), scritto in latino da Thomas Hyde e incluso nel suo trattato sui giochi da tavolo del 1694 De ludis orientalibus ("Dei giochi orientali"). Malgrado ciò, la diffusione in Occidente del go inizia verso la fine del XIX secolo, quando lo scienziato tedesco Oskar Korschelt scrisse un trattato sul gioco;[17] per l'inizio del XX secolo il go si era diffuso negli imperi tedesco e austriaco. Nel 1905 Edward Lasker imparò il gioco mentre era a Berlino; quando si trasferì a New York, Lasker fondò il New York Go Club assieme (tra gli altri) ad Arthur Smith, che aveva imparato il gioco mentre viaggiava in Oriente e aveva pubblicato il libro The Game of Go nel 1908.[18] Il libro di Lasker Go and Go-moku (1934) aiutò la diffusione del gioco per tutti gli Stati Uniti,[18] cosicché nel 1935 fu fondata la American Go Association; due anni dopo, nel 1937, nacque l'Associazione tedesca di go.

La seconda guerra mondiale ostacolò la maggior parte delle attività goistiche, ma la diffusione del gioco riprese dopo la fine della guerra.[19] Per gran parte del XX secolo la Nihon Ki-in, la federazione goistica giapponese, giocò un ruolo fondamentale nella diffusione del go al di fuori dell'Asia orientale, pubblicando la rivista in lingua inglese Go Review negli anni sessanta, fondando centro goistici negli Stati Uniti, in Europa e in America meridionale, e inviando spesso insegnanti professionisti in viaggio nelle nazioni occidentali.[20] Nel 1982 fu fondata la International Go Federation ("Federazione internazionale di go"), che oggi raccoglie 71 paesi membri;[21] alcune statistiche rivelano che nel mondo una persona su 222 gioca a go.[22]

Regole del gioco[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regole del go.

Sebbene vi siano delle piccole differenze tra le regole usate in diversi paesi,[23] principalmente tra le regole cinesi e quelle giapponesi per calcolare il punteggio,[24] queste non influenzano praticamente la tattica e la strategia del gioco.

Regole di base[modifica | modifica wikitesto]

Un gruppo nero e due gruppi bianchi, con le rispettive libertà segnate con dei punti colorati. Le libertà sono comuni tra tutte le pietre di un gruppo.
Se Bianco gioca in 'A', il gruppo nero perde la sua ultima libertà, è catturato e va rimosso dal goban.

Due giocatori, Nero e Bianco, dispongono alternatamente una pietra (il pezzo del gioco) del proprio colore in un punto (intersezione) vuoto della griglia disegnata sul goban (la scacchiera del go). Normalmente Nero muove per primo; in caso di partita con handicap, quando uno dei due giocatori è molto più forte dell'altro, il più debole prende Nero e dispone due o più pietre di handicap sul goban, e Bianco muove per primo. La griglia ufficiale è composta da 19×19 linee, ma le regole si applicano a tutte le griglie; goban con griglie 13×13 e 9×9 sono quelli più diffusi nell'insegnamento ai neofiti, ma meno frequentemente vengono usate anche goban con griglie 32×32[25] Una volta giocata, una pietra non può essere spostata in un punto differente.[26]

Pietre dello stesso colore che siano adiacenti orizzontalmente o verticalmente formano un gruppo, le cui libertà sono la somma delle libertà delle pietre da cui è composto e che non può essere diviso successivamente, formando a tutti gli effetti una pietra unica più grande.[27] Solo le pietre che siano connesse una all'altra da linee disegnate sul goban formano un gruppo; le pietre vicine diagonalmente non sono connesse. I gruppi possono essere ingranditi giocando altre pietre su intersezioni loro vicine o connessi insieme giocando una pietra su di una intersezione che sia adiacente a due o più gruppi dello stesso colore.

La maggior parte delle regole non permette a un giocatore di giocare una pietra in modo che uno dei suoi gruppi rimanga senza libertà, una sorta di "suicidio", con un'unica eccezione:[28] se la nuova pietra cattura una o più pietre avversarie, queste sono rimosse per prime, lasciando la pietra appena giocata con almeno una libertà.[29] Si dice che questa regola "proibisca il suicidio".

Go.svg Go.svg Go.svg Go.svg Go.svg
Go.svg Go b.svg Go w.svg Go.svg Go.svg
Go b.svg Go c.svg Go b1.svg Go w.svg Go.svg
Go.svg Go b.svg Go w.svg Go.svg Go.svg
Go.svg Go.svg Go.svg Go.svg Go.svg
Situazione in cui si applica la regola del ko. Nero ha appena giocato la pietra 1, catturando una pietra bianca posta nell'intersezione indicata dal circoletto. Se non esistesse la regola del ko, Bianco potrebbe giocare in quella stessa intersezione catturando la pietra nera 1 e ricreando la situazione iniziale; in assenza della regola del ko ci sarebbe quindi la possibilità di una ripetizione infinita di queste due mosse. La regola del ko, invece, proibisce a Bianco di catturare immediatamente, ma lo obbliga a giocare altrove, cosicché Nero possa "chiudere il ko" giocando una propria pietra nell'intersezione col circoletto e creando un gruppo di cinque pietre. Se Bianco vuole proseguire il ko, deve trovare una "minaccia", una mossa alla quale Nero è costretto a rispondere invece di chiudere il ko. La decisione se rispondere alla minaccia o meno è spesso complessa; occorre infatti valutare il "guadagno" in termini di gioco, che Bianco otterrà se Nero chiude il ko; in pratica Nero deve verificare se può permettere a bianco di giocare due pietre senza la possibilità di interferire: es. Bianco gioca la minaccia (prima pietra) nero non risponde alla minaccia ma chiude il ko, Bianco gioca la seconda pietra. Se Nero risponde alla minaccia, Bianco potrà giocare nel circoletto e riprendere il ko. Alternativamente i giocatori giocano tutte le minacce ko, il giocatore che rimane senza minacce ko permetterà all'avversario di chiuderlo.

I giocatori non possono effettuare una mossa che riporti il gioco alla posizione immediatamente precedente a quella dell'avversario; questa regola, detta "regola del ko" (dal giapponese 劫, , "eone"), serve a prevenire ripetizioni infinite delle stesse mosse.[30] Un esempio tipico dell'applicazione di questa regola è il caso in cui una prima pietra A cattura una seconda B e in cui rigiocare la pietra B farebbe ricatturare la pietra A: si avrebbe così una sequenza infinita di catture. Ciò che avviene in pratica è che se il secondo giocatore è interessato a catturare A, gioca la propria pietra altrove in modo da obbligare il primo a non rimuovere il ko per poi ricatturare A. La ripetizione di questo tipo di scambi – cattura del "ko", minaccia lontana, risposta alla minaccia, cattura del "ko" – prende il nome di "combattimento ko".[31] Tutte le varianti delle regole concordano nella formulazione della regola del ko che impedisce di tornare alla posizione immediatamente precedente, ma si comportano differentemente nel caso in cui una mossa riporti ad una posizione ancora precedente.

Invece che giocare una pietra, un giocatore può passare: questo avviene, di norma, quando il giocatore ritiene che non gli restino altre mosse utili da giocare. Quando entrambi i giocatori passano consecutivamente, la partita termina e si calcola il punteggio.

Calcolo del punteggio[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono due metodi di calcolo del punteggio per la determinazione del vincitore di una partita; solo occasionalmente questi due metodi portano a risultati differenti e ciascuno di questi metodi di conteggio ha vantaggi e svantaggi.[32] Il primo metodo (detto conteggio giapponese) calcola il territorio controllato, ed è quello diffuso in Giappone e Corea, e, probabilmente, quello originariamente utilizzato in Cina; il secondo metodo (detto conteggio cinese), che calcola l'area occupata, è quello utilizzato in Cina a partire, si ritiene, dal XV secolo.[33]

Nei paesi occidentali si utilizzano di norma le regole giapponesi, sebbene vi siano delle differenze tra paese e paese, specie a livello ufficiale. Se la Nuova Zelanda usa da parecchio tempo regole basate sull'area, le federazioni nazionali di go degli Stati Uniti, della Francia e del Regno Unito si sono orientate verso questo tipo di conteggio solo recentemente,[34] adottando un tipo di conteggio che assomiglia molto a quello territoriale pur dando risultati uguale a quello basato sull'area, allo scopo di minimizzare i disagi del cambiamento.

Dopo che entrambi i giocatori hanno passato consecutivamente, le pietre ancora sul goban ma che non potrebbero evitare la cattura, le cosiddette pietre morte, sono rimosse. Di norma i giocatori esperti concordano sulle pietre che sono morte.

Con il conteggio basato sull'area, il punteggio di un giocatore è il numero di pietre del suo colore presenti sul goban più le intersezioni vuote circondate da queste.

Il punteggio basato sul territorio richiede che i giocatori conservino le pietre catturate, dette prigioniere, alle quali aggiungono le pietre morte alla fine della partita. Il punteggio è pari al numero di intersezioni vuote circondate dalle pietre del giocatore più il numero di pietre prigioniere. In base alle regole giapponesi e coreane, esistono punti vuoti, anche circondati da pietre dello stesso colore, che sono considerati neutrali: si tratta di una situazione particolare in cui quelle pietre sono dette "vive in seki".

Se i due giocatori non concordano sulle pietre morte, nel caso del conteggio basato sull'area riprendono semplicemente a giocare fino a risolvere la disputa. Nel caso del conteggio territoriale, ciò che avviene praticamente è che si segna la disposizione finale delle pietre e si riprende a giocare fino a risolvere la disputa, per poi tornare alla situazione finale e rimuovere le pietre morte; in realtà esistono regole complesse per risolvere la situazione.

Considerato il fatto che il numero di pietre che un giocatore ha sul goban è pari al numero di prigionieri che l'avversario ha preso, il risultato "netto", cioè la differenza tra il punteggio del Nero e quello del Bianco, è spesso uguale in entrambi i sistemi di conteggio e raramente differisce di più di un punto.[35] Ci sono stati tentativi di concordare un insieme di regole internazionale; le regole normalmente riconosciute dalla International Go Federation sono quelle utilizzate nel World Amateur Go Championship, basate sulle regole giapponesi, e quelle dei primi World Mind Sports Games dell'ottobre 2008, basate essenzialmente sulle regole cinesi, con qualche elemento di compromesso preso dalle regole giapponesi e coreane.[36]

Vita e morte[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene non sia menzionato nelle regole del go, per lo meno in quelle più semplici come quelle in vigore in Nuova Zelanda e negli Stati Uniti, il concetto di "gruppo vivo" è essenziale per una vera comprensione del gioco del go.[37]

Go ulc.svg Go b.svg Go b.svg Go w.svg Go u.svg Go w.svg Go b.svg Go uc.svg Go b.svg
Go b.svg Go c.svg Go b.svg Go w.svg Go.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg Go rc.svg
Go b.svg Go b.svg Go w.svg Go w.svg Go.svg Go w.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg
Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go.svg Go.svg Go.svg Go w.svg Go b.svg Go rc.svg
Go l.svg Go.svg Go.svg Go.svg Go.svg Go.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg
Go w.svg Go w.svg Go.svg Go.svg Go.svg Go.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg
Go b.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg
Go l.svg Go b.svg Go b.svg Go b.svg Go w.svg Go.svg Go w.svg Go b.svg Go rc.svg
Go b.svg Go b.svg Go dc.svg Go b.svg Go w.svg Go d.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg
Alcuni esempi di "occhi". Tutte le intersezioni con i circoletti sono "occhi". I due gruppi neri superiori sono "vivi", in quanto hanno almeno due occhi, mentre i due inferiori sono morti, in quanto hanno solo un occhio. Il gruppo in basso a sinistra sembrerebbe avere due occhi, ma l'intersezione vuota senza circoletto non è un occhio, e Bianco può giocarvi per catturare la pietra nera; questi punti sono detti "occhi falsi".[37]

Quando un gruppo di pietre è quasi circondato e non ha la possibilità di connettersi con altre pietre dello stesso colore, può trovarsi in tre condizioni: "vivo", "morto" o in una condizione non ancora determinata. Un gruppo di pietre è "vivo" se non è possibile catturarlo anche se l'avversario può muovere per primo; al contrario, il gruppo è morto se è catturabile anche se il giocatore proprietario del gruppo ha la prima mossa. Nel caso in cui il destino del gruppo dipenda da quale giocatore ci giochi per primo, il gruppo è considerato né vivo né morto: in tal caso il giocatore che muove per primo può rendere il gruppo "vivo", se si tratta del possessore del gruppo, o "ucciderlo" se si tratta dell'avversario.[37]

Go ul.svg Go b.svg Go b.svg Go w.svg Go u.svg Go w.svg Go u.svg Go u.svg Go ur.svg
Go b.svg Go.svg Go b.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg
Go b.svg Go b.svg Go w.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg Go b.svg Go b.svg Go b.svg
Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg Go.svg Go b.svg Go.svg Go b.svg
Go b.svg Go b.svg Go b.svg Go w.svg Go.svg Go b.svg Go b.svg Go b.svg Go b.svg
Go lc.svg Go c.svg Go b.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go b.svg
Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go b.svg Go w.svg Go.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg
Go b.svg Go b.svg Go b.svg Go b.svg Go w.svg Go w.svg Go w.svg Go b.svg Go r.svg
Go dl.svg Go b.svg Go d.svg Go b.svg Go w.svg Go d.svg Go w.svg Go b.svg Go b.svg
Un esempio di seki (vita reciproca). I circoletti sono le libertà condivise, in cui nessun giocatore gioca perché permetterebbe la cattura all'altro.

Affinché un gruppo sia vivo, deve essere in grado di creare almeno due "occhi" se minacciato. Un "occhio" è una intersezione libera circondata da pietre di quel giocatore in cui l'avversario non può giocare per la regola del "suicidio". Se un gruppo possiede almeno due occhi, l'avversario non potrà catturarlo, in quanto esso avrà almeno due libertà che non possono essere occupate da pietre avversarie. Un solo occhio non è sufficiente a garantire la vita di un gruppo, in quanto l'avversario può rimuovere prima tutte le altre libertà del gruppo e poi riempire l'occhio rispettando la regola del suicidio in quanto cattura l'intero gruppo.

La regola dei due occhi ha una rara eccezione, detta seki o "vita reciproca". Se due o più gruppi di diversi colori sono tra loro adiacenti e condividono le stesse libertà, è possibile che si verifichi una situazione in cui nessuno dei due giocatori rimuova per primo una libertà, in quanto questo permetterebbe all'avversario di catturare; il risultato è che i due gruppi, "vivi in seki", rimangono sul goban. Le situazioni più frequenti per un seki sono quella in cui ciascun giocatore ha un gruppo senza occhi e i due gruppi condividono due libertà o quella in cui ciascun gruppo ha un occhio ed entrambi coindividono la stessa libertà. I seki sono molto infrequenti e di norma sono il risultato del tentativo di invasione di un giocatore in un gruppo avversario quasi stabilizzato.[37]

Equipaggiamento[modifica | modifica wikitesto]

L'equipaggiamento tradizionale giapponese per il gioco del go, con una scacchiera da pavimento (碁盤, goban), contenitori per pietre (碁笥, goke) e pietre (碁石, goishi).

Sebbene sia possibile giocare a go con una scacchiera di carta e monete o pedine di plastica come pietre, l'equipaggiamento economico più diffuso consiste di goban in compensato o truciolato e pietre in plastica o vetro. Più costosi sono i goban e le pietre in materiali tradizionali, sebbene siano ancora diffusi tra i giocatori.

Equipaggiamento tradizionale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Goban e Pietra (go).

Il goban tradizionale è in legno massiccio, spesso tra i 10 e i 18 cm.[38] Il legno più pregiato tra quelli tradizionalmente impiegati in Giappone è la Torreya nucifera, detta Kaya in giapponese, caratterizza da una tinta dorata: i goban più costosi sono costruiti con legname proveniente da alberi vecchi fino a 700 anni. Più recentemente si sono diffusi esemplari costruiti in Torreya californica, il cui successo è dovuto al colore chiaro, agli anelli più sbiaditi, al suo prezzo inferiore e alla maggiore disponibilità. Tra i legni utilizzati per goban di qualità ci sono il Thujopsis dolabrata (Hiba in giapponese), il Cercidiphyllum japonicum (Katsura), l'Agathis (Kauri) e i Picea; quest'ultimo ha il nome commerciale di Shin Kaya ("nuovo Kaya"), sebbene le due specie non siano imparentate.[39] Nella tradizione giapponese, le pietre sono contenute in coppe di legno massiccio, sono lenticolari e sono fatte di conchiglia (quelle bianche) e ardesia (le nere).[40] La dotazione è di solito di 181 pietre nere e 180 bianche. Tradizionalmente l'ardesia per le pietre da go è ricavata dalle miniere della prefettura di Wakayama, mentre la conchiglia è quella della varietà Hamaguri, ma, dato il ridotto numero di pietre ottenibili da questa fonte, recentemente si utilizzano conchiglie che si trovano in Messico.[40] Come conseguenza della diffusione del gioco, le risorse naturali giapponesi non sono più in grado di provvedere alla fornitura di un numero sufficiente di equipaggiamenti da gioco: sia le conchiglie che il legno di kaya richiedono molto tempo per crescere fino alla dimensione necessaria, e stanno diventando rare, incrementando così fino a valori molto elevati il prezzo dei prodotti finiti.[39]

In Cina il gioco è giocato tradizionalmente con pietre yunzi, che hanno un lato convesso e l'altro piatto, e provengono dalla provincia dello Yunnan. Storicamente le pietre più prestigiose erano fatte di giada, spesso date in dono dall'imperatore.[40]

Le pietre yunzi sono piatte da un lato; possono quindi essere rovesciate sul lato convesso durante l'analisi di fine-partita per segnare le mosse cambiate durante l'analisi.

Nelle associazioni e durante i tornei, quando è necessario avere disponibili un gran numero di goban e di pietre, normalmente non si usano gli equipaggiamenti tradizionali. In queste circostanze si usano di solito goban alti appena 1-5 cm, senza gambe, pietre in plastica o vetro e contenitori delle pietre in plastica, se quelli in legno non sono disponibili.

I goban giapponesi sono ricoperti da una griglia larga 1,5 e lunga 1,4 shaku (455×424 mm) con dello spazio ulteriore per permettere di giocare le pietre sul bordo e agli angoli. Il goban non è quindi un quadrato, ma un rettagolo i cui lati sono nel rapporto 15:14, in modo che quando il giocatore vi si siede davanti, il suo punto di vista angolato accorci la griglia tendendo a renderla quadrata.[38] Inoltre le pietre nere sono tradizionalmente un po' più larghe di quelle bianche, di modo da contrastare l'illusione ottica che porta le pietre bianche a sembrare un po' più grandi di quelle nere di uguale dimensione.[40]

I contenitori per le pietre sono di forma semplice, tipicamente sferica con la parte inferiore appiattita; il coperchio è fatto in modo che non chiuda ermeticamente e normalmente è rovesciato sul tavolo prima della partita, di modo da appoggiarvi le pietre avversarie catturate. Sebbene i contenitori siano normalmente di legno lavorato al tornio, esiste l'alternativa economica di origine cinese di contenitori in paglia intrecciata.[41]

Tecnica di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Due abitanti di Shanghai mostrano la tecnica tradizionale per tenere una pietra di go.

Il modo tradizionale di giocare una pietra a go consiste nel prelevarla dal contenitore, tenendola tra indice e medio (il medio sopra la pietra, l'indice sotto), e di porla nella intersezione libera desiderata.[42] Le abitudini di rigirare le dita nel contenitore o di tenere più pietre contemporaneamente in mano non sono molto apprezzate, in quanto sono rumorose e possono disturbare l'avversario; è quindi ritenuto educato prendere una sola pietra alla volta e solo dopo che si è deciso dove giocarla.

È assolutamente accettato giocare con fermezza la pietra sul goban in modo che faccia un suono secco; le proprietà acustiche del goban sono infatti considerate importanti.[39] I goban tradizionali, costruiti con un certo spessore, sono tradizionalmente dotati di un incavo piramidale detto heso sulla faccia inferiore. La tradizione vuole che per mezzo di questo incavo il goban abbia una migliore risonanza quando si gioca una pietra; la spiegazione più verosimile, però, è che l'heso permette al legno del goban, che è comunque sensibile all'umidità, di non deformarsi e di rispondere in maniera elastica alle pietre giocate.[39]

Gestione del tempo di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Una partita di go può essere cronometrata utilizzando un orologio da go. Le prime misurazioni del tempo in partite professionistiche furono introdotte negli anni 1920 e furono controverse.[43] Le interruzioni delle partite e le mosse registrate furono regolamentate negli anni 1930. Oggi i tornei di go utilizzano regole per la gestione del tempo molto differenti; tutti i metodi principali prevedono un ammontare di tempo principale che il giocatore può gestire a proprio piacimento, ma si differenziano per la gestione del tempo supplementare. Nelle partite professionistiche i giocatori hanno dei collaboratori che tengono traccia del tempo impiegato, per non distrarsi dalla partita.

Il sistema più diffuso per la gestione del tempo supplementare prende il nome di byoyomi (in giapponese "lettura dei secondi"). Le due varianti principali del byoyomi sono i seguenti.[44]

Byoyomi standard
Al termine del tempo principale, il giocatore ha a propria disposizione un certo numero di periodi di tempo della durata tipica di una trentina di secondi. Dopo ciascuna mossa, è contato il numero di periodi utilizzati per intero dal giocatore e questo valore viene sottratto dalla sua disponibilità. Un giocatore che abbia tre periodi da trenta secondi e che impieghi quarantacinque secondi per una mossa si vedrà ridotto il proprio tempo supplementare a due periodi; se impiega meno di trenta secondi avrà ancora a disposizione tutti e tre i periodi, mentre se la mossa dovesse richiedere più di novanta secondi il giocatore perderebbe la partita "per tempo".
Byoyomi canadese
Al termine del tempo principale, il giocatore ha a propria disposizione un certo periodo di tempo per effettuare un certo numero di mosse. Ad esempio, può avere cinque minuti per effettuare venti mosse. Se il tempo termina prima che abbia giocato tutte le mosse previste, il giocatore perde la partita "per tempo".

Registrazione delle partite e notazione[modifica | modifica wikitesto]

Kifu (registrazione) di una partita tra Wang Jixin e Yushan Laoyu (dinastia Tang).

La registrazione delle partite di go avviene attraverso il kifu, un diagramma raffigurante il goban con sopra le pietre giocate numerate in ordine di mossa; se una mossa è stata giocata nello stesso punto di una precedente, si appone una annotazione a fianco del diagramma del tipo "57 in 51", per indicare appunto che la mossa 57 è stata giocata nel punto occupato dalla mossa 51. Un'altra notazione è simile alla notazione algebrica degli scacchi. Comunemente si usano numeri per entrambi gli assi, invece che numeri per uno e lettere per l'altro, in modo che il punto "3-4" sia quello sulla terza riga e quarta colonna dall'angolo. Poiché il goban è simmetrico, non c'è bisogno di specificare l'origine del sistema di riferimento.

Il formato digitale più diffuso per la registrazione delle partite di go è lo Smart Game Format (estensione: sgf); sono disponibili più di 50.000 file sgf di partite tra professionisti, e i principali server di go permettono di salvare le partite in questo formato.

Competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Gradi e punteggi[modifica | modifica wikitesto]

Nel go esistono dei gradi che indicano la bravura del giocatore, che tradizionalmente sono divisi in gradi kyu e dan,[45] un sistema recentemente adottato anche nelle arti marziali; più recentemente hanno iniziato a diffondersi sistemi basati su punteggi calcolati matematicamente, simili al sistema Elo.[46] Questi sistemi di punteggio sono spesso accompagnati da una formula che permette di convertire il punteggio di un giocatore nel suo grado kyu o dan.[46] I gradi kyu, abbreviati con 'k', sono considerati livelli per studenti, e decrescono al crescere della forza del giocatore, con 1k (primo kyu) corrispondente al livello più alto. I gradi dan, abbreviati con 'd', sono considerati i gradi dei maestri, e crescono da 1d (primo dan) a 7d. Il grado di shodan ("primo dan") corrisponde alla cintura nera delle arti marziali orientali. I giocatori professionisti hanno una serie di gradi dan loro riservata, che va da 1p (primo dan professionista) a 9p. A livello amatoriale, una differenza di un grado corrisponde ad una pietra di handicap; a livello professionistico, la pietra di handicap corrisponde, grossolanamente, a tre livelli di differenza. Per esempio, in una partita tra un 1k e un 5k sarebbero necessarie quattro pietre di handicap per rendere uguali le possibilità di vincita.[47]

Regole dei tornei e delle partite[modifica | modifica wikitesto]

Durante i tornei sono utilizzate delle regole che possono influenzare il gioco senza far parte delle regole del gioco, e che possono essere diverse a seconda del torneo. Le regole del torneo che possono influenzare il gioco riguardano il valore del komi (il punteggio di compensazione per il giocatore bianco), la disposizione delle pietre di handicap e i parametri delle norme sul tempo. Le norme dei tornei che non influenzano il gioco riguardano il sistema del torneo, le strategie di accoppiamento e i criteri di formazione della classifica.

I sistemi più diffusi per l'organizzazione di tornei di go sono il sistema McMahon,[48] il sistema svizzero, il sistema a gironi all'italiana e quello ad eliminazione diretta; in alcuni tornei si usa una combinazione di più sistemi, come nel caso dei tornei professionistici, in molti dei quali si adotta un sistema a gironi all'italiana seguito da un sistema ad eliminazione diretta.[49]

Le regole del torneo determinano anche:

  • il komi, la compensazione per il giocatore bianco che gioca per secondo, e che nei tornei è normalmente equivalente a 5/8 punti,[50] più, solitamente, mezzo punto per evitare i pareggi;
  • le pietre di handicap poste sul goban all'inizio della partita per compensare la differenza di forza tra due giocatori di grado diverso, allo scopo di avere comunque una partita dal risultato aperto;
  • il superko, una regola introdotta per evitare alcune situazioni molto complesse, come il "ko triplo" o la "vita eterna", che porterebbero a partite di durata infinita che non sono coperte dalla normale regola del ko.[51]

Il Go nell'informatica e nella matematica[modifica | modifica wikitesto]

Diversi aspetti del gioco, anzitutto il numero elevato di mosse possibili nelle fasi iniziali del gioco (circa 1,67 × 1010  solo per le prime quattro mosse, ovvero i primi due turni) che impediscono il metodo della forza bruta, fanno sì che – contrariamente al gioco degli scacchi – non si riesca a far giocare un computer a un livello superiore a quello di un buon dilettante. Ciò ha dato vita ad un ramo di ricerca collegato all'intelligenza artificiale.

Elwyn Berlekamp e David Wolfe hanno sviluppato una teoria matematica dei finali basata sulla teoria dei giochi di John Horton Conway. Benché non abbia generalmente un'utilità nella maggior parte delle partite, aiuta notevolmente l'analisi di alcune classi di posizioni.

Proverbi sul Go[modifica | modifica wikitesto]

I proverbi di Go descrivono delle buone pratiche, utili per portare seri vantaggi, ma non costituiscono in alcun caso regole assolute (a parte alcuni, legati soprattutto alle problematiche di gioco di vita e morte).

Proverbi di carattere generale[modifica | modifica wikitesto]

  • «Il mondo è una partita di Go, le cui regole sono state inutilmente complicate» (proverbio cinese).
  • «Le regole del Go sono così eleganti, organiche e rigorosamente logiche che se esiste in qualche parte dell'universo una forma di vita intelligente, essa deve certamente saperci giocare» (Emanuel Lasker, campione di scacchi).
  • «Una partita di Go si svolge in tre tappe: il fuseki, la metà partita e l'abbandono.»
  • «L'Atari è una malvagità.»
  • «I muri hanno forse orecchie, ma non hanno sempre degli occhi.»
  • «Prima di dire di aver messo la pietra in un punto sbagliato, verificate che un 9° dan non l'abbia mai giocata.»
  • «Il Go è un gioco di scambi: si fanno territori e si fanno scambi.»
  • «Non si fanno territori sui muri contro cui l'avversario si spinge.»
  • «Una giocata non è mai buona o cattiva – è il modo in cui ci si serve di quella pietra che è buono o cattivo.»
  • «Una pietra non porta mai rancore – ma piange, quando si sabota il suo lavoro.» (Sakata Eio)
  • «Il punto vitale del nemico è il mio punto vitale.»
  • «Non ci sono punti al centro.»
  • «Io non gioco per vincere, io gioco a go.» Kajiwara Takeo, IX dan (citato da R. Rinaldi, "Sull'arte del go"; in Yasunari Kawabata "Il maestro di go"; SE srl Milano, 2001)

Proverbi tecnici e strategici[modifica | modifica wikitesto]

  • «A uno tsuke, si risponde con un hane.»
  • «A un boshi, si risponde con un keima.»
  • «A un keima, si risponde con un kosumi.»
  • «L'angolo vuoto è una brutta cosa.»
  • «Si va a caccia armati di keima.»
  • «Un tobi non è mai male.»
  • «L'hane porta spesso alla morte.»
  • «Un ponnuki vale 30 punti.»
  • «Un muro non serve a fare territorio.»
  • «Si riduce un moyo con un colpo alle spalle.»
  • «Se non si può fare il drago si fa la tigre.»
  • «Un drago non può attaccare senza attraversare le nuvole.»
  • «Con un avversario che fa sia il drago che la tigre, resta uomo.»
  • «Non bisogna aver paura di morire.»
  • «Un boshi non si pinza in nessun modo.»
  • «Chi non rispetta l'equilibrio ne paga le conseguenze.»

I 10 comandamenti del Go (Otake Hideo, 9º dan)[modifica | modifica wikitesto]

  1. «La gola non porta alla vittoria.»
  2. «Si penetra la sfera avversaria gentilmente e semplicemente.»
  3. «Se attacchi il tuo avversario, presta attenzione alle tue spalle.»
  4. «Abbandona il bottino facile, e combatti per l'iniziativa.»
  5. «Lascia che il piccolo cada, concentrati sul grosso.»
  6. «Se sei in pericolo, abbandona qualcosa.»
  7. «Sii prudente, non vagare a casaccio qua e là sul goban.»
  8. «Se necessario, rendi colpo per colpo.»
  9. «Se il tuo avversario è forte, proteggiti.»
  10. «Se il tuo gruppo è isolato al centro di un'influenza avversa, scegli la via pacifica.»

In altri media[modifica | modifica wikitesto]

È rimasta celebre una partita di Go giocata a Hiroshima il giorno in cui fu sganciata la bomba atomica sulla città.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel romanzo Il ritorno delle gru scritto da Trevanian il personaggio principale è un killer professionista. Occidentale, allevato in Giappone durante la seconda guerra mondiale, la sua formazione avviene sotto la guida di un maestro di Go. Tutta la trama del libro è riconducibile alle fasi di una partita di Go.
  • Il romanzo Il maestro di go di Kawabata Yasunari, racconta della transizione del Giappone all'età moderna attraverso una sfida di go – che si svolse realmente nel 1938 – tra il vecchio maestro e un giovane sfidante, bandiera della nouvelle vague del gioco.
  • Il manga Hikaru no Go ha come protagonista Hikaru Shindo, comune ragazzo giapponese, che grazie all'aiuto del fantasma di uno dei più grandi giocatori di Go di sempre diventa un campione.
  • Nel romanzo L'eleganza del riccio di Muriel Barbery (2006) la giovane protagonista Paloma Josse parla del gioco del Go e della sua falsa affinità con il gioco degli scacchi.
  • Nel romanzo I mille autunni di Jacob de Zoet di David Mitchell (2010) un'interminabile partita di Go tra il governatore di Nagasaki e il malvagio abate Enomoto ricorre lungo tutto il corso della narrazione, rivelando il carattere e le logiche mentali dei due personaggi.
  • Nel romanzo Domitilla Wolf e la leggenda dell'hòuzi mao di Pierluigi Agnelli la protagonista come prova da superare deve vincere una partita al gioco del Go.
  • Nel romanzo[52] [[Cigni selvatici: tre figlie della Cina]] della scrittrice cinese [[Jung Chang]] viene citato il gioco del Go.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • In una scena del film Mosse pericolose (La diagonale du fou), 1984, di Richard Dembo, il campione del mondo di scacchi Akiva Liebskind (Michel Piccoli) gioca una partita a Go con Barabal (Benoît Régent), mentre scommettono sull'apertura che lo sfidante Pavius Fromm (Alexandre Arbatt) adotterà per la seconda partita del match per il campionato mondiale di scacchi.
  • Una scena del film π - Il teorema del delirio (1998), di Darren Aronofsky, ha come soggetto una partita di Go; il protagonista, Max Cohen (Sean Gullette) si reca a parlare col suo maestro Sol Robeson (Mark Margolis), il quale sta giocando a Go.
  • Una scena del film A Beautiful Mind (2001), di Ron Howard, ha come soggetto una partita di Go; il protagonista, John Nash (Russell Crowe) gioca contro il suo rivale Martin Hansen (Josh Lucas) e verrà battuto da quest'ultimo. John Nash alla fine se ne andrà affermando che Martin non doveva vincere, poiché il suo gioco era perfetto ed aveva fatto la prima mossa.
  • Nel film Hero (2002), Senza nome si scontra con Cielo il quale stava giocando a Go in una sala da gioco.
  • Il Go appare anche in una scena del film After the Sunset (2004)
  • Nel film The International (2009) nella sequenza centrale del film il banchiere (figura negativa principale) durante una videoconferenza con i suoi più importanti collaboratori sta contemporaneamente giocando a Go col proprio giovane figlio ed utilizzando il gioco come modello di vita trova la soluzione migliore alla propria situazione che appare senza via d'uscita.
  • Nel film Il riccio (2009), di Mona Achache, Monsieur Ozu gioca a Go con la piccola protagonista Paloma.
  • Nel film Tron Legacy (2010), Flynn (Jeff Bridges) gioca nella sua dimora virtuale a go.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Wang Fei 王菲 nel suo disco del 1994, 天空 Cielo, canta la canzone 棋子 Qizi, tradotta per il mercato internazionale come Chess. In realtà il titolo significa pedina (termine cinese generico sia per le pedine degli scacchi sia per le pietre del Go) e dal contesto della canzone, e dai termini tecnici impiegati, si può desume che tratti del gioco del Go. Wang Fei utilizza la metafora della pedina nella mano del giocatore come immagine dei suoi sentimenti in balia della volontà dell'amato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Malgrado il fatto che il go sia un gioco di origine cinese, è comunemente noto in Occidente col suo nome giapponese, in quanto i primi giocatori occidentali lo impararono da fonti giapponesi. Di conseguenza, molti concetti del go per i quali non esiste un equivalente in italiano sono noti col nome giapponese.
  2. ^ Masayoshi 2005; Lasker 1934.
  3. ^ Potter 1985; Fairbairn 1995.
  4. ^ a b c Brooks 2007.
  5. ^ Potter 1984; Fairbairn 1995.
  6. ^ Paolo Zanon, "Philosophical discussion on the game of weiqi in the times of Warring States and the Han dynasty" in: Ludica, Annali di storia e civiltà del gioco, 1996, II, pagg. 7-19
  7. ^ Tradotto in: Paolo Zanon, "Qijing shisanpian" in: Annali di Ca'Foscari. Serie Orientale 27, 1996, XXXV, 3, pagg.375-398
  8. ^ Fairbairn 1995.
  9. ^ Pickard 1989.
  10. ^ Fairbairn 2000.
  11. ^ (EN) History of Go in Japan: part 2, Nihon Kiin. URL consultato il 2 novembre 2007.
  12. ^ History of Go in Japan: part 3, Nihon Kiin. URL consultato il 2 novembre 2007.
  13. ^ Fairbairn, John & Hall, T Mark (2007), "Timeline 1600—1867", History and Timelines.
  14. ^ Fairbairn, John & Hall, T Mark (2007), "Honinbo Dosaku", Articles on Famous Players.
  15. ^ Fairbairn, John & Hall, T Mark (2007), "Castle Games 1626—1863", History and Timelines.
  16. ^ Ulrich Schadler, "Some Games Travel, Some Don't", 2001. in The Proceedings of the First International Conference on Baduk, Hankuk Kiwon, 2001
  17. ^ William Pinckard, History and Philosophy of Go, 1992. in Bozulich, 2001 pp. 23–25
  18. ^ a b AGA 1995 Historical Book, American Go Association. URL consultato l'11 giugno 2008.
  19. ^ Richard Bozulich, The Magic of Go - 40. Go in Europe, Yomiuri Shimbun. URL consultato il 16 giugno 2008.
  20. ^ British Go Association, Pro Go Player visits to UK & Ireland (since 1964). URL consultato il 17 novembre 2007.
  21. ^ International Go Federation, IGF members. URL consultato l'8 maggio 2008.
  22. ^ John Fairbairn, Go Census. URL consultato il 20 giugno 2008.
  23. ^ British Go Association, Comparison of some go rules. URL consultato il 20 dicembre 2007.
  24. ^ NRICH Team, Going First, University of Cambridge. URL consultato il 16 giugno 2007.
  25. ^ Kim 1994 pp. 3–4
  26. ^ How to place Go stones, Nihon Kiin. URL consultato il 4 marzo 2007.
  27. ^ Charles Matthews, Behind the Rules of Go, University of Cambridge. URL consultato il 9 giugno 2008.
  28. ^ Kim 1994 p. 28
  29. ^ Kim 1994 p. 30
  30. ^ Kim 1994 pp 48–49
  31. ^ Kim 1994 pp. 144–147
  32. ^ Robert Jasiek, Objective Advantages of the Scoring Methods, 2007. URL consultato il 30 novembre 2007.
  33. ^ John Fairbairn, The Rules Debate in New in Go, Games of Go on Disc. URL consultato il 27 novembre 2007.
  34. ^ AGA Rules Committee, AGA Concise Rules of Go, American Go Association, 1991. URL consultato il 30 novembre 2007.
  35. ^ Fred Hansen, Demonstration of the Relationship of Area and Territory Scoring, American Go Association. URL consultato il 16 giugno 2008.
  36. ^ Go (Weiqi, Baduk) Rules
  37. ^ a b c d Charles Matthews, Sufficient but Not Necessary: Two Eyes and Seki in Go, University of Cambridge. URL consultato il 31 dicembre 2007.
  38. ^ a b Fairbairn 1992 pp. 142–143
  39. ^ a b c d Fairbairn 1992 pp. 143–149
  40. ^ a b c d Fairbairn 1992 pp. 150–153
  41. ^ Fairbairn 1992, pp. 153–155
  42. ^ A stylish way to play your stones, Nihon Kiin. URL consultato il 24 febbraio 2007.
  43. ^ Bozulich 2001 pp. 92–93
  44. ^ EGF General Tournament Rules, European Go Federation. URL consultato l'11 giugno 2008.
  45. ^ Go. The World's Most Fascinating Game, Tokyo, Japan, Nihon Kiin, 1973, p. 188.
  46. ^ a b Ales Cieply, EGF Official Ratings, European Go Federation. URL consultato il 30 novembre 2007.
  47. ^ EGF Tournament Database, Italian Go Association. URL consultato il 19 giugno 2008.
  48. ^ The McMahon system in a nutshell, British Go Association. URL consultato l'11 giugno 2008.
  49. ^ GoGoD (Fairbairn & Hall), A quick guide to pro tournaments, 2007.
  50. ^ GoGoD (Fairbairn & Hall), History of Komi in History and Timelines, 2007.
  51. ^ Robert Jasiek, Ko Rules, 2001. URL consultato il 30 novembre 2007.
  52. ^ Jung Chang, Cigni Selvatici.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Go

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazioni e federazioni[modifica | modifica wikitesto]

Siti tematici[modifica | modifica wikitesto]

Programmi[modifica | modifica wikitesto]

Giocare su Internet[modifica | modifica wikitesto]

giochi da tavolo Portale Giochi da tavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi da tavolo