The International

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The International
The International.jpg
Una scena del film
Titolo originale The International
Paese di produzione USA, Germania, Regno Unito
Anno 2009
Durata 118 min
Colore Colore
Audio Sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere thriller
Regia Tom Tykwer
Sceneggiatura Eric Singer
Distribuzione (Italia) Sony Pictures
Fotografia Frank Griebe
Montaggio Mathilde Bonnefoy
Effetti speciali Gerd Feuchter
Musiche Reinhold Heil, Johnny Klimek, Tom Tykwer, Matthew Bellamy
Scenografia Uli Hanisch
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The International è un film del 2009 diretto da Tom Tykwer.

La pellicola è uscita negli Stati Uniti d'America il 20 febbraio 2009, mentre in Italia è stata distribuita il 20 marzo 2009.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia segue l'indagine dell'agente dell'Interpol Louis Salinger (Clive Owen) e del procuratore distrettuale di New York Eleanor Whitman (Naomi Watts) nei confronti della IBBC (International Bank of Business and Credit). La trama si ispira alla teoria cospirativa, in particolare, le indagini rivelano che la IBBC intende prestare capitali al Revolutionary Freedom Front della Liberia per l'acquisto di armi leggere fornite dalla Calvini Defense. In tal modo, terminato il conflitto, la banca potrà controllare il debito contratto dal Paese. Quando l'accordo con Calvini salta, i dirigenti della IBBC cercano un accordo con un uomo d'affari turco per vendere le armi a Siria e Iran senza rivelare loro che Israele ha già acquistato le contromisure dallo stesso uomo[1].

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è di produzione anglo-tedesca e le riprese sono iniziate a Berlino il 10 settembre 2007, per poi continuare a Milano, New York e Istanbul.

Per una precisa scelta del direttore della fotografia, ogni città presente nel film è caratterizzata da una tonalita di colore[2], in particolare: Berlino: marrone, Lione: rosso, Lussemburgo: blu, Milano: ocra, Istanbul: più colori.

Alcune curiosità sulle locations:

  • La sede della IBBC, banca immaginaria del film, volutamente esagerata nelle dimensioni è stata realizzata all'Autostadt di Wolfsburg, uno spazio espositivo della Volkswagen;
  • Tra la fine del novembre e l'inizio del dicembre 2007 sono state girate alcune scene a Milano, più precisamente in Piazza Cordusio, Galleria Vittorio Emanuele II, al Grattacielo Pirelli, in piazza Duca d'Aosta davanti alla Stazione Centrale e all'Albergo Gallia, in via Fabio Filzi e in corso Italia. Le riprese hanno coinvolto gli attori italiani Luca Barbareschi, Alessandro Fabrizi e Luca Calvani. Nell'inquadratura all'ingresso posteriore del Grattacielo Pirelli, l'allora presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni è apparso in un piccolo cameo nel ruolo di se stesso[3].
  • Dopo l'uccisione di Umberto Calvini, il procuratore distrettuale Eleanor Whitman viene investita in via Fabio Filzi dall'auto Alfa 164 guidata dal sicario della IBBC, che imbocca via Luigi Galvani (l'auto sfreccia davanti all'hotel Hilton). L'agente Louis Salinger tenta l'inseguimento percorrendo la parallela via Giuseppina Lazzaroni, poi l'inquadratura cambia, l'auto compie una curva (in via Maddalena) e si ritrova misteriosamente "catapultata" in Corso Italia, a circa sei chilometri di distanza (alle spalle di Clive Owen si scorge piazza Missori);
  • Gli interni del Museo Guggenheim sono stati accuratamente ricreati in un teatro di posa vicino ai Babelsberg Studios.
  • L'inquadratura della strada costiera che conduce alla sede della Calvini Defense è stata girata a Tremosine sul lago di Garda;
  • Le locations di Istanbul comprendono il ponte di Galata, la moschea di Solimano, la Cisterna Basilica e il Gran Bazar.

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

La sceneggiatura contiene alcuni riferimenti a recenti vicende della storia italiana[4]: per esempio, il personaggio di Umberto Calvini ricorda Roberto Calvi, il banchiere ucciso a Londra nel 1982. Ancora, un ufficiale dei Carabinieri, corrotto dalla IBBC, tenta di depistare l'indagine accusando le nuove Brigate Rosse[5].

Box office[modifica | modifica sorgente]

Il film ha incassato in Italia solo € 1.091.000. Negli Stati Uniti, invece, è riuscito a raggiungere i $ 25.034.000.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Recensione The International, FilmUp.
  2. ^ Interviste presenti negli extra del blu-ray e del DVD
  3. ^ Ciak al Pirellone, Formigoni attore, milano.corriere.it. URL consultato il 19-03-2009.
  4. ^ Recensione The International, Mymovies.
  5. ^ Recensione The International, Il Cinemaniaco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema