Gianluigi Paragone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gianluigi Paragone (Varese, 7 agosto 1971) è un giornalista e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Varese da famiglia di origine beneventana[1] ha iniziato la carriera giornalistica al quotidiano La Prealpina. In quel periodo viene incaricato, come giovane inviato, di seguire Umberto Bossi, Roberto Maroni e altri membri del partito nei loro comizi e incontri.

È stato direttore del telegiornale di Rete 55, emittente locale della provincia di Varese, e del quotidiano La Padania. In seguito è approdato al quotidiano Libero di cui è stato vice-direttore.

È stato anche conduttore di Malpensa Italia, talk show politico in onda in seconda serata su Rai 2 dal 22 gennaio 2009[2] con ascolti che hanno oscillato tra uno share del 6,6%[3][4] e l'8,7%[5].

Dal 1º agosto 2009 ha sostituito per un breve periodo Vittorio Feltri alla direzione del quotidiano Libero.

Il 5 agosto 2009 Paragone è stato nominato vice direttore di Rai 1 e quindi ha abbandonato la direzione di Libero: l'elezione ha visto il voto contrario del presidente del CDA della RAI Paolo Garimberti con la motivazione secondo la quale la nomina di Paragone non risponderebbe alla "tradizione" che "consiglia" alla RAI di ricorrere il meno possibile a professionisti esterni all'azienda[6].

Il 24 settembre 2009 Paragone lascia la vicedirezione di Rai 1 per passare a quella di Rai 2[7]. In questo periodo, durante una puntata della trasmissione radiofonica Un giorno da pecora, Paragone ha suscitato varie polemiche criticando l'allora direttore di Rai 2 Massimo Liofredi per aver riempito il palinsesto della rete di telefilm con risultati di ascolto mediocri[8].

Dal 15 gennaio 2010 conduce il talk show politico L'ultima parola. Nonostante gli ottimi risultati auditel, grazie anche alla originalità dell'idea di unire la musica all'informazione politica e non solo, nel 2013, alcuni esponenti del PDL e il DG RAI Gubitosi[9] hanno cercato di chiudere la trasmissione.[10]

Il 2 ottobre 2011 l'allora segretario federale della Lega Nord Umberto Bossi ha "scomunicato" Paragone ordinando agli esponenti leghisti di disertare L'ultima parola a causa del fatto che il giornalista aveva preso pubblicamente le distanze dalla politica della maggioranza.[11].

Nella puntata del 21 ottobre 2011 de L'ultima parola Paragone è stato accusato, durante una discussione molto accesa[12], dall'allora deputato PDL Giorgio Stracquadanio di "salire sul carro dei vincitori".[13]

Paragone ha sempre rivendicato l'autonomia giornalistica della sua trasmissione dalle scelte dei vari partiti e si è schierato, nell'ottobre 2011, contro la dipartita dalla Rai di Michele Santoro[14].

Nel 2013 si dimette dalla carica di vicedirettore di Rai 2[15].

Il 1º marzo 2013 il programma viene trasmesso in prima serata, in sostituzione del telefilm Rex.[16]. Nonostante i discreti ascolti registrati[17], la trasmissione non andrà più in onda in questa fascia oraria a causa di alcuni dissidi tra il conduttore e la dirigenza Rai[18].

Dopo l'iniziale ipotesi di chiusura[19], che aveva suscitato diverse polemiche[20], e le conseguenti smentite del CDA Rai[21], viene proposto al giornalista la conduzione di un programma musicale in sostituzione de L'ultima parola.[22]

Il 9 luglio 2013, in seguito a contatti avvenuti con Urbano Cairo dopo la presentazione dei palinsesti Rai del 24 giugno 2013[23][24], firma un contratto con LA7 per la conduzione di un talk show in onda nella prima serata del mercoledì a partire dal mese di settembre[25], ovvero La gabbia.

Dal 7 aprile 2014, insieme a Mara Maionchi, conduce su Radio 105 il programma Benvenuti nella giungla.

Conduzioni[modifica | modifica sorgente]

Televisive[modifica | modifica sorgente]

Radiofoniche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paragone: cuore padano, ugola «terrona». URL consultato il 5 aprile 2010.
  2. ^ Malpensa, Italia: Gianluigi Paragone Pronto Al Decollo | Davidemaggio.It
  3. ^ La trasmissione Malpensa Italia, condotta da Gianluigi Paragone e che va in onda il venerdì sera su Rai 2, non decolla. Lo share, cioè la percentuale di coloro che la vedono, rispetto al totale dei telespettatori che sono in ascolto in quel momento, è molto basso: 6,6%. (ItaliaOggi)
  4. ^ 'Italia Oggi'- Rivoluzione a Sky Sport: chiude la redazione romana. URL consultato il 5 aprile 2010.
  5. ^ Tv/ Ascolti record per "Malpensa Italia" di Paragone. Nella puntata presente il direttore di Affari Angelo Perrino. URL consultato il 5 aprile 2010.
  6. ^ Rai, la carica dei vicedirettori. Consiglieri d'opposizione assenti. URL consultato il 5 aprile 2010.
  7. ^ Rai: CdA nomina vicedirettori. A Raidue arriva Paragone. URL consultato il 30 agosto 2010.
  8. ^ PARAGONE CONTRO LIOFREDI:SUI PALINSESTI ESTIVI SI INFIAMMA IL CONFRONTO TRA I VERTICI DI RAI2. URL consultato il 16 aprile 2010.
  9. ^ Ballarò su Rai 1?
  10. ^ Il CdA Rai boccia il progetto di Giovanni Minoli su Rai2 | DavideMaggio.it
  11. ^ L’Ultima Parola: Mai Più Un Leghista Da Paragone. Parola Di Umberto Bossi | Davidemaggio.It
  12. ^ Paragone contro Stracquadanio: «La Rai non è vostra»
  13. ^ Paragone vs Stracquadanio «la Rai non è vostra. Piantatela!»
  14. ^ Gianluigi Paragone A Dm: Mi Sono Rotto Del Talk Show E Dei Politici Che Tirano Il Guinzaglio. Tra Santoro E La Politica Ha Vinto Santoro. | Davidemaggio.It
  15. ^ Gerardo Greco verso Rai3 con Agorà?
  16. ^ L'ultima parola in prima serata venerdì 1 marzo | DavideMaggio.it
  17. ^ Pagelle della settimana tv (25 febbraio - 3 marzo 2013) | DavideMaggio.it
  18. ^ Gianluigi Paragone a La7 ? | DavideMaggio.it
  19. ^ Rai cancella L'ultima parola | Gianluigi Paragone
  20. ^ L'Ultima Parola non sarà cancellata | DavideMaggio.it
  21. ^ Rai 2 pensa a dietrofront, “L’ultima parola” di Paragone torna sul palinsesto tv - Il Fatto Quotidiano
  22. ^ [http://www.leggo.it/SPETTACOLI/TELEVISIONE/paragone_rai_programma_musicale/notizie/302772.shtml PARAGONE PASSA A LA7. E ATTACCA LA RAI: "VOLEVANO DARMI UN PROGRAMMA MUSICALE"]
  23. ^ Dalle 17 diretta su Twitter della presentazione palinsesti Rai Autunno 2013
  24. ^ GIANLUIGI PARAGONE A DM
  25. ^ Comunicato Cairo Communication

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore della Padania Successore
Giuseppe Leoni 2005-2006 Leonardo Boriani
Predecessore Direttore di Libero Successore
Vittorio Feltri 1º agosto 2009 - 13 agosto 2009 (ad interim) Maurizio Belpietro