Moti di Reggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fatti di Reggio)

1leftarrow.pngVoce principale: Storia di Reggio Calabria.

Storia di Reggio Calabria
Città del Mediterraneo
Stemma
Storia di Reggio Calabria
Storia urbanistica di Reggio Calabria
Aschenez e gli Aschenazi
Anassila, tiranno dello Stretto
L'antica Giudecca cittadina
Culto nella polis
La Scuola Pitagorica di Reggio
Punta Calmizzi, Acroterio d'Italia
Via Popilia (Capua-Rhegium)
La Colonna Reggina
Il Poseidonio
La Torre di Giulia
Il Ducato di Calabria
La «Canzone d'Aspromonte»
Madonna della Consolazione
Gran Sigillo dell'Urbe Rhegina
Sindaci dal Medioevo ad oggi
Vescovi da San Paolo ad oggi
Terremoto del 1908
La «Grande Reggio»
I Fatti di Reggio del 1970

Con l'espressione moti di Reggio o rivolta di Reggio si identifica una sommossa popolare avvenuta a Reggio Calabria dal luglio del 1970 al febbraio del 1971, in seguito alla protesta dovuta alla decisione di collocare il capoluogo di regione a Catanzaro con l'istituzione degli enti regionali.

Premesse storico-culturali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia amministrativa della Calabria.

Con l'istituzione dell'ente Regione Calabria nel 1970 era iniziato un dibattito sulla collocazione del capoluogo, poiché più d'una città aspirava a esserlo. In mancanza di enti regionali fino a quella data non vi era legalmente un capoluogo ufficiale, anche se molti testi e pubblicazioni avevano sempre in precedenza indicato la città di Reggio (città tra le più antiche ed importanti di tutta la Magna Grecia) come capoluogo della Calabria, ed alcuni hanno continuato a farlo anche in seguito.

Questa ambiguità ha origini storiche: a partire dall'epoca normanno-sveva e fino all'Unità d'Italia il territorio dell'attuale Regione Calabria era amministrativamente suddiviso in due. Fino a tempi a noi relativamente vicini si diceva "le Calabrie", come testimoniato ancora oggi dalla denominazione ufficiale della Strada Statale 19, detta appunto "delle Calabrie". Il territorio regionale era chiamato quindi Calabria Citeriore, nella parte comprendente l'attuale Provincia di Cosenza, mentre per la restante parte più meridionale della penisola, cioè le attuali Province di Crotone, Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria, la denominazione era quella di Calabria Ulteriore. La Calabria Citeriore ebbe sempre un unico Capoluogo, o meglio, come si sarebbe detto allora, un'unica sede dell'Intendenza nella città di Cosenza (già dal geografo greco Strabone definita Μητρόπολις τῶν Βρεττίων[1], ovvero capitale dei Bretti o Bruzi, e BRVTTIVM era il nome della regione nella denominazione romana).

L'Intendenza di Calabria Ulteriore invece ebbe tre sedi in periodi diversi, ovvero Reggio, Catanzaro e Monteleone Calabro, l'attuale Vibo Valentia. Reggio lo fu dal 1147 al 1443 e dal 1465 al 1582; Catanzaro dal 1443 al 1465 e dal 1593 al 1806; Monteleone dal 1582 al 1593 e dal 1806 al 1816[2]. Quindi ebbero tutte alternativamente giurisdizione sull'allora Calabria Ulteriore. La questione diventò se possibile ancora più complessa a partire dal 1817, anno in cui, nel quadro generale della riorganizzazione amministrativa dei regni di Napoli e di Sicilia, divenuti, per volontà di Re Ferdinando I di Borbone, Regno delle Due Sicilie, la provincia di Calabria Ulteriore fu ulteriormente suddivisa in Calabria Ulteriore Prima e Calabria Ulteriore Seconda, con capoluoghi rispettivamente Reggio e Catanzaro. Tale suddivisione venne mantenuta, sia con l'Unità d'Italia che dopo l'istituzione della Regione Calabria nel 1970, nelle tre amministrazioni provinciali di Cosenza, Catanzaro e Reggio Calabria. L'attuale ripartizione regionale in cinque province risale al 1992 con la nascita della Provincia di Crotone e della Provincia di Vibo Valentia, entrambe frutto della frammentazione in tre del territorio che fino ad allora era appartenuto alla sola Provincia di Catanzaro.

I rapporti di forza[modifica | modifica wikitesto]

Un'immagine di quei giorni
È importante inquadrare i "moti" di Reggio Calabria all'interno dei rapporti di forza esistenti, all'epoca, all'interno del governo nazionale, espressione di una coalizione di partiti di "centro-sinistra". I partiti erano la Democrazia Cristiana, il Partito Socialista ed altri partiti minori. Per la Calabria i parlamentari capaci di esercitare un peso rilevante in sede di Governo centrale erano : Giacomo Mancini (socialista) ex-ministro dei lavori pubblici e segretario del partito socialista e Riccardo Misasi, democristiano, ministro della pubblica istruzione. Entrambi erano di Cosenza e sempre cosentino, anche se reatino di nascita, era Dario Antoniozzi, DC.

Reggio era rappresentata in parlamento, per la coalizione di governo, da Sebastiano (Nello) Vincelli, DC, oggi diremmo un "peone", di certo di peso politico infinitamente inferiore a un Mancini a un Misasi ed anche ad un Antoniozzi. Resta dunque un mistero come mai nella scelta di quella che venne eufemisticamente definita "localizzazione puntuale" della sede del capoluogo di regione a Catanzaro - scelta che avvenne a Roma, in sede di governo nazionale - così come non fu sentita la voce "urlata" di Reggio, neanche la voce secolare di Cosenza fu sentita, nonostante i sui rappresentanti politici, la sua storica centralità culturale, la sua potenziale vicinanza al mondo della comunicazione di massa visto che da sempre è sede regionale della RAI.

Ad ogni modo forse la "logica delle scelte" divenne evidente negli anni successivi :1) l'Università della Calabria a Cosenza; 2) la sede del Capoluogo di Regione a Catanzaro ;3) a Reggio la sede del Consiglio Regionale nonché lo specchietto per le allodole dell'industria di stato: il quinto centro siderurgico dell'industria di stato (IRI) da costruire a Gioia Tauro. Nel mercato europeo e mondiale dell'acciaio non c'era spazio per un altro stabilimento (in Italia c'erano già - e sarebbero stati chiusi o venduti ai privati - Genova, Terni, Napoli e Taranto) e la Liquichimica Biosintesi di Saline Joniche, per la sintesi delle "proteine dal petrolio". Quest'ultima venne costruita, con i soldi dei contribuenti, non produsse mai un grammo di proteine ed entrò a far parte dell'affaire "Rovelli ed IMI-SIR".

I "fatti"[modifica | modifica wikitesto]

la "Repubblica di Sbarre Centrali"
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cronologia dei Fatti di Reggio.

Inizialmente il malcontento popolare fu trasversale a livello politico (ad esclusione del Partito Comunista Italiano, subito dissociatosi), ma in una seconda fase i movimenti di destra, ed in particolare il Movimento Sociale Italiano, assunsero un ruolo di primo piano. Il sindacalista della CISNAL Ciccio Franco, esponente missino, rilanciò il motto «boia chi molla di dannunziana memoria e ne fece uno slogan per cavalcare la tigre della protesta dei reggini per opporsi alla scelta di Catanzaro come capoluogo, indirizzandola in senso antisistemico e neofascista.

Il 13 luglio fu proclamato lo sciopero che ebbe scarsa adesione a seguito della improvvisa defezione della CGIL che dichiarò la propria "indisponibilità per battaglie di tipo campanilistico"[3]. Al contempo prendono le distanze dai manifestanti anche il PCI e il PSI. Il giorno seguente fu proclamato un nuovo sciopero cui partecipò circa un migliaio di persone che percorse corso Garibaldi fino a piazza Italia dove il sindaco Pietro Battaglia, affiancato dal consigliere provinciale del MSI Fortunato Aloi, tenne un comizio.[3] In serata furono occupate la stazione ferroviaria di Reggio e di Villa san Giovanni finché non furono sgombrate da un duro intervento delle forze dell'ordine che arrestarono numerosi manifestanti. Si contarono circa quaranta feriti.

Il 15 luglio furono assaltate dai manifestanti le sedi del PCI e del PSI, partiti che si erano sfilati dalla protesta. Nel reprimere la protesta, la polizia, durante una carica, uccise il ferroviere Bruno Labate iscritto alla CGIL.[4] Il 17 luglio ancora incidenti e lo studente diciassettenne Antonio Coppola viene ricoverato in ospedale in coma e il 18, in occasione dei funerali del ferroviere Bruno Labate la polizia presidiò il corteo imbracciando i mitra.[5] La rivolta, del resto, assunse subito caratteri violenti, collegandola addirittura il 22 luglio 1970 alla strage di Gioia Tauro dove una bomba fece deragliare il "Treno del Sole", Palermo-Torino, provocando sei morti e cinquantaquattro feriti. Il 29 luglio come reazione ad un vertice del centrosinistra, tenutosi a Roma, in cui si parla per Reggio solo di sviluppo industriale, nuovo sciopero generale.

Nascono i vari comitati[modifica | modifica wikitesto]

Nacquero vari comitati tra cui il Comitato unitario per Reggio capoluogo guidato dal sindaco democristiano Pietro Battaglia e da altri esponenti sia democristiani sia missini. Il Comitato d'agitazione nato già nel 1969 sotto la guida dell'avvocato Francesco Gangemi il 29 luglio 1970 si sciolse e costituì il nuovo Comitato unitario. Un altro comitato faceva riferimento all'armatore Amedeo Matacena e all'industriale Demetrio Mauro.

Il Comitato d'azione per Reggio capoluogo[modifica | modifica wikitesto]

Ciccio Franco, leader del Comitato D'Azione per Reggio Capoluogo, durante un comizio

Ma il vero motore organizzativo e politico della protesta popolare fu il Comitato d'azione per Reggio capoluogo nato il 22 luglio 1970 i cui principali esponenti erano Ciccio Franco, il sedicente ex partigiano Alfredo Perna, Rocco Zoccali, Rosario Cassone, Franco Arillotta, Giuseppe Avarna (poeta) duca di Gualtieri e il consigliere provinciale del MSI Fortunato Aloi. Il 30 luglio seimila persone in piazza Italia ascoltarono gli esponenti del Comitato d'azione: parlarono Fortunato Aloi (MSI), Ciccio Franco della Cisnal e l'industriale del caffè Demetrio Mauro.

« Questa è la nostra rivolta, il primo passo della rivoluzione nazionale. »
(Ciccio Franco[5])

Il 17 settembre 1970 Franco e l'"ex partigiano" Alfredo Perna[6] del Comitato d'azione per Reggio Capitale furono arrestati con l'accusa di: istigazione a delinquere e apologia di reato e condannati ma furono tutti rimessi in libertà provvisoria il 23 dicembre 1970. Ma la reazione è devastante: due armerie vengono prese d'assalto, cinquecento persone assaltano la Questura, un poliziotto, Curigliano Vincenzo, 47 anni morì colpito da infarto.

Nuovamente ricercato dalla polizia Ciccio Franco nel febbraio 1971 fu per breve tempo latitante. In questo periodo, nel suo rifugio segreto fu raggiunto e intervistato da Oriana Fallaci[7], ad essa spiegò dal suo punto di vista la nascita dei moti a Reggio:

« Specie nei quartieri popolari v'erano tanti ragazzi che ritenevano che Reggio potesse esser difesa dai partiti della sinistra o di centro-sinistra. E, dopo la posizione assunta dai partiti di sinistra e di centro-sinistra contro Reggio, questi ragazzi hanno ritenuto di dover rivedere la loro posizione anche politicamente. Molti, oggi, fanno i fascisti semplicemente perché ritengono che la battaglia di Reggio sia interpretata in modo fedele solo dai fascisti. »
(Ciccio Franco intervistato da Oriana Fallaci nel febbraio 1971[8])

La città assediata[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 agosto il deputato del PCI Pietro Ingrao tenne un comizio in piazza Italia, ma fu contestato dalla folla, riuscendo a stento a concludere. Il 16 agosto fu formato il nuovo governo presieduto dal democristiano Emilio Colombo. Il 17 L'emittente clandestina "Radio Reggio Libera" diffonde il seguente proclama:

« Reggini! Calabresi! Italiani! Questa è la prima trasmissione di radio Reggio Libera. La battaglia contro l'ipocrisia e lo strapotere della mafia politica e dei baroni rossi riguarda l'avvenire di tutti gli italiani. Essa cesserà solo alla vittoria con l'instaurazione di una vera democrazia. Viva Reggio capoluogo! Viva la nostra Calabria! Viva la nuova Italia!. »

Nella serata stessa sul ponte Calopinace fu ucciso Angelo Campanella, 45 anni, autista dell'Azienda Municipale Autobus di Reggio. Il governo presieduto da Colombo negò qualunque negoziazione con i rappresentanti della protesta e oltre a provvedere all'invio di contingenti militari, iniziò una sistematica opera di demolizione mediatica della rivolta. I mezzi di comunicazione, infatti, dopo un iniziale interessamento, limitarono notevolmente la cronaca riguardo alla rivolta di Reggio e in ogni caso descrissero come "pretestuoso pennacchio" la richiesta dei reggini di ottenere per la propria città il ruolo di capoluogo.

Gli anarchici della Baracca[modifica | modifica wikitesto]

i cinque anarchici della F.A.I. vittime del misterioso incidente sull'autostrada

Seppure molti giovani neofascisti accorsero a Reggio, soprattutto gli universitari missini del FUAN di Messina, la rivolta ebbe una partecipazione popolare e un sostegno anche da parte della sinistra inseguendo la cosiddetta "rivolta proletaria", in vario modo, da parte di Lotta Continua, Movimento Studentesco milanese, Servire il popolo e gli anarchici. Queste le parole scritte in un volantino distribuito da Angelo Casile (uno degli Anarchici della Baracca coinvolto nell'incidente mortale di Ferentino):

« "Padroni bastardi, del capoluogo non sappiamo che farcene! Il capoluogo va bene per i burocrati, gli speculatori, i parassiti, i padroni e i politicanti più grossi; va bene per le manovre dei caporioni locali, per il sindaco Battaglia e per i caporioni falliti. Va bene per il tentativo di questi “uomini importanti” di accrescere il loro potere locale, la loro area di sfruttamento, facendoci sfogare anni di malcontento con la falsa lotta per il capoluogo, dopo che hanno mandato i nostri figli e i nostri fratelli a lavorare all’estero e continuano a sfruttarci nella stessa Reggio. I cosiddetti “datori di lavoro”, che in realtà sono luridi padroni, sono i nostri nemici, quegli stessi che ci mandano allo sbaraglio per il capoluogo, per la Madonna o per la squadra di calcio. Il capoluogo non ci serve! Lottiamo per farla finita con l’emigrazione, con la disoccupazione, con la fame!" »

Il 26 settembre i cinque "anarchici della Baracca", mentre si recavano a Roma per consegnare ad Umanità Nova materiale di denuncia poi mai ritrovato, morirono sull'Autostrada del Sole, all'altezza di Ferentino, in un misterioso incidente stradale causato da un camion. I due camionisti coinvolti, secondo le contro-inchieste portate avanti dagli anarchici[9], tra cui Giovanni Marini[10], erano dipendenti di una ditta facente capo al principe Junio Valerio Borghese[11].

Carmine Dominici, pentito di 'Ndrangheta ed ex militante di Avanguardia Nazionale[12], nel 1994 dichiarò che i cinque anarchici, secondo lui e secondo molti militanti avanguardisti calabresi, sarebbero stati uccisi volontariamente e che l'incidente sarebbe stato simulato, ma di non saperne indicare i responsabili che sicuramente non provenivano dalla Calabria.[13] Inoltre, poco dopo l'incidente accorse sul posto la polizia politica proveniente da Roma, invece che la polizia stradale[14], e si ipotizza che i cinque fossero, dunque, seguiti da polizia e servizi segreti. I dati raccolti da Fabio Cuzzola, nel suo libro Cinque Anarchici del Sud (Città del Sole Edizioni, Reggio Calabria, 2001) depongono per una correlazione tra i guidatori del camion investitore e gli ambienti neo-fascisti del Fronte Nazionale.

Secondo la documentazione di Aldo Giannuli[15] i due camionisti non erano in alcun modo legati all'estrema destra ed a Borghese, anzi, stando alle carte dell'UAAR (Ufficio affari riservati), sarebbero stati simpatizzanti del Partito Socialdemocratico e non del Fronte Nazionale[16]. Per mesi la città fu barricata, spesso isolata, a tratti paralizzata dagli scioperi e devastata dagli scontri con la polizia e gli attentati dinamitardi. Vennero interrotte le comunicazioni ferroviarie arrivando fino alla distruzione delle apparecchiature della stazione di Reggio Calabria Lido. Alla fine della rivolta si contarono sei morti tra i civili[17], centinaia di feriti e migliaia di denunce: il Ministro degli interni Franco Restivo, il 30 settembre 1970 annunciò che "Dal 14 luglio al 23 settembre sono stati compiuti 13 attentati dinamitardi, si sono avuti 33 blocchi stradali, 14 blocchi ferroviari, 3 blocchi portuali e aeroportuali; si sono verificati 6 assalti alla prefettura e 4 alla questura".[18]

La conclusione dei moti[modifica | modifica wikitesto]

La rivolta si concluse solo dopo 10 mesi di assedio con l'inquietante immagine dei carri armati sul lungomare della città. Oltre alla forza, per la soppressione della rivolta si ricorse anche a mediazioni e compromessi politici (il cosiddetto "Pacchetto Colombo") che portarono ad una insolita divisione degli organi istituzionali della Calabria (la giunta regionale a Catanzaro, il consiglio a Reggio Calabria) e all'insediamento nel territorio reggino di apparati produttivi che non furono mai realizzati o furono subito oggetto di speculazioni da parte della 'ndrangheta (es. i poli industriali di Saline Joniche e di Gioia Tauro). Ciccio Franco, eletto al Senato nel 1972, con una votazione plebiscitaria (il 36% dei voti). Durante l'esperienza politica al Senato, Franco fu criticato ferocemente dal senatore socialista Salvatore Frasca per il ruolo avuto nei Fatti di Reggio.

« l'omertà diventa certamente più ferrea, quando non si ha il coraggio di indagare fino in fondo; non arrestando soltanto qualche giovincello iscritto al MSI, ma indagando nelle sedi del Movimento sociale italiano, nei centri della reazione reggina, tra i banchi del Parlamento in cui siedono i Ciccio Franco, gli Aloi ed altri parlamentari della destra nazionale che sono stati i veri caporioni della rivolta di Reggio Calabria, che sono gli autori dei tentativi di strage e delitti che si verificano nella nostra regione. »
(Salvatore Frasca, onorevole, Seduta Parlamentare del 2 febbraio 1973)

Ma queste accuse a Franco come ad Aloi, nella successiva inchiesta del 1994, che riguardò l'operato del MSI reggino al tempo dei "fatti di Reggio" non portarono a nulla e gli indagati, già al termine dell'istruttoria, furono prosciolti.[19] Secondo le accuse di Giacomo Lauro (un pentito della 'ndrangheta), avvenute nel novembre 1993, alcuni esponenti del Comitato d'azione per Reggio Capitale guidato da Franco, avrebbero commissionato[20] alla 'ndrangheta alcune azioni eversive tra cui il deragliamento del treno di Gioia Tauro, avendo ottenuto finanziamenti da alcuni industriali reggini come Demetrio Mauro (imprenditore del caffè) all'armatore Amedeo Matacena senior[21]. Le parole di Lauro furono confermate anche da Carmine Dominici[22], che all'epoca era suo compagno di cella. Nel 1994 Giacomo Lauro ammise anche il proprio diretto coinvolgimento nell'attentato come esecutore materiale.[23]. Le dichiarazioni di Lauro provocarono il coinvolgimento di ex dirigenti dell'MSI come il generale Vito Miceli e l'ammiraglio Gino Birindelli, che si sosteneva avessero avuto rapporti stretti con Junio Valerio Borghese[24] e con la 'ndrangheta come Fortunato Aloi il senatore Renato Meduri di Alleanza Nazionale[25] ipotizzando un piano preciso per destabilizzare il paese a partire dal sud, dopo l'inizio da nord della Strategia della tensione.

Tutti i personaggi coinvolti nell'inchiesta, risultarono innocenti, e furono perciò prosciolti in fase istruttoria[26] ad eccezione di Giacomo Lauro che fu inizialmente assolto il 27 febbraio 2001 per mancanza di dolo. Nel gennaio 2006, si stabilì che il reato di Giacomo Lauro fu di concorso anomalo in omicidio plurimo, ormai prescritto[27]. Lauro fu inoltre uno dei pentiti che contribuirono all'inchiesta avviata dal giudice Guido Salvini di Milano che si occupava delle stragi compiute dai neofascisti degli anni Settanta.[28]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

I moti, anche in seguito all'azione dei neofascisti, sfociarono in una vera e propria rivolta venendo pertanto repressi dal massiccio intervento di carabinieri, polizia e reparti dell'esercito: il bilancio complessivo fu di sei morti, cinquantaquattro feriti e migliaia di arresti. I principali esponenti dei "fatti" furono processati a Potenza: Ciccio Franco fu in primo grado condannato a quattro anni di reclusione per istigazione a delinquere e apologia di reato a seguito del ruolo di leader della rivolta, ma le sue condanne caddero in prescrizione.

Tuttavia Reggio è oggi sede del Consiglio Regionale della Calabria e di autonoma Corte d'Appello; ci sono stati soltanto compromessi politici mantenuti dal governo: gli altri, riguardanti impianti per il rilancio industriale e commerciale, non furono mai attuati, rivelandosi quindi secondo l'opinione pubblica mere promesse di circostanza. Secondo il giornalista Domenico Calabrò i moti di Reggio furono il primo caso di disinformazione organizzata in Italia, facendo passare la ribellione di una città per la protesta di un gruppo di teppisti[29].

La reazione dei partiti di sinistra[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista politico, la reazione più significativa alla rivolta neofascista dei "boia chi molla" la diedero i sindacati dei metalmeccanici e degli edili, che con Bruno Trentin e Claudio Truffi organizzarono una imponente manifestazione il 22 ottobre 1972 a Reggio, nella convinzione che la rivolta fosse motivata da un reale bisogno di riscatto e sviluppo, e che la solidarietà dei lavoratori del nord potesse essere utile. Nella notte tra il 21 e il 22 ottobre 1972 per impedire la manifestazione otto bombe furono fatte esplodere sui treni che trasportavano i lavoratori diretti a Reggio Calabria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strab. VI, 1, 5 C 256.
  2. ^ Secondo Della Calabria illustrata, pag. 641
  3. ^ a b Adalberto Baldoni, "Storia della destra, Dal postfascismo al Popolo della libertà", Edizioni Vallecchi, 2009, Firenze, pag. 140
  4. ^ Adalberto Baldoni, "Storia della destra, Dal postfascismo al Popolo della libertà", Edizioni Vallecchi, 2009, Firenze, pag. 141:"Nel corso di una carica delle forze dell'ordine, viene travolto e ucciso il ferroviere Bruno Labate, iscritto alla SFI-CGIL"
  5. ^ a b Barricate a Reggio Calabria, su "History", n°4, luglio 2011, pag. 16
  6. ^ Polimeni, La rivolta di Reggio Calabria del 1970: politica, istituzioni, protagonisti, Pellegrini editore, 1996
  7. ^ Articolo di La Repubblica "Oriana Fallaci riuscì a intervistarlo per L'Europeo dalla latitanza nel febbraio del 1971"
  8. ^ Ciccio Franco nell'intervista ad Oriana Fallaci, L'Europeo nn. 5-6, 1971 (ristampato marzo 2009)
  9. ^ Mario Caprara e Gianluca Semprini, Neri, la soria mai raccontata della destra radicale, eversiva e terrorista, Edizioni tascabili Newton, Roma 2011, pag 262; Aldo Giannuli ricostruisce la vicenda con dovizia di particolari e mettendo in luce la contraddizione delle fonti della controinformazione di estrema sinistra nel suo Bombe ad inchiostro
  10. ^ http://labussola.altervista.org/page.php?93; "Giovanni Marini, un anarchico di Salerno, dopo l’incidente di Ferentino inizia delle indagini e scopre che l’uomo alla guida dell’autocarro che ha provocato la morte dei ragazzi è un dipendente di Junio Valerio Borghese".
  11. ^ Poteri segreti e criminalità, pag.27.
  12. ^ 4. La strage nera
  13. ^ 'Ndrangheta eversiva, pagg.61-62.Personalmente ritengo che quello dei cinque ragazzi non sia stato un incidente ma un omicidio. E tale opinione è condivisa anche da altri militanti avanguardisti. Non sono assolutamente in grado di indicare chi potrebbe aver preso parte alla presunta azione omicidiaria e, peraltro, era illogico che ci si rivolgesse a militanti calabresi in quanto ciò avrebbe comportato un pericoloso spostamento geografico.
  14. ^ Fabio Cuzzola, Cinque Anarchici del sud
  15. ^ Bombe ad inchiostro del 2008 che si rifà ai documenti dell'Ufficio affari riservati del Ministero dell'Interno
  16. ^ Mario Caprara e Gianluca Semprini, Neri, la soria mai raccontata della destra radicale, eversiva e terrorista, Edizioni tascabili Newton, Roma 2011, pag 262-263: Non è vero, per esempio, come scritto, che i due camionisti che provocarono l'incidente, i fratelli Serafino e Ruggiero Aniello, fossero dipendenti di una ditta di estrema destra....Peraltro i due camionisti, stando alle carte dell'UAAR (Ufficio affari riservati), sarebbero stati simpatizzanti del PSDI e non del Fronte Nazionale. Certo che erano dei veri pirati della strada questi fratelli Aniello, visto che il camion da loro portato, targato SA 135371, il 28 ottobre del 1970, causò un tamponamento, alle porte di Milano, in cui morirono 8 persone e ne restarono ferite 40
  17. ^ I moti di Reggio
  18. ^ http://legislature.camera.it/_dati/leg05/lavori/stenografici/sed0323/sed0323.pdf
  19. ^ Osservatorio Democratico
  20. ^ Osservatorio Democratico: "Giacomo Lauro indicò negli ambienti di Avanguardia Nazionale e del “Comitato d’azione per Reggio capoluogo” gli ispiratori della strage. Accusò Renato Marino, Carmine Dominici, Vito Silverini, Vincenzo Caracciolo e Giovanni Moro, di essere stati “il braccio armato che metteva le bombe e faceva azioni di guerriglia” per conto del “Comitato”, diretto da Ciccio Franco,”".
  21. ^ Osservatorio Democratico"Tra i finanziatori indicò il “commendatore Mauro”, “quello del caffè”, e l’imprenditore “Amedeo Matacena”, “quello dei traghetti”. “Davano i soldi” – testimoniò – “per le azioni criminali, per la ricerca delle armi e dell’esplosivo”".
  22. ^ Osservatorio Democratico"Il 30 novembre 1993 confermò le parole di Giacomo Lauro".
  23. ^ Osservatorio Democratico"Giacomo Lauro, in un interrogatorio dell’11 novembre del 1994, alla fine confessò anche le proprie responsabilità".
  24. ^ http://altravocedelsannio.webnode.it/news/ndrangheta-politica-massoneria-malaffare-le-inchieste-insabbiate-di-cordova-e-de-magistris/ "prova di questo ci sono le dichiarazioni del pentito Giuseppe Albanese che nel 1974 riferì di una riunione avvenuta in una villa di proprietà della famiglia Borghese lungo la Costa degli dei. A questo incontro parteciparono i boss della ‘ndrangheta locale; membri dei servizi deviati; Stefano Delle Chiaie, fondatore di avanguardia nazionale; Lino Salvini, gran maestro del Grande Oriente d’Italia, accompagnato dai massoni marchesi Felice e Carmelo Genovese Zerbi, dai generali Gianadelio Maletti e Vito Miceli, dall’ammiraglio Gino Birindelli e da Edgardo Sogno"
  25. ^ Osservatorio Democratico: "Nel luglio 1995, per concorso nella strage di Gioia Tauro, furono indagati dalla procura distrettuale di Reggio Calabria, l’armatore Amedeo Matacena, Angelo Calafiore, ex-consigliere provinciale di Reggio Calabria per il Msi- Destra nazionale, l’On. Fortunato Aloi ed il senatore Renato Meduri, entrambi di Alleanza nazionale".
  26. ^ Osservatorio Democratico"Furono prosciolti tutti in istruttoria".
  27. ^ Osservatorio Democratico"Stabilì che il reato di Giacomo Lauro fu di concorso anomalo in omicidio plurimo, ormai estinto per prescrizione".
  28. ^ [1] "sostiene il procuratore antimafia: <<Mi auguro però che Giacomo Lauro possa continuare a collaborare con noi, perché è fondamentale per moltissime inchieste ancora in corso>> "
  29. ^ ''Boia chi molla, rivolta di una città privata di tutto''. Calabrò rilegge i fatti di Reggio - Adnkronos Cultura

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Ambrosi, La rivolta di Reggio. Storia di territori, violenza e populismo nel 1970, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2009, ISBN 978-88-498-2307-3
  • Luigi Ambrosi, Regionalizzazione e localismo: La rivolta di Reggio Calabria del 1970 e il ceto politico calabrese, «Storicamente», 6 (2010)
  • Fabio Cuzzola, Reggio 1970. Storie e memorie della Rivolta, Donzelli editore, Roma, 2007, ISBN 88-6036-102-8
  • F. Aliquò-Taverriti, Reggio è il capoluogo della Calabria, ed. Corriere di Reggio, 1970;
  • Fortunato Aloi, Reggio Calabria oltre la rivolta, Il Coscile, 1995;
  • Pasquale Amato, Reggio capoluogo morale. La rivincita della Storia a 28 anni dalla Rivolta, Città del sole edizioni, Reggio Calabria, 1998;
  • T. Bagnato e A. Dito, Reggio Calabria capoluogo di regione, 1970;
  • Pietro Battaglia, Enzo Laganà, Io e la Rivolta. Una città, la sua storia, Falzea editore, Reggio Calabria, 2001;
  • Felice Borsato, Guerriglia in Calabria. Luglio 1970 - Febbraio 1971
Prima edizione: Documenti, Roma, 1972;
Nuova edizione: Settimo Sigillo, 2001;
  • Giusva Branca, Francesco Scarpino, Reggio Calabria e la sua Reggina un intreccio di storia e destini 1964-2002, Laruffa, Reggio Calabria 2002, ISBN 88-7221-177-8;
  • Franco Bruno, Luigi Malafarina, Santo Strati, "Buio a Reggio"
Prima edizione: Edizioni Parallelo 38, Reggio Calabria, 1971;
Nuova edizione: Città del sole edizioni, Reggio Calabria, 2000;
  • Domenico Calabrò, Reggio: dalla rivolta alla riconciliazione, Mediasmart, 2010
  • Francesco Catanzariti, Ripensando la rivolta di Reggio Calabria, Luigi Pellegrini, 1999;
  • Categorie Economiche e Sindacati Professionali della provincia di Reggio Calabria (a cura di), Reggio è il capoluogo della Calabria, 1970;
  • Curia Metropolitana di Reggio Calabria (a cura della), Significato di una presenza, 1970;
  • Fabio Cuzzola, Cinque anarchici del sud (una storia negata), Città del sole edizioni, Reggio Calabria, 2001;
  • Fabio Cuzzola, Valentina Confido, "Fuori dalle barricate", Città del sole edizioni, Reggio Calabria, 2010;
  • Fabrizio D'Agostini, Reggio Calabria. I moti del luglio 1970 - febbraio 1971, Feltrinelli, Milano, 1972;
  • Francesco Fiumara, Per Reggio Capoluogo, la Procellaria, Reggio Calabria, 1971;
  • Gruppo d'Intesa (a cura del), Analisi di una rivolta, Reggio Calabria, 1970;
  • Gruppo d'Intesa (a cura del), un appello dall'estremo Sud, Reggio Calabria, 1970;
  • Gruppo d'Intesa (a cura del), Testimonianze, Reggio Calabria, 1971;
  • L. M. Lombardi Satriani, Reggio Calabria rivolta e strumentalizzazione, Qualecultura, Vibo Valentia, 1971;
  • Girolamo Polimeni, La rivolta di Reggio Calabria del 1970: politica, istituzioni, protagonisti, Pellegrini editore, 1996
  • Giuseppe Reale, Reggio in fiamme, Parallelo 38, Reggio Calabria, 1970;
  • Gianni Rossi, La rivolta. Reggio Calabria: le ragioni di ieri e la realtà di oggi, 1990;
  • Scarpino Francesco, La rivolta di Reggio Calabria tra cronaca e mass-media, Laruffa, Reggio Calabria 1998, ISBN 88-7221-099-2;
  • Scarpino Francesco, Un popolo in rivolta. I moti di Reggio Calabria del 1970 e la politica, Laruffa, Reggio Calabria, 2000, ISBN 88-7221-169-7;
  • Aldo Sgroj, La rivolta di Reggio vent'anni dopo, Gangemi, Reggio Calabria, 1990.
  • Antonino Stillittano, "Reggio capoluogo, fu vero scippo?", Città del sole edizioni, Reggio Calabria, 2005.
  • Carla Capece Minutolo, Catanzaro: Città di storia e di cultura, Edizioni Edil Project, 2001.
  • L. Marsico, Catanzaro nella Storia, 1973, 28-35.
  • G. Isnardi, Frontiera calabrese, Napoli, 1965, 131.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]