Sommossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una sommossa a Minneapolis.

Una sommossa è una forma di disordine caratterizzata da gruppi non omogenei di individui.

Storicamente con questo termine si identificavano tutte quelle manifestazioni popolari contro precarie condizioni di vita, oppressione da parte di governi troppo duri, tasse troppo onerose.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Spesso è accompagnata da violenza estrema, vandalismo e altre forme di criminalità, ed è per questo che la situazione può sfuggire al controllo delle forze dell'ordine. Sono tipicamente caotiche e mosse da azioni individualiste e non coordinate tra loro, ma possono presentare comportamento del gregge.

Solitamente non è presente un leader o un fine uniforme, il più delle volte sono manifestazioni spontanee e disorganizzate.

Durante le sommosse possono verificarsi anche danneggiamenti e distruzioni di proprietà pubbliche e private, specialmente negozi, automobili, ristoranti, sedi di istituzioni ed edifici di culto.

Cause scatenanti[modifica | modifica sorgente]

Le sommosse tendono ad accendersi a causa di intolleranze razziali, religiose, politiche, tasse elevate. Talvolta anche durante manifestazioni sportive si possono avere disordini per tensioni tra tifoserie[1][2].

Sommosse famose[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Samp-Genoa, scontri fra tifosi.
  2. ^ Udine, scontri fra tifoserie, alcuni feriti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]