Castellina Marittima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castellina Marittima
comune
Castellina Marittima – Stemma Castellina Marittima – Bandiera
Castellina Marittima – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pisa-Stemma.png Pisa
Amministrazione
Sindaco Federico Lucchesi dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate 43°24′46″N 10°34′38″E / 43.412778°N 10.577222°E43.412778; 10.577222 (Castellina Marittima)Coordinate: 43°24′46″N 10°34′38″E / 43.412778°N 10.577222°E43.412778; 10.577222 (Castellina Marittima)
Altitudine 375 m s.l.m.
Superficie 45,71 km²
Abitanti 2 055[1] (31-12-2010)
Densità 44,96 ab./km²
Frazioni Le Badie, Malandrone, Terriccio
Comuni confinanti Cecina (LI), Chianni, Riparbella, Rosignano Marittimo (LI), Santa Luce
Altre informazioni
Cod. postale 56040
Prefisso 050
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 050010
Cod. catastale C174
Targa PI
Cl. sismica zona 3s (sismicità bassa)
Nome abitanti castellinesi
Patrono san Giovanni Decollato
Giorno festivo 29 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castellina Marittima
Posizione del comune di Castellina Marittima all'interno della provincia di Pisa
Posizione del comune di Castellina Marittima all'interno della provincia di Pisa
Sito istituzionale

Castellina Marittima è un comune di 2.053 abitanti della provincia di Pisa.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Clima[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Forse villaggio di origini etrusche come documentano alcuni reperti archeologici, Castellina fu castello signorile, documentato dal 1276, facente parte della pieve di San Giovanni di Camajano (Castelnuovo della Misericordia).

Il castello fu venduto alla Repubblica di Pisa da Ildebrandono di Sovana. Nel 1406 si sottomise a Firenze con il resto della campagna pisana. Nel 1628 i Medici la elevano a feudo granducale col titolo di marchesato concesso a un ramo collaterale degli stessi Medici, la cui estensione andava dal fiume Fine fino a Monte Vaso con il centro di Pomaia.

Accolse nel 1860 con voto unanime l'annessione al regno d'Italia. Storicamente ebbe attività eminentemente agricole con la produzione soprattutto di cereali, impoverendo gran parte del suo territorio ricco di foreste di cerri e boschi. All'inizio del XIX secolo fu aperta un cava di alabastro.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]


Cultura[modifica | modifica sorgente]

Musei[modifica | modifica sorgente]

  • Ecomuseo dell'alabastro

Persone legate a Castellina Marittima[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Musica W: rassegna musicale di gruppi indipendenti

Economia[modifica | modifica sorgente]

Il paese di Castellina Marittima è stato famoso, fino alla prima parte del secolo scorso, per l'escavazione dell'alabastro, usato dagli artigiani locali e della vicina città di Volterra, per la produzione di splendide opere d'arte.

Attualmente l'economia locale è basata sull'agricoltura, il turismo e alcune attività produttive.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Il municipio

Il Sindaco di Castellina Marittima è Federico Lucchesi eletto a Marzo 2010 con la lista "CentroSinistra Castellina".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]