Orciano Pisano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Orciano" rimanda qui. Se stai cercando il comune in provincia di Pesaro e Urbino, vedi Orciano di Pesaro.
Orciano Pisano
comune
Orciano Pisano – Stemma Orciano Pisano – Bandiera
Orciano Pisano – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pisa-Stemma.png Pisa
Sindaco Giuliana Menci Filippi (lista civica Uniti per Orciano di centrodestra) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate 43°30′00″N 10°31′00″E / 43.5°N 10.516667°E43.5; 10.516667 (Orciano Pisano)Coordinate: 43°30′00″N 10°31′00″E / 43.5°N 10.516667°E43.5; 10.516667 (Orciano Pisano)
Altitudine 122 m s.l.m.
Superficie 11 km²
Abitanti 623[1] (31-12-2010)
Densità 56,64 ab./km²
Comuni confinanti Collesalvetti (LI), Crespina Lorenzana, Fauglia, Rosignano Marittimo (LI), Santa Luce
Altre informazioni
Cod. postale 56040
Prefisso 050
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 050023
Cod. catastale G090
Targa PI
Cl. sismica zona 3s (sismicità bassa)
Nome abitanti orcianesi
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Orciano Pisano
Posizione del comune di Orciano Pisano all'interno della provincia di Pisa
Posizione del comune di Orciano Pisano all'interno della provincia di Pisa
Sito istituzionale

Orciano Pisano è un comune italiano di 628 abitanti della provincia di Pisa, il meno popolato della provincia.[2]

« Castello che apparteneva a Pisa, e che nel 1404 fu venduto a Firenze da Pietro Gaetani a prezzo della fiorentina cittadinanza. Ora è un villaggio di poche abitazioni, in mezzo alle quali è una piazza. La chiesa parrocchiale resta isolata fuori di Orciano per la parte di mezzodì. Nel lato opposto ed isolato anch'esso, è un oratorio pubblico o confraternita. »
(Attilio Zuccagni-Orlandini, Indicatore topografico della Toscana granducale (1856)[3])

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Orciano Pisano è situato nei dolci rilievi della Colline Pisane a 122 metri sul livello del mare, fra la Val di Tora e la Val di Fine, a pochi chilometri dal mare. Si trova a sud della Piana di Pisa, a est delle Colline Livornesi, a ovest della Valdera, e a nord della Val di Cecina e dell'area volterrana. Dista 30 km circa da Pisa, 21 km da Livorno e 12 km da Rosignano Marittimo.

Piccole porzioni dell'estremità meridionale del territorio comunale di Orciano Pisano, ai confini con Rosignano Marittimo, ricadono nella Maremma Pisana.

Il dolce paesaggio ondulato è caratterizzato da colline argillose ricoperte di strati di tufo con contenuta vegetazione arbustiva, che ricordano le Crete Senesi e la Val d'Orcia.

Geologia e paleontologia[modifica | modifica sorgente]

La relazione di Lawley sulla scoperta di Orciano (1879)

Tutta l'area delle colline pisane che si estende da Orciano fino a Volterra è ricca dei resti fossili di invertebrati e vertebrati marini vissuti milioni di anni fa durante il Pliocene, quando metà della Toscana, abbassata rispetto al suo livello attuale, era sommersa dalle acque del mare e la linea di costa era spostata nell'entroterra di parecchi chilometri rispetto ad oggi. Orciano è sotto molti aspetti la località delle colline Toscane più importante dal punto di vista paleontologico, particolarmente per i resti di vertebrati che comprendono pesci ossei, pesci cartilaginei come gli squali, chelonidi, carnivori come le foche e soprattutto cetacei quali delfini e balene.

Il primo importante contributo alla conoscenza paleontologica del territorio è opera di Vittorio Pecchioli che nel 1864 pubblicò alcune specie nuove di molluschi qui rinvenuti. Nel 1871 Cesare D'Ancona, allora responsabile della Collezione Centrale Italiana di Paleontologia conservata a Firenze (ora parte del Museo di Storia Naturale), pubblicò il primo volume della Malacofauna Pliocenica Italiana dove i gasteropodi fossili di Orciano hanno un ruolo fondamentale. Nel 1875, il naturalista toscano Roberto Lawley, allievo di Vittorio Pecchioli e proprietario della maggiore collezione di fossili di provenienza locale, pubblicò alcuni importanti lavori sui pesci fossili di Orciano. Nello stesso anno rinvenne alcuni resti frammentari in seguito attribuiti alla foca Pliophoca etrusca, specie descritta nel 1900 quando venne scoperto uno scheletro quasi completo ora olotipo della specie. Il rinvenimento fatto nelle argille sabbiose affioranti presso Casa Nuova, una località a sud di Orciano Pisano, fu opera di Antonio Di Pasco, un appassionato cercatore di fossili. Questo scheletro di particolare valore per la sua buona conservazione e per la rarità, è attualmente conservato nel Museo di Storia Naturale e del Territorio dell'Università di Pisa.

In tempi più recenti, nel 2006, sempre nei pressi di Casa Nuova è stato rinvenuto da un paleontofilo lo scheletro finemente articolato di un misticete lungo dieci metri vissuto tre milioni di anni fa. L'esemplare è stato riportato alla luce nel 2007 ed è ora conservato presso il Museo di storia naturale sezione di geologia e paleontologia, dell'Università di Firenze. Il suo interesse, al di là del particolare valore dello scheletro, risiede nella particolarissima fauna fossile trovata associata alle ossa, testimonianza di un ecosistema chemiosintetico (non dipendente dalla luce) alimentato dal grasso della balena. La rivista internazionale *Geology* ha dedicato la *copertina* e un *articolo* al ritrovamento.

Nel 2009 alcuni ricercatori del Museo Geopaleontologico GAMPS hanno rinvenuto alcuni resti di un cucciolo di phocidae e attribuiti dagli studiosi dell'Università di Pisa alla Pliophoca etrusca.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Idrografia[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'area in cui si estende il territorio comunale è classificata a rischio sismico. Proprio la località di Orciano Pisano fu l'epicentro del forte terremoto del 14 agosto 1846, che raggiunse la magnitudo 5.71 della Scala Richter e l'VIII-IX grado della Scala Mercalli.[4]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Ursiano, forse in origine feudo di una famiglia di origine longobarda, è attestato in antiche pergamene pisane sin dall'VIII secolo, conservate oggi all'Archivio Arcivescovile di Pisa. Il castello fu posto successivamente sotto la sovranità di Pisa, e nel 1313 risulta unito alla Pieve di Scutriano.

Dipendente dal Vicariato delle Colline o di Lari, fu feudo pisano concesso a Pietro Caetani che lo vendette a Firenze nel 1405 in cambio di una grande casa nella città. Nel 1406 la Repubblica di Pisa venne annessa a quella fiorentina.

Nel 1494, in seguito alla ribellione di Pisa nei confronti di Firenze, Orciano ritornò sotto la sovranità pisana con i castelli vicini di Santo Regolo e Santa Luce. Più volte perduto e riconquistato dai Pisani, finché i fiorentini non ebbero la meglio e sconfissero definitivamente l'esercito pisano, soffocando in questo modo ogni velleità autonomista. Riconquistato dai fiorentini, Orciano venne incendiato e le sue fortificazioni smantellate.

Distaccato dal vicariato di Lari, passò sotto il Capitanato di Livorno e divenne feudo autonomo col titolo di marchesato, conferito nel 1630 a Roberto degli Obizzi di Padova. Tale rimase fino alla sua soppressione nel 1783, quando tornò sotto il vicariato di Lari e successivamente alla podesteria di Rosignano Marittimo, come comunità autonoma. Dal 1927 al 1957 il comune di Orciano fu accorpato a quello di Santa Luce, formando il comune di Santa Luce Orciano (km² 77; 3571 abitanti nel 1951). I due comuni furono nuovamente divisi nel 1957.

Chiesa di San Michele, Orciano Pisano

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Il toponimo è attestato per la prima volta nel 765 come Ursiano e deriva dal nome di persona latino Ursius più il suffisso latino -anus che indica possesso, per cui Orciano etimologicamente significa il "terreno di Ursio". La specificazione Pisano fu aggiunta nel 1862 per distinguere questo comune da Orciano di Pesaro nelle Marche.

Luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Chiese e luoghi di culto[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Orciano[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Gian Luigi Mogre Centro Sindaco

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Attilio Zuccagni-Orlandini, Indicatore topografico della Toscana granducale, Giuseppe Polverini Editore, Firenze 1856, p. 245.
  4. ^ http://emidius.mi.ingv.it/DBMI04/consultazione/terremoto.php?visualizzazione=svg Stucchi et al. (2007). DBMI04, il database delle osservazioni macrosismiche dei terremoti italiani utilizzate per la compilazione del catalogo parametrico CPTI04. Quaderni di Geofisica, INGV.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Roberto Lawley, Nuovi denti fossili di Notidanus rinvenuti ad Orciano Pisano, Atti della Società Toscana di Scienze Naturali, Vol. IV, Firenze 1879, pp. 196–202.
  • Pietro Riccardo Ugolini, Lo Steno bellardii Portis del Pliocene di Orciano Pisano, Atti della Società Toscana di Scienze Naturali, Memorie, Vol. XVII, Firenze 1899 pp. 132–143.
  • Attilio Zuccagni-Orlandini, Indicatore topografico della Toscana granducale, Giuseppe Polverini Editore, Firenze 1856

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana